Login con

Pharma

02 Maggio 2022

Farmaceutica, Egualia: al via formazione per le associate. Focus su ambiente, sociale e governance


Egualia lancia un percorso formativo per fornire alle aziende associate gli strumenti per calibrare e gestire il proprio impatto in termini ambientali, sociali e di governance con la premessa che le probabilità di avere successo e generare rendimenti aumentano quando le creano valore per tutti i soggetti con cui interagiscono e per la società in generale, ambiente incluso. 

I cambiamenti climatici, l’invecchiamento demografico e le disuguaglianze richiedono soluzioni radicali e pongono le aziende di fronte alla necessità di operare nel rispetto dei tre pilasti della sostenibilità - ambientale, sociale ed economica - per assumere buone decisioni d’investimento a lungo termine e preservare il valore delle stesse nel tempo. Da questa consapevolezza trae spunto il progetto formativo sui temi della sostenibilità e dei fattori ESG (Environmental, Social and Governance) inaugurato oggi da Egualia, in collaborazione con l’Associazione Civita, la società Nomisma e il Centro Studi Parlamentari Nomos. Il progetto punta a realizzare un percorso di approfondimento tematico, specifico per le aziende dell’industria del farmaco, al fine di fornire a tutti i partecipanti gli strumenti teorici e pratici relativi all’uso dei fattori ESG e necessari a presentare i bilanci di sostenibilità.

«Le imprese hanno maggiori probabilità di avere successo e generare rendimenti se creano valore per tutti i soggetti con cui interagiscono e per la società in generale, ambiente incluso. Per questo molte società stanno riorganizzando i propri modelli di business per integrare la sostenibilità nelle strategie aziendali e stanno iniziando a considerare il reporting ambientale, sociale e di governance non come un onere normativo, ma come uno strumento per attrarre investitori e finanziamenti. Le aziende del nostro comparto non vogliono farsi trovare impreparate davanti alle nuove sfide dotandosi degli strumenti giusti per calibrare e gestire il proprio impatto in termini ambientali, sociali e di governance», spiega il presidente di Egualia, Enrique Häusermann, commentando l’iniziativa.

«Gli incontri programmati nell’ambito del progetto puntano a sensibilizzare le aziende sui temi inerenti della sostenibilità e dei fattori ESG, promuovendo un cambio di paradigma culturale - spiega Boris Popov, economista e Project Manager di Nomisma -. La conoscenza delle stringenti normative promosse a livello europeo e del loro impatto sul modo di fare impresa nel futuro prossimo aiuterà le aziende a prendere consapevolezza delle nuove opportunità di mercato che possono derivare dal cambiamento - sviluppo prodotti, investimenti, gestione della catena di fornitura, certificazioni, marketing e comunicazione, accesso al credito – e le metterà in grado di realizzare il proprio Bilancio di Sostenibilità per la disseminazione delle informazioni non finanziarie relative alla propria attività». 

«Le aziende devono assumere sempre di più un approccio nella visione e gestione dell’impresa orientato alla ricerca di un equilibrio fra profitto economico e generazione di “valore condiviso” con gli stakeholder interni ed esterni, ovvero con tutti i soggetti che possono influire o essere influenzati dall’attività dell’impresa stessa. In quest’ottica» ha spiegato Simonetta Giordani, Segretario Generale dell’Associazione Civita -organizzazione non profit di imprese ed enti di ricerca, attiva nel dialogo pubblico-privato nei settori della cultura, del turismo, del made in Italy e della sostenibilità - ed esperta di Corporate social responsibility. 

«Parliamo di un futuro già scritto - commenta Licia Soncini, presidente del Centro studi parlamentari Nomos e consigliera di Atlantia, che interverrà nel percorso sia con la sua testimonianza che con un focus normativo specifico sul settore farmaceutico. - Il nuovo quadro normativo europeo in corso di definizione metterà la sostenibilità sempre più al centro del confronto tra intermediari, gestori e investitori. La finanza sostenibile sarà il leitmotiv del mercato economico. Le imprese non virtuose sotto il profilo sociale e ambientale potrebbero ad esempio avere difficoltà ad accedere al credito, mentre le aziende che faranno della sostenibilità un driver proprio, con impatti positivi misurati e rendicontati, ne ricaveranno benefici e continuità di crescita».



Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

29/02/2024

UCB Pharma ha deciso di supportare l’iniziativa “ColorUp4RARE”, ideata da EURORDIS – Malattie Rare Europa, Associazione europea che ha istituito questa...

29/02/2024

In occasione della Giornata Mondiale delle Malattie Rare 2024, Sanofi lancia la sua campagna “La Ricerca più Preziosa” volta a dare il proprio contributo di...

29/02/2024

Il gruppo chimico-farmaceutico Zambon con sede a Bresso nel Milanese, attraverso la controllata elvetica Zambon Biotech, ha siglato con la statunitense Amneal...

29/02/2024

L’Emilia-Romagna è stata considerata fino ad oggi una tra le regioni italiane all’avanguardia nel campo della terapia con radioligandi (RLT), che rappresenta...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top