Login con

Governo e Parlamento

12 Gennaio 2023

Salute mentale, più risorse per i dipartimenti Asl

Una lettera-appello firmata da 91 direttori dei Dipartimenti di salute mentale (Dsm) della maggior parte delle Asl italiane e inviata alle più alte cariche dello Stato per chiedere di "avviare un percorso concreto vincolando risorse definite per i servizi pubblici dei Dsm"


Una lettera-appello firmata da 91 direttori dei Dipartimenti di salute mentale (Dsm) della maggior parte delle Asl italiane e inviata alle più alte cariche dello Stato per chiedere di "avviare un percorso concreto vincolando risorse definite per i servizi pubblici dei Dsm, consentendo alle Regioni di attuare fin dal 2023 un piano straordinario di assunzioni, secondo gli standard per l'assistenza territoriale dei servizi di salute mentale definiti proprio pochi giorni fa dall'Agenas". Secondo i firmatari, "c'è bisogno di iniziative concrete ed immediate per ricucire la rete pubblica dei Dsm, sempre più sfilacciata, anche con un rilancio al loro interno dei percorsi psicologico-psicoterapeutici, per realizzare una salute mentale comunitaria, in grado di dare risposte integrate ai diversi aspetti biologici, psicologici e sociali".

"Si tratta di destinare, al massimo in un triennio, oltre 2 miliardi al fine di raggiungere l'obbiettivo minimo del 5% del Fondo sanitario per la salute mentale, come da impegno dei presidenti delle Regioni nel 2001, richiamato anche dalla recente sentenza della Corte costituzionale n. 22 del 2022", ricordano i direttori. Che lanciano un appello "perché riteniamo sia diventato un nostro dovere etico, a fronte dell'aumento del disagio mentale nel nostro Paese, in particolare degli adolescenti, senza più possibilità di adeguate risposte da parte dei Dsm. Le condizioni drammatiche nelle quali stiamo sempre più scivolando - rimarcano i firmatari - consentono ai Dsm di erogare ormai con estrema difficoltà le prestazioni che invece dovrebbero essere garantite dai Lea, i Livelli essenziali di assistenza. Una situazione che si è aggravata con la pandemia e con le problematiche sociali ed economiche".

La lettera è stata inviata al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella; al presidente del Consiglio, Giorgia Meloni; al ministro della Salute, Orazio Schillaci; al presidente della Camera, Lorenzo Fontana; al presidente del Senato, Ignazio La Russa; al presidente della Commissione Affari sociali della Camera, Ugo Cappellacci; al presidente della Commissione Affari sociali, sanità e lavoro pubblico e privato, previdenza sociale del Senato, Francesco Zaffini; al presidente della Conferenza della Regioni, Massimiliano Fedriga, e al coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, Raffaele Donini.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/05/2024

Arriva la notizia della nuova variante KP.1, in crescita negli Stati Uniti. Qui ha raggiunto il 25% di contagi nelle settimane centrali di aprile, contro il 22% dell’ex variante dominante JN.1:...

24/05/2024

Per sensibilizzare sul tumore alla vescica e promuovere la conoscenza dei sintomi, favorendo così la diagnosi, Merck Italia, affiliata italiana di Merck, ha lanciato la campagna 'In viaggio verso la...

24/05/2024

AbbVie ha annunciato che l'Aifa ha approvato la rimborsabilità in Italia di upadacitinib 45 mg e 15 e 30 mg come primo Jak inibitore per il trattamento di pazienti adulti con malattia di Crohn...

24/05/2024

Il farmaco sperimentale di GSK, depemokimab, ha raggiunto il suo obiettivo primario di ridurre gli attacchi di asma in una sperimentazione di fase avanzata. Questo risultato potrebbe rappresentare un...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top