Login con

Ricerca

18 Luglio 2023

Biotech, nel settore forte divario tra Nord e Sud Italia. Presentato il report Enea Assobiotec

Per le imprese biotech in Italia rimane ancora forte la polarizzazione tra Nord e Sud: si confermano al comando della classifica la Lombardia, di gran lunga leader rispetto alle altre, il Lazio, la Toscana e il Piemonte. Queste quattro regioni rappresentano il 90% del fatturato, l'80% degli investimenti, ma solo il 52% per numero di imprese


Per le imprese biotech in Italia rimane ancora forte la polarizzazione tra Nord e Sud: si confermano al comando della classifica la Lombardia, di gran lunga leader rispetto alle altre, il Lazio, la Toscana e il Piemonte. Queste quattro regioni rappresentano il 90% del fatturato, l'80% degli investimenti, ma solo il 52% per numero di imprese. Le due regioni settentrionali mostrano una specializzazione più marcata in applicazioni per industria e ambiente, mentre Lazio e Toscana sono focalizzate più sul settore salute. Sono i dati presentati dall'aggiornamento del report 2022 sul settore delle biotecnologie presentato da Enea e Assobiotec.
"La concentrazione del settore biotech segue un po' la struttura industriale già esistente", commenta Gaetano Coletta, responsabile del Servizio Enea per Offerta e valorizzazione servizi di innovazione. "Come tutte le nuove tecnologie, però, anche questa è in grado di aprire delle porte: qualunque innovazione rappresenta un'occasione di cambiamento anche strutturale - aggiunge Coletta - anche territori finora esclusi da certe filiere produttive possono trovare spazio". Nel 2022 le imprese biotech presenti in Italia erano più di 3.350.000. Il periodo pandemico, tra 2019 e 2020, ha visto una leggera decrescita, ma si è già verificata una decisa ripresa. A soffrire di più l'impatto del Covid-19 sono state le micro e piccole imprese: queste rappresentano l'82% per quanto riguarda il numero, ma il 94% del fatturato si deve invece alle grandi realtà.
"Il settore del biotech ha confermato di poter tenere anche durante la pandemia", afferma Fabrizio Greco, Presidente Federchimica Assobiotec. "Questo è un momento che non possiamo perdere, tutti i paesi si stanno muovendo per sfruttare il potenziale delle biotecnologie e il Ministro Urso (Ministro delle Imprese e del Made in Italy) ci ha confermato che il governo sta lavorando ad un piano in questo senso. Per valorizzare il Sud Italia - aggiunge Greco - dobbiamo puntare sulla formazione dei giovani e sugli investimenti delle grandi aziende".

TAG: ASSOBIOTECH, AZIENDE, BIOTECH, BIOTECNOLOGIA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/04/2024

Il 26 marzo a Milano si è svolto l'evento “Brevetti e Segreti: Trasferimento Tecnologico nelle Scienze della Vita” organizzato ITTBioMed di Edra e DLA Piper, con il supporto di Lendlease, MIND...

12/04/2024

L'invecchiamento è il principale fattore di rischio per l'insorgere del cancro. Non solo l'accumulo di mutazioni genetiche, ma anche il deterioramento del sistema immunitario e l’esposizione...

12/04/2024

In Italia il 60% degli over 65 è colpito da una malattia cronica e, tra queste, le malattie cardiometaboliche sono le più frequenti. Gestire e tenere sotto controllo queste patologie richiede...

12/04/2024

Sono i trentenni sardi i più disponibili a dare il proprio consenso alla donazione degli organi, mentre ancora una volta è Trento la città più generosa d'Italia 

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top