Login con

Medicina

25 Novembre 2022

One Health, Siliquini (SItI): igienisti a disposizione su piano d’azione per la promozione di una salute integrata

A seguito del nuovo Piano d’azione “One Health Join Act”, la Società Italiana d’Igiene «si è messa a disposizione, con le proprie competenze per supportare qualunque progetto che abbia come scopo finale la salute per tutti ma anche la salute integrata che sta nel concetto di One health, proponendo alcuni spunti su politiche, sinergie e buone pratiche dall’approccio multiprofessionale e multidisciplinare». È quanto dichiara a Sanità33 Roberta Siliquini


A seguito del nuovo Piano d’azione “One Health Join Act”, siglato tra Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (Fao), Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (Unep), Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) e Organizzazione Mondiale per la salute degli animali, la Società Italiana d’Igiene «si è messa a disposizione, con le proprie competenze per supportare qualunque progetto che abbia come scopo finale la salute per tutti ma anche la salute integrata che sta nel concetto di One health, proponendo alcuni spunti su politiche, sinergie e buone pratiche dall’approccio multiprofessionale e multidisciplinare». È quanto dichiara a Sanità33 Roberta Siliquini, socia della Società Italiana d’Igiene, medicina preventiva e sanità pubblica e professore ordinario d’Igiene all’Università di Torino.

Il concetto di One Health, ricorda Siliquini, è stato trattato nel 2004 quando il tema «era riservato solo ad alcuni aspetti della sanità pubblica come, ad esempio, l’antimicrobico resistenza o la sicurezza alimentare». Oggi, invece, la situazione è cambiata e il tema è tornato all’attenzione, anche per via del Covid. Secondo l’esperta, infatti, «la pandemia ha enfatizzato un problema che gli addetti lavori già conoscevano da tempo ed era ampiamente prevedibile». «Come tutti sappiamo la pandemia è stata causata da un virus da che, verosimilmente, deriva da un animale, quindi c'è stato un salto di specie. Virus che si trasmettono – spiega - solo tra animali, ma ad un certo punto modificano la loro capacità di infettare e diventano pericolosi anche per l'uomo». Siliquini precisa che questa «non è la prima volta e non sarà purtroppo l'ultima».

Di fatto, in questi salti di specie o questi virus circolanti «derivano da una serie di cambiamenti ambientali che fanno sì che, ad esempio, alcuni vettori – sottolinea Siliquini - possano sopravvivere in zone del mondo in cui prima non sopravvivevano». Da qui il concetto di One Health. L’esperta sostiene, dunque, come quanto accaduto evidenzi, ancora una volta, «come la salute umana non sia assolutamente slegata dalla salute dell'ambiente in cui l'uomo vive e dalla salute degli animali di cui l’uomo, spesso, si ciba o con i quali convive come nel caso degli animali da compagnia, all'interno di determinati territori».



TAG: SALUTE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/05/2024

Assoutenti esprime profonda preoccupazione per l'attacco cibernetico subito da Synlab che ha portato alla pubblicazioni di molti terabyte di dati sensibili di pazienti ed invita quindi l’azienda ad...

17/05/2024

Francesco Di Raimondo, Docente Ordinario di Ematologia all’università degli Studi di Catania, intervistato da Sanità33, fa il punto sulle terapie per il mieloma multiplo e sui nuovi vuoti...

17/05/2024

Nel costante processo di evoluzione del settore sanitario italiano, un nuovo capitolo si è aperto con la sigla di un accordo di collaborazione con l’obiettivo di approfondire e promuovere scenari...

17/05/2024

Il test di Medicina del 28 maggio è vicino: sarà un concorsone in presenza nelle sedi universitarie come ai vecchi tempi. La convocazione è prevista per le ore 8.30 ma si parte alle 13. E saranno...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top