Login con

Pharma

15 Febbraio 2023

Ricerca e sviluppo, gli investimenti delle aziende biofarmaceutiche

Nel 2022 le top 20 aziende biofarmaceutiche hanno investito 139 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo, il costo medio per lo sviluppo di un prodotto nel 2022 è cresciuto a 2.284 milioni di dollari, in linea con i dati pre-pandemia del 2018-2020, ma il miglioramento della produttività osservato nel 2021 non è continuato


Ricerca e sviluppo, gli investimenti delle aziende biofarmaceutiche

Nel 2022 le top 20 aziende biofarmaceutiche hanno investito 139 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo, il costo medio per lo sviluppo di un prodotto nel 2022 è cresciuto a 2.284 milioni di dollari (+298 milioni di dollari rispetto al 2021), in linea con i dati pre-pandemia del 2018-2020, ma il miglioramento della produttività osservato nel 2021 non è continuato: il tasso di rendimento interno medio nel 2022 è sceso all’1,2% rispetto al picco del 2021, la media delle vendite previste per prodotto della pipeline nel 2022 è diminuita a 389 milioni di dollari (500 milioni di dollari nel 2021). È quanto emerge dalla tredicesima edizione del report del Deloitte Center for Health Solutions “Seize the digital momentum: Measuring the return from Pharmaceutical Innovation 2022” sulle prestazioni dell'industria biofarmaceutica nel generare ritorni dagli investimenti in nuovi farmaci innovativi.
Nel 2021 si è osservato un notevole aumento del tasso di rendimento interno medio (IRR) al 6,8%, guidato principalmente dall’entità delle risorse COVID-19 (inclusi vaccini e trattamenti). Tuttavia, poiché alcuni di questi asset relativi al COVID-19 sono entrati nel portafoglio commerciale, l'IRR medio nel 2022 è sceso all'1,2%.
La media delle vendite previste per prodotto della pipeline nel 2022 è diminuita a 389 milioni di dollari dai 500 milioni di dollari nel 2021. Questo calo – che ha portato il valore del 2022 pressoché ai livelli del 2020 – è determinato principalmente dal numero di beni di alto valore che hanno lasciato la pipeline quest'anno.
Nel 2022, si prevede che solo una delle società analizzate raggiungerà, in tutte le sue attività, un picco medio di vendite attese superiore a 1 miliardo di dollari, e che solo cinque saranno potenzialmente in grado di migliorare il proprio rendimento medio per prodotto rispetto al 2021.

“Il ritorno ai livelli di rendimento sperimentati prima della pandemia – ha commentato Valeria Brambilla, Life Sciences & Health Care Industry Leader area Central Mediterranean di Deloitte - riflette la principale sfida che i player del settore biofarmaceutico devono affrontare con riferimento alla produttività: l’aumento dei costi e il concomitante calo dei rendimenti. Accanto al miglioramento della produttività rispetto ai rendimenti, le organizzazioni del settore – spiega Brambilla - devono continuare il loro percorso di crescita, grazie anche alla spinta della digitalizzazione, rafforzando la raccolta e analisi di dati utili per le sperimentazioni cliniche decentralizzate; ampliando la diversità degli studi clinici per promuovere l'equità e migliorare i risultati clinici per tutti; ma anche orientandosi verso operazioni di ricerca e sviluppo più sostenibili sia dal punto di vista ambientale che dell’efficienza”.
Se l'aumento dei tempi di ciclo e dei costi per lo sviluppo di un asset, insieme a una previsione inferiore delle vendite medie, rilevata nell'analisi di quest'anno, suggerisce che potrebbe essere necessario più tempo affinché quanto appreso dalla pandemia abbia un effettivo impatto; tuttavia, le organizzazioni del settore possono focalizzarsi su alcune azioni immediate in grado di contribuire a trasformare la redditività della ricerca e sviluppo: fare leva sulla digitalizzazione per rafforzare la raccolta e l'analisi di dati significativi per le sperimentazioni cliniche decentralizzate; ampliare la diversità degli studi clinici per promuovere l'equità e migliorare i risultati clinici per tutti e orientarsi verso attività di ricerca e sviluppo sostenibili dal punto di vista ambientale, migliorando al tempo stesso l'efficienza.

La pandemia ha accelerato l'approccio del biofarmaceutico alla digitalizzazione, instillandola in ogni aspetto del lavoro e trasformando le esperienze di pazienti e partner. Il percorso verso la trasformazione digitale, che in genere richiede diversi anni, è avvenuto improvvisamente nel giro di pochi mesi, determinando cambiamenti radicali nel modo in cui le aziende conducono le operazioni, e ha aperto la strada a una maggiore innovazione nelle sperimentazioni cliniche.

Le sperimentazioni cliniche di domani saranno adattate alle esigenze di praticità, mediche e comportamentali di diverse popolazioni di pazienti colpite dalle malattie. Con il decentramento della sperimentazione come prassi, la sperimentazione clinica virtuale del futuro comporterà un onere minore per i pazienti. Sarà ricca di dati grazie all'elevata frequenza e al volume di misurazioni e ridurrà l'impatto ambientale grazie alla riduzione dei viaggi, al minor numero di centri di ricerca e alla riduzione dei casi di non aderenza e di abbandono dei pazienti. Tali studi clinici miglioreranno sostanzialmente la redditività e l'efficacia in termini di costi per lo sviluppo di farmaci attraverso l'innovazione digitale mirata. A livello di settore, la creazione di reti di sperimentazione clinica, un'attenzione radicata alla sostenibilità e un'ampia collaborazione lungo tutto l'ecosistema sanitario costituiranno i pilastri centrali della ricerca e dello sviluppo.

TAG: AZIENDE, FARMACEUTICA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

19/07/2024

Il glioblastoma è il tumore cerebrale più aggressivo con un tasso di sopravvivenza a lungo termine inferiore al 2%. Nonostante la ricerca, la prognosi rimane infausta, ma nuove prospettive possono...

19/07/2024

Passi in avanti nella lotta contro il tumore grazie al lavoro dei ricercatori dell'Irst di Meldola, nel forlivese. Una nuova tripletta di farmaci potrebbe cambiare lo standard di cura dei pazienti...

19/07/2024

Dai problemi legati agli aspetti sociali a quelli in ambito familiare, come il rapporto con i figli o la sessualità, fino agli aspetti correlati al mondo del lavoro e all’inserimento...

19/07/2024

Nella perdurante assenza di una legge che regoli la materia, i requisiti per l'accesso al suicidio assistito restano quelli stabiliti dalla sentenza n. 242 del 2019, compresa la dipendenza del...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top