Login con

sanità

30 Ottobre 2023

Scompenso cardiaco in forte aumento. Da Anmco il punto su nuove terapie e tecnologia

Il tema è stato al centro della Convention nazionale Centri è sto lo scompenso cardiaco Anmco 2023, in cui i cardiologi ospedalieri italiani della Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri hanno fatto il punto su prevenzione e nuove terapie


Lo scompenso cardiaco è una patologia cronica in forte aumento che colpisce 15 milioni di persone in Europa e oltre 1 milione nel nostro Paese. In Italia lo scompenso cardiaco è la causa principale di ospedalizzazione nelle persone di età superiore ai 65 anni, con un rilevante impatto non solo clinico, ma anche sociale ed economico.

Il tema è stato al centro della Convention nazionale Centri scompenso cardiaco Anmco 2023, in cui i cardiologi ospedalieri italiani Anmco (Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri) hanno fatto il punto su prevenzione e nuove terapie. Secondo Fabrizio Oliva, presidente Anmco e direttore Cardiologia 1 dell'ospedale Niguarda di Milano: "Fortunatamente l'innovazione in campo medico sta cambiando lo scenario, a beneficio delle persone colpite da questa patologia cronica. Negli ultimi anni sono state implementate le terapie farmacologiche e le possibilità di intervento non farmacologico in questi pazienti con miglioramento della loro prognosi. Se si inizia uno schema terapeutico che comprende i nuovi farmaci dopo i 55 anni - suggerisce -si potrebbe garantire al paziente, rispetto alla terapia precedente, 8 anni di vita in più. Dopo i 65 anni, si potrebbe garantire una differenza di 6 anni di vita in più".
"Un altro aspetto rilevante - continua Oliva - è la definizione del rischio di morte cardiaca improvvisa nel contesto dello scompenso cardiaco, in questo possono essere d'aiuto le tecniche di imaging avanzato, innanzitutto nell'ambito dell'ecocardiografia. Si tratta di un'indagine tradizionalmente impiegata per valutare la funzione del muscolo cardiaco (frazione di eiezione) che, quando ridotta al di sotto di un certo livello (meno del 35%) è associata ad un significativo aumento del rischio di aritmie minacciose per la vita. Le applicazioni più innovative dell'ecocardiografia consentono una più raffinata e precisa valutazione della meccanica e struttura cardiaca fornendo dunque parametri che possono aiutare a individuare i pazienti con scompenso e a più alto rischio di morte improvvisa. Inoltre - osserva - negli ultimi anni si sono affiancate all'ecocardiografia altre metodiche che vengono usate sempre più frequentemente in cardiologia come ad esempio la risonanza magnetica. Nel corso degli ultimi anni nell'ambito della terapia per l'insufficienza cardiaca si sono resi disponibili una serie di nuovi trattamenti farmacologici e non. Nel contesto dei trial alcune di queste terapie hanno dimostrato di essere in grado di migliorare significativamente la prognosi dei pazienti ma nel mondo reale permangono difficoltà nella loro implementazione".
"Uno degli aspetti che sarà da implementare nel prossimo futuro che permetterà di avvicinare ospedale e territorio ed i vari attori che potranno garantire un'assistenza multidisciplinare, è la telemedicina: la tecnologia ci offre tante possibilità di cura e di assistenza a domicilio del paziente, ma dobbiamo costruire dei modelli organizzativi, affinché le informazioni raccolte vengano gestite al meglio - ricorda Alessandro Navazio, vice presidente Anmco e direttore Cardiologia Complessa dell'ospedale Santa Maria Nuova - Irccs di Reggio Emilia - sottolinea Altro aspetto quello della prossimità delle cure: sempre di più con la nascita delle case di comunità sul territorio si giocherà la partita di questi pazienti cronici e quindi occorre mettere in atto dei modelli assistenziali innovativi che mettano il medico di famiglia, il cardiologo e tutte le altre figure professionali in contatto più stretto sul territorio per creare un link e una risposta efficace e immediata per il paziente che si rivolge al Servizio sanitario nazionale. Questo in collaborazione con l'infermiere, altra figura professionale fondamentale. Grazie alla Missione 6 del PNRR ci sarà una riprogrammazione della medicina territoriale che, con l'aiuto delle reti di prossimità, delle strutture intermedie e della telemedicina, permetterà una migliore assistenza. In sanità ormai, dobbiamo pensare a modelli di cure tali da offrire ai malati un supporto personalizzato anche a livello domiciliare''.
''Siamo quindi - conclude il Navazio - in una condizione in cui possiamo garantire ai pazienti affetti da scompenso cardiaco ed in genere da patologie croniche che spesso sono presenti nello stesso paziente, un'assistenza in termini di terapia farmacologica e non farmacologica che può cambiare la traiettoria di malattia, garantendo migliore sopravvivenza, riduzione delle ospedalizzazioni e migliore qualità di vita. Tutto questo deve essere supportato da modelli di cura innovativi in cui il paziente possa essere preso incarico in modo multisciplinare e personalizzato. La missione 6 del Pnrr ci offre questa opportunità e quindi sorge spontanea un'affermazione ed una domanda. L'affermazione: l'organizzazione è già una buona terapia; la domanda: se non adesso, quando?''

TAG: CARDIOLOGIA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

18/04/2024

CGM TELEMEDICINE, la divisione del Gruppo CompuGroup Medical Italia (CGM) Italia presenta, in occasione della partecipazione a Exposanità, i suoi innovativi software integrati con...

18/04/2024

Promuovere la consapevolezza sulle diverse dimensioni della salute della donna, dalla prevenzione alla salute riproduttiva, dall'accesso ai servizi sanitari all' equità di genere. È con questo...

18/04/2024

Le note dell’arancia amara rimandano ai ricordi lontani, così come quelle fresche del neroli o del petit grain delle foglie. Con l’intento di risvegliare la memoria olfattiva condivisa da...

18/04/2024

Le malattie cardio, cerebro e  vascolari, che rappresentano ancora oggi la prima causa di mortalità  in Italia con oltre 216.000 decessi nel 2021 pari al 31% dei decessi  complessivi avvenuti...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top