Login con

Farmaci

27 Aprile 2023

Farmaci, Efpia: riforma Ue impraticabile e destinata a fallire

La riforma della legislazione farmaceutica dell'Ue, presentata dalla Commissione europea, pur rappresentando "un'importante pietra miliare" per l'impegno di Ue, Stati membri e industria "a migliorare l'accesso ai medicinali e ai vaccini e rilanciare la scienza e l'innovazione in Europa", rischia di sabotare l'industria europea delle scienze della vita


La riforma della legislazione farmaceutica dell'Ue, presentata dalla Commissione europea, pur rappresentando "un'importante pietra miliare" per l'impegno di Ue, Stati membri e industria "a migliorare l'accesso ai medicinali e ai vaccini e rilanciare la scienza e l'innovazione in Europa", "rischia di sabotare l'industria europea delle scienze della vita, allontanando i pazienti europei da un'assistenza sanitaria all'avanguardia". Così la Federazione europea delle associazioni e delle industrie farmaceutiche (Efpia), commenta la riforma definendola, per alcuni versi, "impraticabile e destinata a fallire".

"Fin dall'inizio - afferma il direttore generale Nathalie Moll - l'Efpia, le aziende e le associazioni che ne fanno parte hanno sostenuto gli obiettivi della strategia farmaceutica dell'Ue: fornire un accesso più rapido ed equo ai medicinali, evitare e mitigare le carenze e garantire che l'Europa possa essere un leader mondiale nell'innovazione medica. Sfortunatamente, le proposte di riforma presentate oggi indeboliscono la ricerca e lo sviluppo in Europa senza affrontare l'accesso ai farmaci per i pazienti".

"L'approccio definito nella legislazione farmaceutica, che penalizza l'innovazione se un farmaco non è disponibile in tutti gli Stati membri entro due anni è fondamentalmente sbagliato - denuncia Moll – e rappresenta un obiettivo impossibile per le aziende. È noto che la stragrande maggioranza dei ritardi nell'accesso ai nuovi farmaci si verifica dopo che l'azienda ha presentato la domanda per la determinazione dei prezzi e dei rimborsi ed è in attesa di una decisione, in modo che il nuovo trattamento possa essere messo a disposizione dei pazienti. Per risolvere la variabilità nell'accesso ai nuovi farmaci nell'Ue è necessario che tutti i partner si mettano urgentemente attorno a un tavolo e affrontino i problemi reali, piuttosto che una legislazione a livello europeo impraticabile e destinata a fallire".
"Nei prossimi mesi - conclude Moll - ci impegniamo a collaborare con i membri del Parlamento europeo, del Consiglio e di altre parti interessate per garantire che la riforma della legislazione farmaceutica e il pacchetto brevetti soddisfino le esigenze dei pazienti, dei nostri sistemi sanitari, degli Stati membri e del settore europeo delle scienze della vita. Se non verranno apportate modifiche, l'eredità per l'Europa sarà quella di diventare semplice consumatrice dell'innovazione medica di altre regioni del mondo e che i pazienti europei aspetteranno più a lungo che mai i più recenti progressi nelle cure".

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

21/02/2024

Condividere conoscenze e strategie innovative per alzare sempre di più l’asticella nel Settore Sanitario Italiano. Con questa ambizione nasce il progetto "Grandi...

21/02/2024

'Per quanto riguarda la dengue, la situazione è sotto controllo. Siamo allertati, stiamo facendo tutto ciò che necessario, però per il momento siamo tranquilli"....

20/02/2024

Si riduce l'uso del preservativo nei giovani tra gli 11 e i 24 anni. È uno dei dati che emerge dall’Osservatorio annuale 'Giovani e sessualità' - che Durex...

20/02/2024

L'Fda americana ha approvato, con procedura accelerata, una nuova terapia cellulare contro il melanoma. La terapia (denominata lifileucel, nome commerciale Amtagvi)...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top