Login con

Governo e Parlamento

13 Gennaio 2023

Disabilità, Corte dei Conti: le Regioni utilizzano poco il fondo “Dopo di noi”

Solo una minima parte delle persone con disabilità grave ha usufruito degli interventi finanziati con il Fondo per il 'Dopo di noi", istituito dalla legge 112 del 2016: solo 8.424 persone su una platea potenziale stimata tra i 100 mila e i 150 mila


Solo una minima parte delle persone con disabilità grave ha usufruito degli interventi finanziati con il Fondo per il 'Dopo di noi", istituito dalla legge 112 del 2016: solo 8.424 persone su una platea potenziale stimata tra i 100 mila e i 150 mila.

Il fondo disciplina misure di assistenza, cura e protezione delle persone con disabilità grave prive di sostegno familiare o perché non hanno entrambi i genitori o perché gli stessi genitori non sono in grado di fornire un adeguato sostegno. A rilevarlo è stata la Corte dei Conti sottolineando che dei circa 466 milioni di euro stanziati tra il 2016 e il 2022 soltanto 240 sono stati effettivamente trasferiti alle Regioni, che non hanno provveduto a rendicontare l'effettiva attribuzione delle risorse ai destinatari. Solamente sei Regioni - Abruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Piemonte e Toscana - risultano aver ricevuto tutte le somme complessivamente assegnate. La magistratura contabile ha anche evidenziato che "la mancanza di strumenti idonei ad arginare prontamente i ritardi e a superare le inadempienze delle Regioni non ha consentito, finora, di verificare che le risorse stanziate nel bilancio dello Stato siano state interamente utilizzate allo scopo e nei tempi programmati".  Quindi emerge un'applicazione della legge 'ancora molto limitata ed estremamente eterogenea a livello territoriale, mostrando, ancora una volta, le difficoltà delle Regioni del mezzogiorno". Una situazione che secondo la Corte dei Conti, mette in luce sia l'urgenza di dover determinare i Livelli Essenziali delle Prestazioni (Lep) da garantire alle persone con disabilità, sia la necessità di controlli idonei a verificare "la corretta e completa attuazione della legge n. 112/2016, istitutiva del Fondo".

Secondo il ministro per le Disabilità Alessandra Locatelli la legge è "uno strumento utile e innovativo che ha permesso l'avvio di tanti progetti ed esperienze di vita autonoma sul nostro territorio. Tante persone con disabilità e le loro famiglie hanno scelto di costruire un progetto di vita e di finanziarlo attraverso la ricomposizione delle risorse".

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

21/02/2024

Condividere conoscenze e strategie innovative per alzare sempre di più l’asticella nel Settore Sanitario Italiano. Con questa ambizione nasce il progetto "Grandi...

21/02/2024

'Per quanto riguarda la dengue, la situazione è sotto controllo. Siamo allertati, stiamo facendo tutto ciò che necessario, però per il momento siamo tranquilli"....

21/02/2024

Astrazeneca balza in borsa, facendo registrare un importante aumento del valore delle sue azioni nel mercato londinese, che guadagna più del 3,5%. L’aumento del...

20/02/2024

Si riduce l'uso del preservativo nei giovani tra gli 11 e i 24 anni. È uno dei dati che emerge dall’Osservatorio annuale 'Giovani e sessualità' - che Durex...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top