Login con

Farmaci

24 Ottobre 2023

Emicrania, al Congresso Sin focus sui benefici anticorpi monoclonali anti-Cgrp

I risultati della seconda fase dello studio pan-europeo Pearl e i benefici dall'uso di anticorpi monoclonali anti Cgrp su pazienti affetti da emicrania sono stati presentati dall'azienda farmaceutica Teva nell'ambito del 53esimo congresso della Società italiana di Neurologia in corso alla Mostra d'Oltremare di Napoli. Lo studio, che vede l'Italia tra i Paesi protagonisti, coinvolge oltre mille pazienti di cui 354 italiani


I risultati della seconda fase dello studio pan-europeo Pearl e i benefici dall'uso di anticorpi monoclonali anti Cgrp su pazienti affetti da emicrania sono stati presentati dall'azienda farmaceutica Teva nell'ambito del 53esimo congresso della Società italiana di Neurologia (Sin) in corso alla Mostra d'Oltremare di Napoli. Lo studio, che vede l'Italia tra i Paesi protagonisti, coinvolge oltre mille pazienti di cui 354 italiani. Da una precedente survey condotta da Teva, sono 41 milioni le persone che in Europa vivono con l'emicrania, patologia che costituisce la seconda causa di disabilità nel mondo e la prima tra le giovani donne. L'emicrania spesso inizia a manifestarsi durante la pubertà e colpisce principalmente la popolazione più produttiva, di età compresa tra i 35 anni e i 45 anni, incidendo sulla capacità di essere partner o genitori o riducendo il rendimento sul luogo di lavoro.

"È una terapia rivoluzionaria perché è la prima costruita per i pazienti emicranici, è una terapia che va a lavorare sulla molecola Cgrp che è elevata nei pazienti che soffrono di emicrania, attenuandola, andando a lavorare sul meccanismo che sta alla base del dolore" ha detto Renata Rao, responsabile del Centro Cefalee degli Spedali civici di Brescia, in relazione al trattamento con anticorpi monoclonali anti Cgrp.

Rao ha evidenziato che si tratta di "una terapia specifica, sicura, che non dà effetti collaterali e non compromette le performance del paziente e non lo rende soggetto a sonnolenza e stordimento. Sono farmaci con un profilo di sicurezza ottimale e rappresentano un'arma importante per tutte quelle persone che vivono con l'emicrania". Il ricorso a trattamenti con anticorpi monoclonali anti Cgrp, dunque, può aiutare i pazienti emicranici a condurre - ha concluso Rao - una vita normale perché abbatte la disabilità correlata alla malattia. È sicuramente un grosso vantaggio e bisogna diffondere tra la popolazione la dignità della malattia e la possibilità di poterla affrontare e gestire".

TAG: EMICRANIA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

22/04/2024

Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani (Fofi), interviene alla tavola rotonda "L'evoluzione della farmacia e del farmacista tra nuovi servizi e...

22/04/2024

In Italia si registrano infatti oltre 31mila casi l'anno di neoplasie con mutazioni geniche, ovvero tumori che presentano particolari mutazioni di geni, e questo apre le porte ad una medicina di...

22/04/2024

Premiate a Roma da Farmindustria le 8 scuole che hanno partecipato al progetto Alternanza scuola lavoro nel settore farmaceutico. Un premio di 1.000 euro ciascuno che gli istituti dovranno...

22/04/2024

"Oggi celebriamo 90 anni di traguardi ma guardiamo alle nuove sfide che abbiamo davanti e che insieme sapremo affrontare per raggiungere altri importanti risultati". Lo ha sottolineato...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top