Login con

Medicina

12 Febbraio 2024

Virus sinciziale in crescita, inserire vaccino in calendario. Il documento Siti-Simit

Il virus respiratorio sinciziale "è in aumento". In Europa "provoca più del 60% delle infezioni respiratorie acute nei bambini e negli adulti over 60 vengono stimati circa 3 milioni di casi. A fare il punto sono la Società italiana di igiene, medicina preventiva e sanità pubblica e la Società italiana di malattie infettive e tropicali, che hanno redatto un documento congiunto per stimolare alcune azioni urgenti


Il virus respiratorio sinciziale (Rsv) "è in aumento". In Europa "provoca più del 60% delle infezioni respiratorie acute in bambini di età inferiore ai 5 anni e negli adulti over 60 vengono stimati circa 3 milioni di casi di sindromi respiratorie acute, con più di 465mila ospedalizzazioni e più di 33mila decessi in ambito ospedaliero Rsv-correlati". A fare il punto sono la Società italiana di igiene, medicina preventiva e sanità pubblica (Siti) e la Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit), che hanno redatto un documento congiunto per stimolare alcune azioni urgenti per la prevenzione delle malattie Rsv-associate, "come l'uso preventivo del nuovo anticorpo monoclonale a lunga emivita (nirsevimab) e l'impiego dei nuovi vaccini contro l’Rsv oggi disponibili". Gli infettivologi e gli igienisti chiedono inoltre che la vaccinazione contro l'Rsv "venga inserita nel calendario vaccinale e sia raccomandata negli adulti con più di 60 anni con co-morbosità e negli anziani over 75".

"Per far fronte al quadro epidemiologico dell'Rsv e alla luce delle  nuove opzioni di prevenzione a disposizione, il documento 'Prevenzione delle infezioni da virus respiratorio sinciziale nella popolazione  italiana' redatto dagli specialisti di Siti e Simit - spiegano le due  società scientifiche - si propone come punto di partenza per quattro  obiettivi: potenziare il sistema di sorveglianza per le infezioni  virali respiratorie in accordo con le indicazioni dell'Oms e  dell'Edcd; considerare la disponibilità del nuovo anticorpo  monoclonale come un'importante arma di prevenzione universale delle  malattie da virus respiratorio sinciziale, che andrebbe inquadrata in  termini regolatori e organizzativi alla stregua di un programma  vaccinale che interessi come presidio preventivo l'intera coorte di  nuovi nati; considerare che i nuovi vaccini contro l'Rsv oggi  disponibili rappresentano un'opzione preventiva innovativa nei  confronti di un bisogno medico ad oggi insoddisfatto; prevedere di  inserire la vaccinazione contro l'Rsv nel calendario vaccinale,  raccomandando la vaccinazione negli adulti sopra i 60 anni di età con  co-morbosità e negli anziani sopra i 75 anni di età".

TAG: VIRUS RESPIRATORIO SINCIZIALE, VIRUS SINCIZIALE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

21/02/2024

Condividere conoscenze e strategie innovative per alzare sempre di più l’asticella nel Settore Sanitario Italiano. Con questa ambizione nasce il progetto "Grandi...

21/02/2024

'Per quanto riguarda la dengue, la situazione è sotto controllo. Siamo allertati, stiamo facendo tutto ciò che necessario, però per il momento siamo tranquilli"....

21/02/2024

Astrazeneca balza in borsa, facendo registrare un importante aumento del valore delle sue azioni nel mercato londinese, che guadagna più del 3,5%. L’aumento del...

21/02/2024

Alvotech, ha annunciato pochi giorni fa una serie di accordi con il colosso farmaceutico Johnson & Johnson per il lancio entro l'anno di una versione biosimilare...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top