Login con

sanità

06 Maggio 2024

Intelligenza artificiale in sanità, il punto su opportunità e rischi

Le opportunità offerte dall’applicazione dell’intelligenza artificiale in ambito sanitario “sono innumerevoli e non siamo in grado, allo stato attuale, di valutarne la portata”. È quanto evidenzia a Sanità33, Giandomenico Nollo, presidente di Sihta


Le opportunità offerte dall’applicazione dell’intelligenza artificiale in ambito sanitario “sono innumerevoli e non siamo in grado, allo stato attuale, di valutarne la portata”. È quanto evidenzia a Sanità33, Giandomenico Nollo, presidente di Sihta, la Società italiana di Health Technology Assessment, che nell’ambito dell’evento Exposanità, che si è svolto da 17 al 19 aprile scorsi, ha partecipato a una tavola rotonda sul tema dell’AI.



“Ogni giorno arrivano novità”, sottolinea Nollo, precisando che l’AI, sia come machine learning che come deep learning, “sta dando un grande contributo agli esami di imaging e non dubito che sarà presto un supporto costante per i radiologi”. Tuttavia, l’esperto osserva che in questa trasformazione si nascondono i rischi collegati al passaggio da un sistema umano a un sistema di algoritmi; “passaggio deontologicamente molto complesso”, come lo definisce Nollo. In ogni caso, “sebbene l’intelligenza artificiale raggiungerà performance migliori dell’uomo in tutti i settori – dichiara l’esperto -, non potrà mai sostituirsi a lui”.

“I sistemi che imparano da database hanno intrinsecamente un limite – prosegue il presidente di Sihta -, si chiama bias, o polarizzazione, e andrà continuamente e attentamente rivalutato e ricalibrato”. Con la prospettiva di un mondo in cui la tecnologia diventerà molto forte, dunque, secondo Nollo “avremo bisogno di regole per gestirla. Ogni tecnologia deve avere uno scopo, un indirizzo, che non deve essere cercato dopo averla sviluppata”. L’obiettivo “è dotarsi di un’idea di riferimento organizzativa a livello clinico, piuttosto che di sanità pubblica, e avanzare su quella”. In realtà si tratta di un approccio già sperimentato con tutte le tecnologie, “solo che lo sviluppo avveniva con tempi dilatati rispetto a quello che sta accadendo oggi con l’AI”.

Accanto a questo, ci sarà bisogno di formazione e di cultura sulle nuove tecnologie, sia da parte del cittadino che da parte del decisore politico, “che non possono essere scevri dalle opportunità offerte – conclude Nollo -. Ci sono problemi di sicurezza, di qualità, di bilancio e dobbiamo essere messi nella condizione di scegliere al meglio”.

TAG: INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/05/2024

Assoutenti esprime profonda preoccupazione per l'attacco cibernetico subito da Synlab che ha portato alla pubblicazioni di molti terabyte di dati sensibili di pazienti ed invita quindi l’azienda ad...

17/05/2024

Francesco Di Raimondo, Docente Ordinario di Ematologia all’università degli Studi di Catania, intervistato da Sanità33, fa il punto sulle terapie per il mieloma multiplo e sui nuovi vuoti...

17/05/2024

Nel costante processo di evoluzione del settore sanitario italiano, un nuovo capitolo si è aperto con la sigla di un accordo di collaborazione con l’obiettivo di approfondire e promuovere scenari...

17/05/2024

Il test di Medicina del 28 maggio è vicino: sarà un concorsone in presenza nelle sedi universitarie come ai vecchi tempi. La convocazione è prevista per le ore 8.30 ma si parte alle 13. E saranno...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top