Login con

Europa

26 Luglio 2023

Farmaceutica Ue. Moll (Efpia): garantire equo accesso a farmaci e promuovere settore innovativo

In un articolo recentemente pubblicato su "The European Files", il direttore generale di EFPIA (Federazione Europea delle Associazioni e delle Industrie Farmaceutiche), Nathalie Moll, ribadisce la necessità di ripensare la recente proposta di ridefinizione della legislazione farmaceutica dell'UE


In un articolo recentemente pubblicato su "The European Files", il direttore generale di EFPIA (Federazione Europea delle Associazioni e delle Industrie Farmaceutiche), Nathalie Moll, ribadisce la necessità di ripensare la recente proposta di ridefinizione della legislazione farmaceutica dell'UE. Secondo Moll, due questioni fondamentali emergono nella discussione sulla revisione della legislazione: come garantire un accesso equo ai farmaci per tutti gli europei e come promuovere un settore farmaceutico altamente competitivo e innovativo. Il Dg Efpia ha espresso preoccupazione per il fatto che la bozza di legge attuale non affronti adeguatamente questi obiettivi.

Secondo le analisi pubblicate nel corso del tempo, i ritardi nell'accesso ai farmaci avvengono principalmente durante la fase di determinazione dei prezzi e del rimborso all'interno degli Stati membri. Questo indica chiaramente la necessità di un'azione collettiva da parte di vari attori nel settore. Moll, sottolinea che il potere di influenzare e migliorare l'accesso ai farmaci per la popolazione risiede fermamente a livello nazionale, piuttosto che nell'ambito della legislazione generale. Per il direttore, l'attuale tentativo di riforma, che cerca invece di adattare i quadri di accesso nazionali a una legislazione generale, progettata principalmente per determinare l'approvazione del prodotto e supportare l'innovazione, è destinato a fallire. EFPIA, riconoscendo l'urgenza di migliorare l'accesso ai trattamenti, ha già intrapreso un percorso e l’impegno a presentare domande per la determinazione dei prezzi e il rimborso in tutti gli Stati membri entro due anni dall'approvazione dell'UE, accompagnando queste azioni con un portale dedicato e da una rendicontazione regolare per monitorare i progressi.

Moll, suggerisce anche che l'adozione di nuovi meccanismi di prezzo e l'introduzione di una tariffazione differenziata basata sulla capacità di pagamento, potrebbero dare potere agli Stati membri di introdurre e finanziare efficacemente nuovi farmaci. L'implementazione di queste misure, secondo il direttore generale, può portare a miglioramenti tempestivi nell'accesso dei pazienti ai farmaci, senza compromettere la competitività o la competenza sanitaria degli Stati membri. Inoltre, Moll osserva con preoccupazione che, al contrario delle regioni concorrenti, l'Europa sembra intenzionata a ridurre gli incentivi per l'innovazione. Le proposte di bozza suggeriscono di ridurre la protezione dei dati normativi e l'esclusività del mercato orfano. Queste riduzioni proposte, insieme all'introduzione di condizioni che ostacolano la capacità degli innovatori di recuperare gli incentivi, non possono essere considerati ingredienti giusti per migliorare l'ambiente di investimento per le scienze della vita in Europa.

Ad esempio, per contrastare la resistenza antimicrobica la bozza di legge propone di migliorare l'ambiente di investimento introducendo condizioni migliori. Tuttavia, il sistema come è attualmente formulato non raggiungerà i suoi obiettivi a causa delle condizioni eccessivamente rigorose associate agli incentivi. Nel suo articolo, il direttore generale mette in guardia anche contro il divieto proposto sui materiali PFAS (una grande famiglia di migliaia di sostanze chimiche sintetiche ampiamente utilizzate nell’intera società e riscontrate nell’ambiente), ampiamente utilizzati in farmaceutica, nelle strutture produttive e negli imballaggi. Moll. ha affermato che questo potrebbe ridurre la capacità produttiva dell'Europa, portando a carenze nelle nostre regioni. Secondo il direttore generale, questo divieto potrebbe inoltre indurre la nostra produzione a spostarsi in altre parti del mondo, mettendo ulteriormente a rischio la competitività europea.

Infine, Moll suggerisce una serie di azioni da intraprendere immediatamente per garantire un quadro normativo robusto ed efficiente. Queste includono l'ottimizzazione dei processi decisionali normativi, la riduzione dei ritardi nell'accesso ai nuovi trattamenti e il rafforzamento dei diritti di proprietà intellettuale. Oggi l'Europa si trova in un momento critico che richiede un'azione immediata e decisa per garantire un accesso tempestivo ai farmaci e aumentare la competitività nel settore farmaceutico. Occorre, quindi, che tutti gli attori del settore a uniscano le forze per tracciare un percorso che massimizzi l'accesso, rafforzi l'innovazione e salvaguardi il vantaggio competitivo dell'Europa.

Cristoforo Zervos

Per saperne di più: https://www.europeanfiles.eu/health/rethinking-the-eu-general-pharmaceutical-legislation-for-a-competitive-more-resilient-and-healthier-europe

TAG: EFPIA, FARMACEUTICA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/05/2024

Assoutenti esprime profonda preoccupazione per l'attacco cibernetico subito da Synlab che ha portato alla pubblicazioni di molti terabyte di dati sensibili di pazienti ed invita quindi l’azienda ad...

17/05/2024

Francesco Di Raimondo, Docente Ordinario di Ematologia all’università degli Studi di Catania, intervistato da Sanità33, fa il punto sulle terapie per il mieloma multiplo e sui nuovi vuoti...

17/05/2024

Nel costante processo di evoluzione del settore sanitario italiano, un nuovo capitolo si è aperto con la sigla di un accordo di collaborazione con l’obiettivo di approfondire e promuovere scenari...

17/05/2024

Il test di Medicina del 28 maggio è vicino: sarà un concorsone in presenza nelle sedi universitarie come ai vecchi tempi. La convocazione è prevista per le ore 8.30 ma si parte alle 13. E saranno...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top