Login con

politica

05 Maggio 2023

Intelligenza artificiale, servono regole per salvaguardare i cittadini. Ecco i paletti dell’Europarlamento

L’Unione Europea dà il benvenuto all’intelligenza artificiale, essenziale anche per lo sviluppo della ricerca medica, ma vuole regole precise


 Intelligenza artificiale, servono regole per salvaguardare i cittadini. Ecco i paletti dell’Europarlamento

L’Unione Europea dà il benvenuto all’intelligenza artificiale, essenziale anche per lo sviluppo della ricerca medica, ma vuole regole precise. Nel frattempo, nel nostro paese, ChatGPT, chatbot conversazionale di Open AI da 100 milioni di utenti è di nuovo online dopo che il Garante per la protezione dei dati personali aveva limitato il trattamento dati degli utenti italiani. L’Authority aveva osservato la mancanza di una informativa agli utenti nostrani, l'assenza di una base giuridica per la raccolta di dati personali volta ad “addestrare” gli algoritmi sottostanti al funzionamento della piattaforma, la non corrispondenza al dato reale delle informazioni fornite che determinava un trattamento dati personali inesatto, e l’assenza di filtro per la verifica dell’età degli utenti (mai sotto i 13 anni). Per far tornare online la piattaforma, il Garante ha chiesto di pubblicare sul sito Open AI un’informativa volta a spiegare a tutti le modalità del trattamento, di consentire agli utenti esercitare il diritto di opporsi ai trattamenti svolti dalla società dei loro dati, di permettere a richiesta la correzione di dati personali, di vietare la chatbot ai minori con strumenti di age verification entro al più tardi settembre; ha chiesto infine entro metà di questo mese una campagna informativa sui media italiani sull’uso dei dati personali per addestrare algoritmi. Gli adempimenti sono in corso, ma intanto sul Corsera un ampio servizio di DataRoom (Milena Gabanelli) mette in guardia da chat quali Chat GPT o la nuova Bard di Google che attinge dati dal web: i meccanismi di ragionamento dell’intelligenza artificiale sarebbero “vulnerabili” da menti (umane) perfide. Un esempio? Non si può chiedere alla piattaforma come uccidere un gatto ma le si può prima chiedere come non fermargli la vita e subito dopo come fare l’opposto rispetto alle risposte ottenute.

Le piattaforme informatiche ad oggi non hanno una “morale”, eppure stanno sostituendo i giornalisti e il “quarto potere": Newsguard, società che valuta l'affidabilità dei siti di notizie di tutto il mondo, ha trovato 49 siti con nomi generici – Biz Breaking News, Daily Business Post e Market News Reports – in sette lingue (anche francese, inglese, portoghese) che parrebbero generati da modelli di linguaggio basati sull'AI e producono contenuti di politica, salute, varia, finanza, talora con narrazioni false e frasi ripetitive. Ma che succede se l’informazione cade in mano ai robot o a chi li programma? Sulla base di questa domanda, il Parlamento europeo voterà l’11 maggio un modello europeo di intelligenza artificiale rispettosa della privacy, dell'individuo e dei diritti fondamentali, cui quanto meno i produttori di chatbot dovranno attenersi. La proposta vieta pratiche come il 'social scoring', classificazione dei comportamenti sociali, proibisce algoritmi che leggono le emozioni in contesti di lavoro o educativo e preclude l’uso di telecamere biometriche a riconoscimento facciale nei luoghi pubblici. Inoltre divide le tecnologie in classi di rischio imponendo un processo di revisione, certificazione e controllo umano per quelle di AI. Una volta che l’Eurocamera avrà approvato il testo, Consiglio e Commissione Ue dovranno dire la loro e potrebbero, si sospetta, “mitigare” un po’ gli altolà rilanciati dai gruppi parlamentari di Bruxelles. 

TAG: CHATGPT, INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

18/04/2024

CGM TELEMEDICINE, la divisione del Gruppo CompuGroup Medical Italia (CGM) Italia presenta, in occasione della partecipazione a Exposanità, i suoi innovativi software integrati con...

18/04/2024

Promuovere la consapevolezza sulle diverse dimensioni della salute della donna, dalla prevenzione alla salute riproduttiva, dall'accesso ai servizi sanitari all' equità di genere. È con questo...

18/04/2024

Le note dell’arancia amara rimandano ai ricordi lontani, così come quelle fresche del neroli o del petit grain delle foglie. Con l’intento di risvegliare la memoria olfattiva condivisa da...

18/04/2024

Le malattie cardio, cerebro e  vascolari, che rappresentano ancora oggi la prima causa di mortalità  in Italia con oltre 216.000 decessi nel 2021 pari al 31% dei decessi  complessivi avvenuti...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top