Login con

farmaci

10 Novembre 2023

Liste d’attesa, trend in miglioramento nei primi 6 mesi dell’anno. Il quadro delle Regioni

Trend in miglioramento delle prestazioni sanitarie specialistiche rispetto al primo semestre 2022


Per tutte le tipologie di prestazioni specialistiche osservate “si riscontra da parte della maggioranza delle Regioni un trend in miglioramento rispetto al primo semestre 2022; viceversa, il confronto con il primo semestre 2019 individua da parte di tutte le Regioni - tranne che per la Toscana nell'ambito delle visite di controllo - delle criticità nel ristabilire i volumi di prestazioni antecedenti la pandemia". È quanto emerge dalla sperimentazione avviata da Agenas con la Fondazione The Bridge. Il progetto è stato presentato oggi a Roma al ministero della Salute, che ha raccolto i dati di 13 Regioni su 21. In particolare, 6 (Emilia Romagna, Toscana, Friuli Venezia Giulia, Marche, Provincia di Trento, Piemonte, Toscana) hanno inviato i dati totali a livello regionale, mentre Abruzzo, Calabria, Campania, Lazio, Sardegna, Umbria e Veneto hanno trasmesso dati parziali riferiti a una o più Asl. La sperimentazione ha permesso di raccogliere in modo analitico i dati provenienti dai sistemi Cup a livello centrale. In merito alle prime visite, è emerso che: “A livello globale la prima visita cardiologica è garantita in classe B nell'84% dei casi e in classe D nell'80% dei casi. I valori mediani delle giornate di attesa in classe B che si osservano tra le Regioni passano da 13 giorni in Friuli Venezia Giulia ai 5 giorni dell'Emilia-Romagna. Per la prima visita ortopedica la garanzia in classe B è pari al 74% dei casi e in classe D al 78% dei casi. In Regione Toscana in classe D il valore mediano di attesa è pari a 18, mentre in Regione Piemonte tale valore raggiunge i 36 giorni".

In merito alla diagnostica strumentale, "la Tac è garantita in classe B nel 78% dei casi e in classe D nel 89% dei casi - prosegue l'analisi dell'Agenas - I valori mediani delle giornate di attesa in classe D che si osservano tra le Regioni passano da 4 giorni in Provincia di Trento ai 21 giorni delle Marche. Per un'ecografia dell'addome la garanzia in classe B è pari al 78% dei casi e in classe D al 84% dei casi. In Regione Abruzzo, in classe B il valore mediano di attesa è pari a 4 giorni, mentre in Regione Lazio tale valore raggiunge i 31 giorni”.

"E' da rilevare - rimarca l'Agenas - che il dato relativo ai giorni che intercorrano tra la data di prescrizione della ricetta e la data di contatto al Centro prenotazioni è molto variabile. Ad esempio, si registra che solo il 18% delle prescrizioni in classe U (da erogare entro 3 giorni ) e il 40% delle prescrizioni in classe B (da erogare entro 10 giorni) riportano una data di contatto nella stessa giornata o il giorno dopo la prescrizione. Nell'80% delle prescrizioni in classe U e nel 57% in classe B, la data di contatto è superiore a quella della prescrizione, mediamente, di 10 giorni. Tale modalità organizzativa e/o comportamentale - si precisa nel report - può distorcere i risultati che tengono in considerazione la differenza dei giorni che intercorrono tra la data di contatto e la data di prima disponibilità offerta dal sistema". Infine, conclude l'analisi, un "altro elemento di distorsione" rilevato "rispetto alla corretta programmazione dell'offerta è rappresentato dalla scelta dell'utente. Nel 51% dei casi l'utente sceglie una data peggiorativa rispetto a quella che gli viene offerta dal sistema, perché chiede di poter avere la prenotazione presso una struttura diversa da quella proposta in prima disponibilità (73% dei casi) o perché sceglie una data successiva a quella proposta (20% dei casi)".

TAG: LISTE ATTESA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/04/2024

Il 26 marzo a Milano si è svolto l'evento “Brevetti e Segreti: Trasferimento Tecnologico nelle Scienze della Vita” organizzato ITTBioMed di Edra e DLA Piper, con il supporto di Lendlease, MIND...

12/04/2024

L'invecchiamento è il principale fattore di rischio per l'insorgere del cancro. Non solo l'accumulo di mutazioni genetiche, ma anche il deterioramento del sistema immunitario e l’esposizione...

12/04/2024

In Italia il 60% degli over 65 è colpito da una malattia cronica e, tra queste, le malattie cardiometaboliche sono le più frequenti. Gestire e tenere sotto controllo queste patologie richiede...

12/04/2024

Sono i trentenni sardi i più disponibili a dare il proprio consenso alla donazione degli organi, mentre ancora una volta è Trento la città più generosa d'Italia 

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top