Login con

vaccini

18 Aprile 2023

Vaccini, Siti a Conferenza Stato-Regioni: approvare il nuovo piano nazionale

La Siti, società scientifica di riferimento in Italia per le politiche vaccinali, auspica che, dopo una lunga gestazione, già nel corso della prossima seduta della Conferenza Stato-Regioni - in programma il 19 aprile - si possa procedere con l'approvazione definitiva della bozza di Piano nazionale di prevenzione vaccinale 2023-2025


La Società italiana di igiene, medicina preventiva e sanità pubblica (Siti), società scientifica di riferimento in Italia per le politiche vaccinali, auspica che, dopo una lunga gestazione, già nel corso della prossima seduta della Conferenza Stato-Regioni - in programma il 19 aprile - si possa procedere con l'approvazione definitiva della bozza di Piano nazionale di prevenzione vaccinale (Pnpv) 2023-2025. "Obiettivo - riferisce la Siti in una nota - garantire, nel più breve tempo possibile, l'uniforme erogazione dell'offerta vaccinale in tutto il Paese a beneficio di tutti i cittadini, nonché mettere gli operatori della Sanità pubblica nelle condizioni di operare al meglio".

Ad oltre un anno e mezzo dal termine dei lavori (31 dicembre 2021) del Tavolo tecnico incaricato dal ministero della Salute di perfezionare la proposta di Pnpv, nonché a quasi un anno (28 maggio 2022) dal termine della revisione dei contenuti del Pnpv da parte del Gruppo consultivo nazionale sulle vaccinazioni (Nitag), non si può fare a meno di esprimere viva preoccupazione per la mancanza di una data certa di adozione della versione definitiva del nuovo Pnpv. Già diverse Regioni e Province autonome, infatti - sottolinea la Siti - stanno anticipando alcune delle innovazioni contenute nella bozza di Piano nazionale di prevenzione vaccinale, nell'ambito dei rispettivi Prpv. Tali iniziative, seppur confermino da una parte la validità scientifica della nuova proposta di Pnpv, dall'altra, stanno determinando un'offerta vaccinale diseguale sul territorio nazionale.

Parimenti, la Società italiana d'Igiene ritiene che "ulteriori ritardi nella pubblicazione del Pnpv si possano tradurre nell'effetto paradosso di pubblicare un calendario vaccinale già ''superato'', e sebbene sia stata introdotta meritoriamente la possibilità di procedere all'aggiornamento del Pnpv da parte del Tavolo tecnico di riferimento nel corso del triennio di riferimento 2023-2025. Infine, rischiano di rimanere inattuate le importanti novità presenti nelle sezioni del Pnpv relative alla comunicazione e alla formazione in vaccinologia". Da qui l'appello della Siti alla Conferenza Stato-Regioni.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/04/2024

Il 26 marzo a Milano si è svolto l'evento “Brevetti e Segreti: Trasferimento Tecnologico nelle Scienze della Vita” organizzato ITTBioMed di Edra e DLA Piper, con il supporto di Lendlease, MIND...

12/04/2024

L'invecchiamento è il principale fattore di rischio per l'insorgere del cancro. Non solo l'accumulo di mutazioni genetiche, ma anche il deterioramento del sistema immunitario e l’esposizione...

12/04/2024

In Italia il 60% degli over 65 è colpito da una malattia cronica e, tra queste, le malattie cardiometaboliche sono le più frequenti. Gestire e tenere sotto controllo queste patologie richiede...

12/04/2024

Sono i trentenni sardi i più disponibili a dare il proprio consenso alla donazione degli organi, mentre ancora una volta è Trento la città più generosa d'Italia 

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top