Login con

sanità

03 Novembre 2022

Le reti oncologiche: da hub and spoke ad hub and comprehensive cancer centers network

Nell’ultimo numero di Onconews Paolo Pronzato, Direttore dell'Unità Operativa di Oncologia Medica 2 dell’Ospedale Policlinico San Martino di Genova fa il punto sulla rete per l’assistenza oncologica che risente della carenza di personale che inizia a sentirsi anche tra gli oncologi medici. Ecco le sue riflessioni



Nell’ultimo numero di Onconews Paolo Pronzato, Direttore dell'Unità Operativa di Oncologia Medica 2 dell’Ospedale Policlinico San Martino di Genova fa il punto sulla rete per l’assistenza oncologica che risente della carenza di personale che inizia a sentirsi anche tra gli oncologi medici. Ecco le sue riflessioni

Secondo tutte le stime, il numero dei casi e, di conseguenza, i bisogni assistenziali dei pazienti neoplastici continueranno ad aumentare nei prossimi anni: a incidenza standardizzata costante, corrisponde infatti un aumento dei nuovi casi osservati, soprattutto a causa dell'invecchiamento della popolazione. Inoltre, aumenta la complessità delle cure: a differenza della "vecchia" chemioterapia, le nuove terapie sono più efficaci e più tollerabili, e possono essere quindi offerte anche ai pazienti anziani o con comorbidità. Ma questo richiede un impegno maggiore.

Per fronteggiare le nuove sfide, l'Italia può contare su una buona rete per l'assistenza oncologica, come comprovato dai tassi di sopravvivenza a 5 anni, tra i migliori in Europa. Essa è composta dagli Istituti Scientifici Tumori aderenti all'Alleanza contro il Cancro, che conducono anche ricerche cliniche e traslazionali di ottimo livello; dalle Reti Oncologiche Regionali, che assicurano un'erogazione delle terapie diffusa e omogenea; dai Gruppi Cooperativi, che facilitano l'accesso alle sperimentazioni cliniche.
Tuttavia, la carenza di personale inizia a sentirsi anche tra gli oncologi medici, e ciò comporta profondi ripensamenti che prevedono, per esempio, la valorizzazione di figure professionali quali quella del medico di famiglia (MMG) e l'infermiere di comunità, e una diversa distribuzione dei compiti tra hub e spokes.

Come ormai riconosciuto dai principali organismi internazionali (OMS, UICC, e altri), il cancro va oggi annoverato tra le malattie croniche, con le conseguenti necessità di integrazione tra diverse organizzazioni socio-assistenziali (assistenza domiciliare, hospice, cure intermedie), e la revisione del loro ruolo. L'oncologia, tuttora incentrata sull'ospedale, deve quindi cambiare, in parte, e adattarsi al nuovo scenario, trasferendo al territorio la presa in carico di alcuni bisogni come, per esempio, il follow-up dei pazienti potenzialmente guariti, che può condiviso con il MMG. Anche per questo l'oncologia non può rimanere fuori dal nuovo sistema di Assistenza Territoriale previsto dal DM 77: molti dei bisogni assistenziali della fase non acuta possono e debbono trovare una risposta nelle Case e negli Ospedali di Comunità.

Il territorio, poi, ha un altro compito fondamentale: quello della prevenzione, intesa sia come adozione di stili di vita idonei, sia come attenzione alla diagnosi precoce.
Ancora oggi, infatti, le maggiori garanzie di guarigione - anche con i nuovi farmaci- si hanno quando la neoplasia può essere affrontata precocemente. In questo senso si deve fare molto, per quanto riguarda l'educazione sanitaria (abolizione del fumo, alimentazione, attività fisica, protezione della pelle e così via) e l'adesione ai programmi di screening tradizionali (mammella, intestino, utero), e anche ai programmi più innovativi e personalizzati come quelli basati sull'oncogenetica o quelli per il tumore polmonare nei forti fumatori.

Tenendo presente questi elementi, la Vision delle nuove Reti Oncologiche Regionali emerge con chiarezza: devono essere capaci di offrire le innovazioni secondo criteri di appropriatezza ed equità. E ciò può essere ottenuto seguendo alcuni principi:
•            Assumendo un ruolo di Governance soprattutto attraverso la produzione e l'implementazione di Percorsi Diagnostico Terapeutico Assistenziali (PDTA) regionali e la realizzazione di raccomandazioni cliniche regionali sul buon uso di farmaci e tecnologie.
•            Avendo come riferimento culturale quelli che possono essere considerati i quattro pilastri dell'oncologia moderna, ossia 1. l'organizzazione in rete; 2. La medicina di precisione; 3. L'approccio multidisciplinare; 4. Le cure palliative precoci e simultanee.

Per questi motivi, un disegno innovativo di rete deve andare oltre il classico "hub and spoke", e puntare su un modello "hub and comprehensive cancer centers network", più adatto alle caratteristiche geografiche delle regioni, e alle risorse disponibili.
In questa visione, l'hub svolge attività specifiche quali la diagnostica molecolare avanzata, le sperimentazioni cliniche di fase I, la chirurgia specialistica, il coordinamento delle attività formative e scientifiche; la Rete di Comprehensive Cancer Centers garantisce l'assistenza (soprattutto per le neoplasie ad elevata incidenza) in tutte le aree. È compito della Rete offrire la capillare diffusione di centri di accesso alle cure; individuare i luoghi di cura più adatti per i vari passaggi dei PDTA; promuovere e organizzare il trasferimento dei pazienti, del materiale biologico o dei dati da un nodo all'altro, a seconda dell'area di interesse e delle competenze riconosciute e certificate.
La rete è anche una "squadra", che comprende i professionisti dedicati (oncologi, ematologi e radioterapisti), ma deve confrontarsi con altri specialisti coinvolti (chirurghi, patologi, palliativisti, eccetera), in una collaborazione sistematica e interdipartimentale.

Lo strumento principale della Rete sono le raccomandazioni cliniche e i PDTA, che devono essere trasversali non solo rispetto ai servizi coinvolti, ma anche alle diverse aziende sanitarie, e devono collegare in rete i diversi regimi assistenziali anche nelle aree dove insistono più soggetti erogatori (Aziende Sanitarie Territoriali e Aziende Ospedaliere).
Un banco di prova significativo è rappresentato dalla gestione dei Tumori Rari, per i quali esistono anche specifiche normative. Il PDTA Tumori Rari identifica le condizioni per cui la rarità della malattia neoplastica si accompagna a un percorso assistenziale peculiare, e adotta tutte le misure (teleconsulti, telemedicina, e così via) previste. Inoltre, assicura l'approccio multidisciplinare (anche in via telematica) a livello regionale, essendo per definizione impossibile un'implementazione locale (a causa della rarità).

Paolo Pronzato

TAG: ONCOLOGIA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

23/02/2024

Stili di vita, nutrizione, adeguata attività fisica e mentale e uso di specifici supplementi possono modificare i processi di invecchiamento e di...

23/02/2024

Almeno 2 persone su 10 non sanno cosa sia il Fuoco di Sant'Antonio e una su 2 dice di saperne poco.  Eppure, quasi 2 su 3 conoscono altri che ne hanno sofferto e il...

23/02/2024

Novo Nordisk ed Eli Lilly hanno preso il comando nella corsa per conquistare l’ampia fetta del mercato dei farmaci per la perdita di peso, che si prevede avrà un...

23/02/2024

L'assemblea dei soci di Acc, la Rete Oncologica Nazionale del ministero della Salute, ha confermato alla direzione generale, per i prossimi 5 anni, Paolo De Paoli,...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top