Login con

Intervista

21 Settembre 2023

Alzheimer, Sorbi (Airalzh): numeri in crescita ma la ricerca avanza

Oggi si celebra la giornata mondiale dell’Alzheimer, un’occasione per sensibilizzare su un problema di sanità pubblica importante e in crescita, con effetti a livello sanitario, economico e sociale. Una patologia, l’Alzheimer, che “non si limita solo a ridurre la memoria, ma che riduce l’aspettativa di vita di chi ne è affetto”, sottolinea Sandro Sorbi, past president di Airalzh


Oggi si celebra la giornata mondiale dell’Alzheimer, un’occasione per sensibilizzare su un problema di sanità pubblica importante e in crescita, con effetti a livello sanitario, economico e sociale. Una patologia, l’Alzheimer, che “non si limita solo a ridurre la memoria, ma che riduce l’aspettativa di vita di chi ne è affetto”, come sottolinea a Sanità33 Sandro Sorbi, past president di Airalzh, l’Associazione Italiana Ricerca Alzheimer, e ordinario di Neurologia dell’Università di Firenze.

Come spiega l’esperto, “la malattia di Alzheimer è la più frequente tra le demenze, visto che ne è affetto circa il 50% dei pazienti. Parliamo di numeri importanti dato che in Italia le persone con qualche forma di demenza sono un milione e mezzo, quindi circa 700-800 mila saranno affetti da Alzheimer”. Il punto critico, secondo Sorbi, è che i pazienti con la malattia neurodegenerativa “hanno una sopravvivenza limitata. In Italia – spiega – la sopravvivenza media è di sette/otto anni. Inoltre, si calcola che una famiglia su quattro/una su cinque ha avuto un familiare affetto da demenza”.

Nonostante questo, la malattia di Alzheimer è un problema negletto, con l’Italia che è stato uno degli ultimi Paesi in Europa a dotarsi di un Piano sanitario nazionale per le demenze. Di contro, “la ricerca avanza”, prosegue Sorbi, spiegando che negli USA ci sono tre nuovi farmaci a base di anticorpi in uso sperimentale grazie all’approvazione accelerata. “Parliamo di tre terapie veramente innovative rispetto a quello che c’è a disposizione”, sottolinea il neurologo, anche se si basano sulla scoperta di trent’anni fa che i depositi di amiloide nel cervello sono responsabili della malattia. “Nel frattempo, per fortuna, sono state fatte molte altre scoperte, che ci permettono di dire che non tutti i pazienti sono uguali, che ci sono forme genetiche diverse della malattia e che ci sono fattori metabolici, immunitari o meccanismi di trasmissione cellulare che hanno un ruolo nella patologia, ma che probabilmente è diverso da paziente a paziente”, osserva Sorbi, secondo il quale “il futuro da immaginare nelle terapie tagliate sul paziente”.



Un altro elemento importante su cui puntare è la diagnosi precoce, anche perché, come ricorda l’esperto, “in commercio ci sono già quattro farmaci che rallentano la progressione della malattia ed è chiaro che bisogno arrivare prestissimo, perché prima si assumono e meglio è”. Addirittura, il gruppo di Sorbi è incluso in un trial internazionale in cui si sta sperimentando “il trattamento dei familiari di pazienti con forme ereditarie della malattia, che per fortuna sono rarissime, prima che manifestino la patologia neurodegenerativa”, racconta il neurologo.

A proposito dell’impegno dell’associazione Airalzh, invece, Sorbi spiega i progetti finanziati di interesse, come la sperimentazione su tecniche di stimolazione transcranica. Questa strategia “ha mostrato come effettuando un allenamento cognitivo in una persona in fase iniziale della malattia di Alzheimer, mentre si effettuano queste stimolazioni, si ottenga un maggior apprendimento e una persistenza più lunga degli effetti”, spiega l’esperto sottolineando che “anche se si tratta di uno studio che agisce su un sintomo, fare qualcosa per aiutare i malati, in questo caso a livello di apprendimento e memoria, è già qualcosa”. 

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

18/04/2024

CGM TELEMEDICINE, la divisione del Gruppo CompuGroup Medical Italia (CGM) Italia presenta, in occasione della partecipazione a Exposanità, i suoi innovativi software integrati con...

18/04/2024

Promuovere la consapevolezza sulle diverse dimensioni della salute della donna, dalla prevenzione alla salute riproduttiva, dall'accesso ai servizi sanitari all' equità di genere. È con questo...

18/04/2024

Le note dell’arancia amara rimandano ai ricordi lontani, così come quelle fresche del neroli o del petit grain delle foglie. Con l’intento di risvegliare la memoria olfattiva condivisa da...

18/04/2024

Le malattie cardio, cerebro e  vascolari, che rappresentano ancora oggi la prima causa di mortalità  in Italia con oltre 216.000 decessi nel 2021 pari al 31% dei decessi  complessivi avvenuti...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top