Login con

Farmaci

25 Ottobre 2023

Oncologia, anticorpo coniugato riduce progressione tumore polmonare

Nei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule localmente avanzato o metastatico trattato con almeno una linea precedente di terapia, il trattamento con datopotamab deruxtecan ha migliorato in modo statisticamente significativo la sopravvivenza libera da progressione rispetto a docetaxel


Nei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule (Nsclc) localmente avanzato o metastatico trattato con almeno una linea precedente di terapia, il trattamento con datopotamab deruxtecan (Dato-Dxd) ha migliorato in modo statisticamente significativo la sopravvivenza libera da progressione (Pfs) rispetto a docetaxel, l'attuale standard terapeutico. In particolare, ha ridotto il rischio di progressione della malattia o di morte del 25% nella popolazione complessiva e del 37% nei pazienti con tumore non squamoso. Sono i risultati positivi dello studio registrativo di fase 3 Tropion-Lung01 presentati durante la terza sessione presidenziale del congresso della Società europea di oncologia medica (Esmo) che si è concluso a Madrid.

Datopotamab deruxtecan - spiega una nota - è un anticorpo farmaco-coniugato specificamente ingegnerizzato per essere diretto contro il recettore Trop2 e veicolare selettivamente un potente chemioterapico (Dxd). Datopotamab deruxecan è sviluppato e commercializzato congiuntamente da Daiichi Sankyo e AstraZeneca. ''Gli anticorpi farmaco-coniugati, come datopotamab deruxtecan - afferma Filippo de Marinis, direttore della divisione di Oncologia toracica dell'Istituto europeo di oncologia (Ieo) di Milano - hanno il potenziale di trasformare gli attuali trattamenti del carcinoma polmonare avanzato. Per i pazienti con carcinoma polmonare Nsclc in stadio avanzato - aggiunge - l’attuale standard terapeutico di seconda linea, il docetaxel, è associato a un beneficio limitato e a una tossicità sostanziale. Il miglioramento della sopravvivenza libera da progressione osservato con Dato- Dxd, in particolare nei pazienti con tumori non squamosi, e la migliore tollerabilità di questo anticorpo farmaco-coniugato rispetto al docetaxel rappresentano un significativo progresso per i pazienti con tumore al polmone, che resta ancora un big killer''.

Nel dettaglio, Dato-Dxd ha ridotto il rischio di progressione (Pfs) della malattia o di morte del 25% rispetto a docetaxel. La sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 4,4 mesi nei pazienti trattati rispetto ai 3,7 mesi del braccio docetaxel. I risultati hanno anche mostrato un tasso di risposta obiettiva del 26,4% nei pazienti trattati rispetto al 12,8% nei pazienti trattati con docetaxel. La durata mediana della risposta è stata di 7,1 mesi rispetto a 5,6 mesi nel braccio docetaxel. Nei pazienti con Nsclc non squamoso, datopotamab deruxtecan ha dimostrato un beneficio clinicamente significativo, riducendo il rischio di progressione della malattia o di morte del 37% e Pfs mediana è di 5,6 mesi nei pazienti trattati rispetto ai 3,7 mesi del braccio docetaxel. Per il doppio endpoint primario della sopravvivenza complessiva, i risultati ad interim sono numericamente a favore di datopotamab deruxtecan rispetto al docetaxel nella popolazione globale e nei pazienti con tumori non squamosi, tuttavia i risultati non hanno raggiunto la significatività statistica al momento del cut-off dei dati. Lo studio è attualmente in corso e il parametro sarà valutata nell'analisi finale.

Nello studio Tropion-Lung01, non sono stati identificati nuovi segnali legati alla sicurezza di datopotamab deruxtecan. "Questi risultati presentati a Esmo - osserva Ken Takeshita, Md, capo globale del dipartimento di Ricerca & Sviluppo di Daiichi Sankyo - forniscono un potenziale cambiamento della pratica clinica della nostra tecnologia DXd su diversi bersagli e tipi di tumore che si possono trattare con gli anticorpi farmaco-coniugati. I benefici che abbiamo osservato nei pazienti con tumori non squamosi sono notevoli e, insieme ai dati dello studio Tropion-Lung05, forniscono una promettente evidenza che datopotamab deruxtecan può svolgere un ruolo importante nel trattamento dei pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule che attualmente hanno limitate opzioni efficaci dopo il trattamento iniziale."

A tale proposito, Susan Galbraith, MbbChir, Phd, vice presidente esecutivo Ricerca e sviluppo in oncologia di AstraZeneca evidenzia che Dato-Dxt può rivestire ''un ruolo centrale per il futuro che immaginiamo, in cui gli anticorpi farmaco-coniugati migliorano e infine sostituiscono gli standard di cura consolidati, come la chemioterapia, in diversi tipi di cancro. I risultati di Tropion-Lung01 dimostrano per la prima volta - ribadisce - che un anticorpo farmaco-coniugato è in grado di ritardare la progressione della malattia o la morte più a lungo rispetto alla chemioterapia convenzionale nei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule in stadio avanzato. Questo risultato è particolarmente degno di nota se si considera che datopotamab deruxtecan è stato anche associato a un minor numero di eventi avversi gravi correlati al trattamento rispetto alla chemioterapia".

TAG: ONCOLOGIA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

18/04/2024

CGM TELEMEDICINE, la divisione del Gruppo CompuGroup Medical Italia (CGM) Italia presenta, in occasione della partecipazione a Exposanità, i suoi innovativi software integrati con...

18/04/2024

Promuovere la consapevolezza sulle diverse dimensioni della salute della donna, dalla prevenzione alla salute riproduttiva, dall'accesso ai servizi sanitari all' equità di genere. È con questo...

18/04/2024

Le note dell’arancia amara rimandano ai ricordi lontani, così come quelle fresche del neroli o del petit grain delle foglie. Con l’intento di risvegliare la memoria olfattiva condivisa da...

18/04/2024

Le malattie cardio, cerebro e  vascolari, che rappresentano ancora oggi la prima causa di mortalità  in Italia con oltre 216.000 decessi nel 2021 pari al 31% dei decessi  complessivi avvenuti...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top