Login con

Ricerca

15 Febbraio 2023

Tumori infantili, da Airc 8,5 milioni di euro per 78 progetti di ricerca

Un investimento pari a 8,5 milioni di euro per sostenere 78 progetti di ricerca contro il cancro infantile, con l'obiettivo di offrire ai pazienti più giovani nuovi metodi di diagnosi e cura sempre più mirati. È questo l'impegno messo in atto dall'Airc in occasione della giornata mondiale contro il cancro infantile che si celebra il 15 febbraio


Un investimento pari a 8,5 milioni di euro per sostenere 78 progetti di ricerca contro il cancro infantile, con l'obiettivo di offrire ai pazienti più giovani nuovi metodi di diagnosi e cura sempre più mirati. È questo l'impegno messo in atto dall'Associazione italiana per la ricerca sul cancro (Airc) che, in occasione della giornata mondiale contro il cancro infantile che si celebra il 15 febbraio, rileva che questi piccoli pazienti dopo la guarigione in molti casi avranno oltre 70 anni da vivere e la scelta delle cure deve tener conto di tale aspettativa di vita.

Ogni anno in Italia circa 1.400 bambini e ragazzi di meno di 14 anni sono colpiti dal cancro, mentre tra gli adolescenti dai 15 ai 19 anni i casi sono circa 900. Complessivamente i tumori pediatrici costituiscono circa l'1% di tutte le neoplasie. La sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi è arrivata a superare l'80% per le leucemie e si attesta attorno al 70% per i tumori solidi, ma c'è ancora molta strada da fare per garantire cure efficaci a tutti i pazienti. Ma tanti ed importanti sono i traguardi raggiunti di recente in questo campo dai ricercatori Airc. Un esempio è la messa a punto di una nuova combinazione farmacologica per il neuroblastoma aggressivo, il più frequente tumore solido extracranico dell'età pediatrica. “Grazie al sostegno di Airc - spiega Doriana Fruci, ricercatrice Airc all'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma – abbiamo recentemente scoperto che combinando farmaci chemioterapici a basse dosi con l'immunoterapia è possibile richiamare le cellule del sistema immunitario all'interno del tumore e creare le condizioni ottimali per il loro funzionamento, favorendo così la risposta terapeutica". Giovanni Cazzaniga, ricercatore Airc al Centro Tettamanti, Fondazione IRCCS San Gerardo dei Tintori di Monza, conduce invece un progetto dedicato alla leucemia acuta linfoblastica pediatrica, il tumore più frequente tra i piccoli pazienti. Usando tecniche della medicina di precisione, ovvero di sequenziamento del genoma, afferma, "abbiamo recentemente classificato dei sottogruppi di pazienti in base al rischio di recidiva del tumore. Tali conoscenze ci consentono di diversificare le terapie in funzione delle caratteristiche del singolo paziente".

TAG: TUMORI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

22/04/2024

Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani (Fofi), interviene alla tavola rotonda "L'evoluzione della farmacia e del farmacista tra nuovi servizi e...

22/04/2024

In Italia si registrano infatti oltre 31mila casi l'anno di neoplasie con mutazioni geniche, ovvero tumori che presentano particolari mutazioni di geni, e questo apre le porte ad una medicina di...

22/04/2024

Premiate a Roma da Farmindustria le 8 scuole che hanno partecipato al progetto Alternanza scuola lavoro nel settore farmaceutico. Un premio di 1.000 euro ciascuno che gli istituti dovranno...

22/04/2024

"Oggi celebriamo 90 anni di traguardi ma guardiamo alle nuove sfide che abbiamo davanti e che insieme sapremo affrontare per raggiungere altri importanti risultati". Lo ha sottolineato...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top