Login con

Medici

26 Ottobre 2022

Medici donna, in crescita del 10% in 10 anni ma non in ruoli apicali. Il Rapporto del Ministero

Continua a crescere la presenza femminile nella sanità pubblica: erano 442.445, al 31 dicembre 2020, le donne assunte in strutture del Servizio sanitario nazionale, ovvero il 68,6% del personale, a fronte del 67,9% del 2019


Continua a crescere la presenza femminile nella sanità pubblica: erano 442.445, al 31 dicembre 2020, le donne assunte in strutture del Servizio sanitario nazionale, ovvero il 68,6% del personale, a fronte del 67,9% del 2019. Ma a crescere di oltre 10 punti percentuali in 10 anni è, in particolare, la percentuale di dirigenti medici donna, passata dal 38,4% del 2010 al 49,9% del 2020. Solo l'8,3% di loro, però, riveste il ruolo di direttore di struttura complessa o semplice. Lo evidenzia il Rapporto "Le donne nel Servizio sanitario nazionale. Anno 2020", pubblicato dal ministero della Salute.

I dati, basati sul Conto Annuale della Ragioneria Generale dello Stato, mostrano come il peso del genere femminile differisce nei diversi ruoli. Infatti, è donna il 49,9% (era il 48,1% nel 2019) dei dirigenti medici e oltre i tre quarti (circa il 78%) del personale infermieristico. Ma questo è un "trend destinato a crescere": tra gli under 45, infatti, il 63,8% è donna, mentre sopra questa età c'è una netta prevalenza di uomini e le donne che rappresentano solo il 43,9% del totale.
C'è poi ampia variabilità nelle Regioni: la percentuale di donne dipendenti dell'Ssn va da un minimo di 51,2% in Campania al 76,2% della Provincia autonoma di Bolzano.
"La presenza femminile all'interno del Ssn - si legge nel Rapporto - è significativamente cresciuta negli ultimi anni. Questo vale in particolar modo per i profili dirigenziali e meno per il personale del comparto. Dal 2010 al 2020 ad esempio, la percentuale di donne del personale infermieristico è pressoché invariata mentre, nello stesso periodo, oltre alla quota di donne medico sul totale medici, cresce molto anche la percentuale di veterinari e di dirigenti sanitari donna". Dal 2010 al 2020, infatti, la loro percentuale tra i dirigenti veterinari passa dal 18% al 27,1% e nella dirigenza sanitaria (biologi, farmacisti, fisici, chimici e psicologi) dal 72% al 78,5%.

TAG: SANITà

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

29/02/2024

UCB Pharma ha deciso di supportare l’iniziativa “ColorUp4RARE”, ideata da EURORDIS – Malattie Rare Europa, Associazione europea che ha istituito questa...

29/02/2024

In occasione della Giornata Mondiale delle Malattie Rare 2024, Sanofi lancia la sua campagna “La Ricerca più Preziosa” volta a dare il proprio contributo di...

29/02/2024

Il gruppo chimico-farmaceutico Zambon con sede a Bresso nel Milanese, attraverso la controllata elvetica Zambon Biotech, ha siglato con la statunitense Amneal...

29/02/2024

L’Emilia-Romagna è stata considerata fino ad oggi una tra le regioni italiane all’avanguardia nel campo della terapia con radioligandi (RLT), che rappresenta...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top