Login con

Governo e Parlamento

23 Marzo 2023

Covid-19, Zaffini: Commissione d’inchiesta strumento necessario

“Se il percorso avviato alla Camera per la Commissione bicamerale d'inchiesta sul Covid procede con i tempi giusti, non ci sono problemi. Ma se dovessimo percepire, come già sembra, una melina per ritardare il tutto, sono pronto". Queste le parole di Francesco Zaffini


“Se il percorso avviato alla Camera per la Commissione bicamerale d'inchiesta sul Covid procede con i tempi giusti, non ci sono problemi. Ma se dovessimo percepire, come già sembra, una melina per ritardare il tutto, sono pronto". Queste le parole di Francesco Zaffini, presidente della Commissione Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato,  previdenza sociale del Senato, a margine dell'incontro dedicato ad "un percorso di formazione, ricerca e assistenza integrata per un rilancio della lotta alle malattie infettive", organizzato al Ministero della Salute dalla Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit) e dalla Società  italiana di medicina generale e delle cure primarie (Simg). Secondo il senatore, ci sono segni chiari della volontà di frenare il percorso da parte delle opposizioni. "Il mio testo affidato già alla Commissione – spiega - lo tengo in stand by. Sono pronto a fare partire una Commissione in un  mese, con un atto del Senato, tutto all'interno delle regole  parlamentari, in una sola Camera”, spiega. “Le opposizioni - dice - hanno proposto di avviare un ciclo di audizioni nel merito. Questa è melina perché le audizioni nel merito deve farle la commissione d'inchiesta quando  istituita non la commissione che è chiamata a decidere se farla o no".

Zaffini, nel corso del suo intervento, annuncia che “si sta lavorando a un testo sulle  professioni sanitarie che farà rumore”. "Pensiamo a un testo che rivoluzionerà le professioni sanitarie dando finalmente centralità al fatto che la sanità la fanno i professionisti", a partire dalla "necessità di superare l'esclusività degli infermieri che lavorano nel Servizio sanitario nazionale". Ma una riflessione con possibili aggiustamenti “riguarderà anche l'esclusività dei medici"."Stiamo tentando di fare cose che da troppo tempo sono state  trascurate". Il primo passo, ovviamente, è la "necessità di trovare risorse e quindi nei rapporti con il Mef non sempre facili. Alcune cose le stiamo organizzando. Altre sono semplici aggiustamenti regolamentari, ad esempio l'esclusività degli infermieri che è anacronistica, superata e dannosa, nel momento in cui noi abbiamo una categoria fortemente carente”.

TAG: COVID

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/04/2024

Il 26 marzo a Milano si è svolto l'evento “Brevetti e Segreti: Trasferimento Tecnologico nelle Scienze della Vita” organizzato ITTBioMed di Edra e DLA Piper, con il supporto di Lendlease, MIND...

12/04/2024

L'invecchiamento è il principale fattore di rischio per l'insorgere del cancro. Non solo l'accumulo di mutazioni genetiche, ma anche il deterioramento del sistema immunitario e l’esposizione...

12/04/2024

In Italia il 60% degli over 65 è colpito da una malattia cronica e, tra queste, le malattie cardiometaboliche sono le più frequenti. Gestire e tenere sotto controllo queste patologie richiede...

12/04/2024

Sono i trentenni sardi i più disponibili a dare il proprio consenso alla donazione degli organi, mentre ancora una volta è Trento la città più generosa d'Italia 

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top