Login con

Governo e Parlamento

26 Ottobre 2023

Obesità, proposta di legge alla Camera. On. Pella: investire in cura e prevenzione

Presentata in XII Commissione della Camera la proposta di legge su “Disposizioni per la prevenzione e la cura dell’obesità” di iniziativa dell’On. Roberto Pella, presidente dell’Intergruppo Parlamentare “Obesità e Diabete”


Presentata in XII Commissione della Camera la proposta di legge su “Disposizioni per la prevenzione e la cura dell’obesità” di iniziativa dell’On. Roberto Pella, presidente dell’Intergruppo Parlamentare “Obesità e Diabete” e vicepresidente vicario ANCI.
«Adottare una politica di prevenzione e di contrasto dell’obesità, per rispondere alle esigenze dei cittadini che soffrono di questa patologia o che sono a rischio di contrarla», è questo l’obiettivo della Pdl, come dichiara l’Onorevole nella relazione presentata in Commissione. Con la presentazione della proposta di legge, comincia, dunque, l’iter legislativo che potrebbe portare alla prima legge sull’obesità a livello mondiale. «L’obesità rappresenta oggi un problema rilevantissimo di salute pubblica e di spesa per i servizi sanitari nazionali. Da qui la necessità di adottare politiche di prevenzione adeguate nonché programmi di gestione della malattia anche con riferimento alle comorbidità. Nel caso dell’obesità, la comorbidità più frequente è rappresentata dal diabete mellito di tipo 2 unitamente ad altre quali l’ipertensione, le malattie cardio e cerebrovascolari, i tumori, le disabilità, le malattie neurodegenerative, respiratorie e articolari», si legge nella relazione.

Pella, per rendere evidente la grave problematica, cita anche alcuni numeri Istat sulla quantità di persone che in Italia soffrono di questa patologia. Nell'anno 2021 si è registrata nella popolazione adulta «una quota di soggetti in sovrappeso pari al 36,1% della popolazione (maschi 43,9%, femmine 28,8%) e di obesità pari all'11,5% (maschi 12,3%, femmine 10,8%), con una tendenziale crescita dei dati e una stima complessiva per tale anno di una popolazione di circa 4 milioni di persone adulte obese». La proposta di legge, dunque, all’articolo 1 detta «i princìpi fondamentali in materia di prevenzione e di cura dell'obesità e dei disturbi dell'alimentazione». «Sottolineo come venga introdotto il principio per cui l'obesità possa essere definita come malattia cronica di interesse sociale», aggiunge l’Onorevole. L'articolo 2 prevede che «l'assistenza ai soggetti affetti da obesità rientri nei livelli essenziali di assistenza per garantire equità e accesso alle cure». L'articolo 3 prevede «l'inserimento della patologia dell'obesità nel Piano nazionale della cronicità. In particolare, regioni e province autonome sono tenute a predisporre, nell'ambito dei rispettivi piani sanitari territoriali». All’art. 4 è prevista «l'istituzione dell'Osservatorio per lo studio dell'obesità, presso il Ministero della salute, con compiti di monitoraggio, studio e diffusione degli stili di vita della popolazione italiana».

L'articolo 5 introduce la "Tessera per l'assistenza", vale a dire «una tessera personale che attesta, per ogni cittadino affetto da obesità, l'esistenza della malattia, sulla base di una certificazione del medico curante. I cittadini muniti di tale tessera hanno diritto alla fornitura gratuita dei presìdi diagnostici e terapeutici correlati all'obesità e alle relative complicanze accertate». Gli articoli da 6 a 9 intervengono sulla normativa fiscale vigente in tema di «detraibilità e deducibilità delle somme spese per attività e impianti sportivi e in materia di aliquote IVA per incentivare le attività sportive e disincentivare il consumo di alimenti e bevande contenenti sostanze dannose per la salute». L’articolo 10 disciplina «la distribuzione automatica degli alimenti e delle bevande contenenti sostanze dannose per la salute, vietandone la vendita». Infine, l’articolo 11 dispone che «il Ministro della salute promuova e coordini le azioni di informazione rivolte ai cittadini riguardo a un corretto stile di vita e di alimentazione, anche con la collaborazione delle strutture territoriali, delle amministrazioni comunali, della medicina territoriale di base e delle farmacie, quali presìdi di prossimità».  

TAG: OBESITà

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

22/04/2024

Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani (Fofi), interviene alla tavola rotonda "L'evoluzione della farmacia e del farmacista tra nuovi servizi e...

22/04/2024

In Italia si registrano infatti oltre 31mila casi l'anno di neoplasie con mutazioni geniche, ovvero tumori che presentano particolari mutazioni di geni, e questo apre le porte ad una medicina di...

22/04/2024

Premiate a Roma da Farmindustria le 8 scuole che hanno partecipato al progetto Alternanza scuola lavoro nel settore farmaceutico. Un premio di 1.000 euro ciascuno che gli istituti dovranno...

22/04/2024

"Oggi celebriamo 90 anni di traguardi ma guardiamo alle nuove sfide che abbiamo davanti e che insieme sapremo affrontare per raggiungere altri importanti risultati". Lo ha sottolineato...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top