Login con

sanità

19 Maggio 2023

Tumori, Rapporto Favo; nel nuovo piano oncologico mancano obiettivi concreti

Le persone che convivono con una diagnosi di tumore sono aumentate di oltre 1 milione in quasi 15 anni, passando dai 2,5 milioni del 2006 ai 3,6 milioni nel 2020, pari a un aumento di circa il 40%. Molti di loro sono, a tutti gli effetti, guariti, altri hanno iniziato da poco le cure, altri ancora riescono a controllare la malattia per decenni grazie alle nuove terapie


Le persone che convivono con una diagnosi di tumore sono aumentate di oltre 1 milione in quasi 15 anni, passando dai 2,5 milioni del 2006 ai 3,6 milioni nel 2020, pari a un aumento di circa il 40%. Molti di loro sono, a tutti gli effetti, guariti, altri hanno iniziato da poco le cure, altri ancora riescono a controllare la malattia per decenni grazie alle nuove terapie. Nel Piano Oncologico Nazionale di recente approvato, però, non sono previsti interventi normativi per garantire a tutti la riabilitazione. A denunciarlo è il 15/mo 'Rapporto sulla condizione assistenziale dei malati oncologici', presentato dalla Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia.
Le persone che vivono dopo una diagnosi di tumore in Italia stanno rapidamente aumentando e quasi un terzo, circa un milione di cittadini, può considerarsi guarito. "Alla guarigione clinica - spiega Francesco De Lorenzo, presidente Favo - spesso si accompagnano disabilità, fisiche e psicosociali, recuperabili proprio attraverso programmi di riabilitazione. Questa è necessaria per restituire alla persona guarita una vita piena, ma anche un uso appropriato delle risorse". I tumori rappresentano infatti la causa principale del riconoscimento degli assegni di invalidità e delle pensioni di inabilità, con un trend in crescita". Nel Piano Oncologico però aggiunge, precisa Elisabetta Iannelli, segretario Favo, "non si interviene per promuovere l'approvazione di normative che tutelino il lavoro per malati e caregiver e il diritto all'oblio oncologico".
Una delle più importanti innovazioni che sta modificando la sopravvivenza è l'oncologia di precisione, ovvero terapie mirate su specifiche mutazioni. "Queste - precisa Iannelli - richiedono una caratterizzazione bio-molecolare dei tumori ma nel Piano oncologico mancano riferimenti per sviluppare una governance nazionale e regionale per l'esecuzione dei test di sequenziamento genico di nuova generazione".

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/05/2024

Arriva la notizia della nuova variante KP.1, in crescita negli Stati Uniti. Qui ha raggiunto il 25% di contagi nelle settimane centrali di aprile, contro il 22% dell’ex variante dominante JN.1:...

24/05/2024

Per sensibilizzare sul tumore alla vescica e promuovere la conoscenza dei sintomi, favorendo così la diagnosi, Merck Italia, affiliata italiana di Merck, ha lanciato la campagna 'In viaggio verso la...

24/05/2024

AbbVie ha annunciato che l'Aifa ha approvato la rimborsabilità in Italia di upadacitinib 45 mg e 15 e 30 mg come primo Jak inibitore per il trattamento di pazienti adulti con malattia di Crohn...

24/05/2024

Il farmaco sperimentale di GSK, depemokimab, ha raggiunto il suo obiettivo primario di ridurre gli attacchi di asma in una sperimentazione di fase avanzata. Questo risultato potrebbe rappresentare un...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top