Login con

Farmaci

22 Giugno 2023

Farmaci, Aschimfarma: serve Ue più indipendente da paesi terzi

Serve una catena di approvvigionamento del farmaco europea meno dipendente da Paesi terzi. È quanto sostiene Aschimfarma, l'Associazione dei produttori di principi attivi farmaceutici, parte di Federchimica, condividendo le azioni proposte dalle Associazioni europee di categoria alla Commissione europea


Serve una catena di approvvigionamento del farmaco europea meno dipendente da Paesi terzi. È quanto sostiene Aschimfarma, l'Associazione dei produttori di principi attivi farmaceutici, parte di Federchimica, condividendo le azioni proposte dalle Associazioni europee di categoria alla Commissione europea, Efcg (European Fine Chemicals Group) e Medicines For Europe, che nei giorni scorsi hanno espresso forte sostegno al documento sul miglioramento della sicurezza dell'approvvigionamento di medicinali in Europa, presentato dalla delegazione belga al Consiglio Ue.

Attraverso il documento ('non paper') sul potenziamento della sicurezza dell'approvvigionamento di farmaci in Europa, co-firmato da 19 Paesi tra cui l'Italia - si legge in una nota - i principali Stati membri hanno richiesto un meccanismo volontario di solidarietà per alleviare temporaneamente le gravi carenze che possono colpire gli Stati membri; un elenco europeo dei medicinali critici, le cui catene di approvvigionamento, produzione e valore devono essere monitorate e tutelate con politiche attive di sostegno; una valutazione di opportunità per un provvedimento europeo sui farmaci critici per ridurre le dipendenze, sia dei farmaci stessi sia delle materie prime necessarie per la produzione, in particolare per i prodotti forniti da pochi produttori o paesi fornitori, cui Aschimfarma sarebbe favorevole.

In riferimento alla proposta di creazione di una lista europea di medicinali critici, per i quali sarà necessario monitorare l'approvvigionamento, mappare le catene del valore globali e identificare i (potenziali) fornitori e le vulnerabilità, "Aschimfarma- dichiara il presidente, Paolo Russolo - ritiene di fondamentale importanza che sia avviato un dialogo tra tutti i fornitori lungo la catena del valore, compresi i produttori dei principi attivi, che sicuramente potrebbero giocare un ruolo fondamentale nel prevenire e sopperire a molte situazioni di carenza''.

Sono necessari interventi legislativi che meglio definiscano la strategicità del comparto chimico-farmaceutico, per ottenere una via preferenziale per le pratiche burocratiche relative alle espansioni dell'attività industriale; servono parità di condizioni produttive (level playing field) in primis a livello europeo ma anche extra europeo, non solo sotto l'aspetto qualitativo, ma anche per quanto riguarda sicurezza e ambiente; occorre semplificare le procedure di registrazione degli Api e di inserimento di nuovi fornitori di materie prime e intermedi; va sostenuta l'innovazione attraverso la sburocratizzazione dei processi autorizzativi per il cambio di processo e per l'incremento della attività produttiva (fast track) nel pieno rispetto delle stringenti norme ambientali.

"Alle imprese - sostiene Russolo - serve certezza sul rientro degli investimenti nel medio periodo, in modo che un progetto sia economicamente sostenibile". Si tratta di argomenti - conclude la nota - che potrebbero essere discussi nell'ambito del Tavolo della farmaceutica e biomedicale, voluto dal ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, e dal ministro della Salute Orazio Schillaci di cui Aschimfarma fa parte. "Ci auguriamo che il Tavolo possa nuovamente riunirsi quanto prima, anche per affrontare e ottenere una maggiore autonomia della supply chain farmaceutica italiana ed europea'', conclude Russolo.

TAG: FARMACEUTICA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/05/2024

Arriva la notizia della nuova variante KP.1, in crescita negli Stati Uniti. Qui ha raggiunto il 25% di contagi nelle settimane centrali di aprile, contro il 22% dell’ex variante dominante JN.1:...

24/05/2024

Per sensibilizzare sul tumore alla vescica e promuovere la conoscenza dei sintomi, favorendo così la diagnosi, Merck Italia, affiliata italiana di Merck, ha lanciato la campagna 'In viaggio verso la...

24/05/2024

AbbVie ha annunciato che l'Aifa ha approvato la rimborsabilità in Italia di upadacitinib 45 mg e 15 e 30 mg come primo Jak inibitore per il trattamento di pazienti adulti con malattia di Crohn...

24/05/2024

Il farmaco sperimentale di GSK, depemokimab, ha raggiunto il suo obiettivo primario di ridurre gli attacchi di asma in una sperimentazione di fase avanzata. Questo risultato potrebbe rappresentare un...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top