Login con

sanità

01 Febbraio 2023

Freddo e apparato respiratorio, torna la campagna “Proteggi i tuoi polmoni”

Evitare repentini sbalzi di temperatura, lavarsi spesso le mani, smettere di fumare, aerare gli ambienti e pulire i filtri dei condizionatori, fare il pieno di antiossidanti. Con queste raccomandazioni torna la campagna ''Proteggi i tuoi polmoni'' con l'edizione invernale di ''Viaggio nel respiro''


Evitare repentini sbalzi di temperatura, lavarsi spesso le mani, smettere di fumare, aerare gli ambienti e pulire i filtri dei condizionatori, fare il pieno di antiossidanti. Con queste raccomandazioni torna la campagna ''Proteggi i tuoi polmoni'' con l'edizione invernale di ''Viaggio nel respiro'', un vademecum per prendersi cura della salute dei polmoni nei mesi più freddi dell'anno. Le condizioni di umidità e temperatura invernali, infatti, insieme al maggior tempo passato nei luoghi chiusi, mettono a rischio la salute dell'apparato respiratorio. In inverno siamo più esposti alle infezioni respiratorie, le temperature rigide inibiscono alcuni importanti sistemi di difesa dell'organismo da virus e batteri, riducendone la risposta immunitaria. Da qui l'iniziativa educazionale promossa da Zambon Italia, disponibile sul sito www.proteggiituoipolmoni.it. - si legge in una nota - che ha l'obiettivo di spiegare in modo semplice perché e come prendersi cura della salute delle proprie vie respiratorie.

''Le temperature ambientali fredde - spiega Maria Pia Foschino Barbaro, professore ordinario di Malattie dell'apparato respiratorio - Università di Foggia, Policlinico di Foggia - favoriscono una maggiore trasmissione e sviluppo di infezioni respiratorie a causa di alterazioni della ''clearance muco-ciliare'', un importante meccanismo di difesa delle vie respiratorie in grado di contrastare e bloccare l'ingresso nei polmoni di corpi estranei e agenti patogeni come virus e batteri''.

Secondo un recente studio condotto dai ricercatori della Massachusetts Eye and Ear e della Northeastern University - prosegue la nota - le basse temperature provocano una consistente diminuzione delle vescicole extracellulari presenti nel naso, veri e propri ''guardiani'' che di solito neutralizzano i virus prima che abbiano modo di infettare le cellule; mancando il filtro naturale del naso, i polmoni sono quindi particolarmente esposti a infezioni.

''Ai rischi legati all'azione sull'organismo delle basse temperature tipiche dell'inverno - aggiunge Foschino Barbaro, curatrice del vademecum - vanno aggiunti anche i fattori che danneggiano i polmoni tutto l'anno, come il fumo, l'inquinamento e l'azione dei radicali liberi che sono alla base dello stress

TAG: SALUTE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

22/04/2024

Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani (Fofi), interviene alla tavola rotonda "L'evoluzione della farmacia e del farmacista tra nuovi servizi e...

22/04/2024

In Italia si registrano infatti oltre 31mila casi l'anno di neoplasie con mutazioni geniche, ovvero tumori che presentano particolari mutazioni di geni, e questo apre le porte ad una medicina di...

22/04/2024

Premiate a Roma da Farmindustria le 8 scuole che hanno partecipato al progetto Alternanza scuola lavoro nel settore farmaceutico. Un premio di 1.000 euro ciascuno che gli istituti dovranno...

22/04/2024

"Oggi celebriamo 90 anni di traguardi ma guardiamo alle nuove sfide che abbiamo davanti e che insieme sapremo affrontare per raggiungere altri importanti risultati". Lo ha sottolineato...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top