Login con

Pharma

02 Febbraio 2023

Farmaceutica, Roche chiude 2022 con +7% di fatturato complessivo

Roche S.p.A., la divisione farmaceutica del gruppo in Italia, chiude il 2022 - anno che ha segnato i 125 anni di presenza dell’Azienda nel nostro Paese - registrando un fatturato complessivo di 849,7 milioni di euro. L’azienda, si legge in una nota negli ultimi 5 anni ha investito più di 220 milioni di euro in ricerca clinica nel nostro Paese


Roche S.p.A., la divisione farmaceutica del gruppo in Italia, chiude il 2022 - anno che ha segnato i 125 anni di presenza dell’Azienda nel nostro Paese - registrando un fatturato complessivo di 849,7 milioni di euro (+7% sul 2021). L’azienda, si legge in una nota negli ultimi 5 anni ha investito più di 220 milioni di euro in ricerca clinica nel nostro Paese, oltre 46 milioni solo nel 2022: sono stati gestiti 261 studi clinici, su 71 molecole, di cui hanno beneficiato 17.631 mila pazienti in oltre 190 centri italiani.

“Siamo orgogliosi di aver chiuso il 2022, anno della celebrazione dei nostri 125 anni in Italia, registrando una crescita del fatturato di 54 milioni rispetto all’anno precedente – dichiara Maurizio de Cicco, Presidente e Amministratore Delegato di Roche S.p.A. – Un risultato che supera le nostre aspettative e che assume ancora più valore se pensiamo al difficile contesto generale nel quale ci siamo mossi. Ciò che da sempre ci guida è l’innovazione che si sostanzia anche negli investimenti in ricerca clinica, un asset estremamente importante per l’intero sistema perché offre la possibilità ai pazienti di avere accesso anticipato all’innovazione terapeutica ma ricopre anche un grande valore socioeconomico sia per le strutture sanitarie sia per l’intero SSN. Per questo accogliamo con grande soddisfazione l’adeguamento dell’Italia agli standard stabiliti dal regolamento europeo voluto dal Ministro della Salute e da AIFA che consentirà al nostro Paese di attrare investimenti in ricerca clinica e rimanere un’eccellenza”.
Roche chiude il 2022 con un risultato brillante e un importante driver della crescita è stato il lancio di nuovi prodotti ad alto tasso di innovazione in diverse aree, alcune nuove per Roche Italia: in particolare, Evrysdi, trattamento a domicilio per le tipologie più diffuse di atrofia muscolare spinale e Polivy nel trattamento del linfoma diffuso a grandi cellule B recidivato refrattario nei pazienti non candidabili al trapianto. Importante anche la performance di Tecentriq, farmaco già presente per il trattamento di alcune forme di tumore al polmone Molto positivi anche i risultati dei prodotti stabilmente in portfolio: Perjeta e Kadcyla, due anticorpi monoclonali per il trattamento del tumore alla mammella, Alecensa, farmaco per il trattamento di una particolare mutazione nel tumore polmonare, Ocrevus, il primo farmaco indicato nella sclerosi multipla primariamente progressiva che dal 2018 ha segnato l’importante ritorno di Roche nell’area delle neuroscienze e di Hemlibra, il primo anticorpo monoclonale ad essere raccomandato per l’uso nei pazienti con emofilia A.
Solo nel 2022 grazie alla collaborazione con oltre 190 centri di ricerca, Roche S.p.A. ha gestito 261 studi clinici, su 71 molecole, di cui hanno beneficiato 17.631 pazienti. Negli ultimi 5 anni l’azienda ha investito in ricerca clinica nel nostro Paese oltre 220 milioni di euro. Questo conferma l’impegno di Roche verso la sostenibilità del Sistema Salute. Dalla misurazione dell’impatto economico delle sperimentazioni cliniche emerge, infatti, che grazie all’impegno in ricerca clinica, Roche contribuisce ogni anno a far risparmiare al Servizio Sanitario Nazionale circa 180 milioni di euro. Il tema dell’accesso all’innovazione riguarda da vicino anche i programmi di uso compassionevole (CUP). Sono stati oltre 480 i pazienti in trattamento nei CUP o in programmi di accesso post-trial nel 2022. Tra il 2015 e il 2022 i CUP gestiti da Roche hanno permesso un risparmio massimo netto per il SSN di 102,2 milioni di euro.

Anche l’attenzione alle persone si conferma un pilastro per Roche Italia che è la prima e, al momento unica, azienda farmaceutica ad aver ricevuto la certificazione di parità di genere (UNI PDR 125:2022) rilasciata da UNITER, grazie a un organico composto al 51% da donne, di cui il 53% ricopre ruoli manageriali, il 43% è dirigente e la percentuale di donne promosse sul totale delle promozioni è del 59%. Questa certificazione, unitamente al riconoscimento già ricevuto dal Winning Women Institute, rendono Roche un unicum nel panorama farmaceutico italiano.
Nel corso del 2023 si prevedono diversi lanci, tra nuove molecole e importanti estensioni di indicazioni, che da un lato rafforzeranno il portafoglio in ambito oncologico e delle patologie rare, e dall’altro segneranno l’ingresso dell’Azienda in nuove aree.
“Ci aspettano grandi sfide in questo nuovo anno nel quale continueremo a lavorare per garantire l’accesso alle terapie migliori a tutti i pazienti anche rendendo disponibili nuove opzioni di trattamento. Oltre alla già citata oftalmologia ci aspettiamo di rendere disponibile un anticorpo bispecifico nell’area dell’oncoemtologia – conclude Maurizio de Cicco – L'azienda sta, inoltre, concentrando gli sforzi anche su piattaforme tecnologiche come le ATMP (Advanced Therapy Medicinal Product). Tra queste, se pensiamo a un orizzonte temporale più lungo, c’è grande attesa per la nostra prima terapia genica, e prima in assoluto per la distrofia muscolare di Duchenne, una patologia ereditaria rara e dal fortissimo bisogno clinico insoddisfatto”.

TAG: AZIENDE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/04/2024

Il 26 marzo a Milano si è svolto l'evento “Brevetti e Segreti: Trasferimento Tecnologico nelle Scienze della Vita” organizzato ITTBioMed di Edra e DLA Piper, con il supporto di Lendlease, MIND...

12/04/2024

L'invecchiamento è il principale fattore di rischio per l'insorgere del cancro. Non solo l'accumulo di mutazioni genetiche, ma anche il deterioramento del sistema immunitario e l’esposizione...

12/04/2024

In Italia il 60% degli over 65 è colpito da una malattia cronica e, tra queste, le malattie cardiometaboliche sono le più frequenti. Gestire e tenere sotto controllo queste patologie richiede...

12/04/2024

Sono i trentenni sardi i più disponibili a dare il proprio consenso alla donazione degli organi, mentre ancora una volta è Trento la città più generosa d'Italia 

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top