Login con

Intervista

10 Gennaio 2023

Dispositivi medici, Boggetti: cancellare payback. A rischio salute e posti di lavoro

Non c’è nulla sul tavolo che possa compensare neanche un pagamento parziale di quello previsto, la norma è sbagliata e non abbiamo le risorse per farlo. È un meccanismo che non può funzionare. Si tratta di una norma che non rappresenta uno strumento di contenimento della spesa ma un forte danno per la salute”. Chiare le parole di Massimiliano Boggetti


“Non c’è nulla sul tavolo che possa compensare neanche un pagamento parziale di quello previsto, la norma è sbagliata e non abbiamo le risorse per farlo. È un meccanismo che non può funzionare. Si tratta di una norma che non rappresenta uno strumento di contenimento della spesa ma un forte danno per la salute”. Chiare le parole del presidente di Confindustria dispositivi medici, Massimiliano Boggetti, in occasione della manifestazione indetta a Roma dalle associazioni che rappresentano le aziende che producono i dispositivi medici per protestare contro il payback, la restituzione di una parte dei soldi che le Regioni hanno speso per i dispositivi, in scadenza tra pochi giorni.

“Non siamo noi i responsabili a dover pagare la sanità ai cittadini italiani. Noi contribuiamo già in maniera sostanziale alla salute dei cittadini attraverso le nostre innovazioni, ma non lo possiamo fare anche con i nostri soldi. Toccherà alle regioni trovare le risorse per fornire la salute ai cittadini.  Non si può andare a mettere le mani nelle tasche delle aziende per chiedere quello che le regioni spendono e che non vogliono pagare”, chiarisce Boggetti. Con il payback “abbiamo calcolato che circa l’80% delle piccole imprese del nostro comparto (che solo oltre 5mila) rischiano la chiusura. I 2,2 miliardi sono una cifra che noi non abbiamo sui nostri conti correnti, non sappiamo neanche dove fisicamente andare a prenderli. Non abbiamo le risorse per poterlo fare, si rischia la chiusura e oltre 100mila posti di lavori. È una cosa assurda e illogica che non succede in nessun altro Paese nel mondo”. La proroga al 30 aprile per il pagamento di 2,2 miliardi da parte delle aziende biomedicali per il meccanismo del payback, che dovrebbe essere decisa dal Consiglio dei ministri in programma oggi, "non basta, se non per mettersi al tavolo e discutere la cancellazione del payback. Sono a rischio le forniture per gli ospedali e l'assistenza ai cittadini”.

In Italia infatti, rileva, "non c'è un problema di spesa in dispositivi medici fuori controllo, ma di sottofinanziamento del Servizio sanitario nazionale (Ssn). Senza la cancellazione, gli ospedali avranno grandi problemi di approvvigionamento se le imprese del comparto falliranno e inoltre si avranno pesanti ricadute anche sull'assistenza tecnica degli strumenti installati negli ospedali e sulla fornitura di tecnologie di qualità". Oggi, avverte Boggetti, "la spesa media procapite in dispositivi medici è tra le più basse d'Europa e mantenere i tetti vuol dire decidere di abbassare la qualità di strumenti diagnostici, di cura e riabilitazione indispensabili per la salute dei cittadini. Governo e regioni devono decidere se continuare a sottofinanziare il Ssn gettando sulle aziende l'onere di ripianare i conti o investire in salute facendo una programmazione più attenta e aderente ai bisogni di cura dei cittadini".

Anna Capasso

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/05/2024

Assoutenti esprime profonda preoccupazione per l'attacco cibernetico subito da Synlab che ha portato alla pubblicazioni di molti terabyte di dati sensibili di pazienti ed invita quindi l’azienda ad...

17/05/2024

Francesco Di Raimondo, Docente Ordinario di Ematologia all’università degli Studi di Catania, intervistato da Sanità33, fa il punto sulle terapie per il mieloma multiplo e sui nuovi vuoti...

17/05/2024

Nel costante processo di evoluzione del settore sanitario italiano, un nuovo capitolo si è aperto con la sigla di un accordo di collaborazione con l’obiettivo di approfondire e promuovere scenari...

17/05/2024

Il test di Medicina del 28 maggio è vicino: sarà un concorsone in presenza nelle sedi universitarie come ai vecchi tempi. La convocazione è prevista per le ore 8.30 ma si parte alle 13. E saranno...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top