Login con

sanità

08 Settembre 2023

Malattie polmonari, bassa qualità aria peggiora salute. L’indagine

La scarsa qualità dell'aria ha effetti negativi nelle persone con patologia respiratoria, non solo in termini di salute fisica, ma anche di benessere generale. Lo rivela un report pubblicato dall'Economist Impact, realizzato con il supporto di Chiesi e diffuso in occasione della 'Giornata internazionale dell'aria pulita per i cieli blu'


La scarsa qualità dell'aria ha effetti negativi nelle persone con patologia respiratoria, non solo in termini di salute fisica, ma anche di benessere generale. Lo rivela un report pubblicato dall'Economist Impact, realizzato con il supporto di Chiesi e diffuso in occasione della 'Giornata internazionale dell'aria pulita per i cieli blu' nel corso dell'evento "Patient Perspectives on the Impact of Climate Change on Respiratory Wellbeing" (Prospettive per i pazienti sull'impatto dei cambiamenti climatici sul benessere respiratorio), che ha riunito a Milano un panel di professionisti sanitari, scienziati ambientali e associazioni di pazienti. A pochi giorni dal congresso internazionale della European Respiratory Society, l'evento ha indicato delle raccomandazioni concrete per politiche sanitarie efficaci e olistiche, che tengano conto delle esperienze di vita vissuta dei pazienti con malattie polmonari, a partire dai dati del report ''Cleaner air, clearer lungs, better lives: exploring the intersection of air quality, health inequalities and lung health'' (Aria più pulita, polmoni più liberi, vite migliori: alla scoperta dell'intersezione tra qualità dell'aria, disuguaglianze sanitarie e salute polmonare).

"Quando si formulano politiche sulla salute respiratoria - afferma Gerard Dunleavy, Senior Consultant dell'Economist Impact - troppo spesso si ignora il punto di vista delle persone affette da patologie polmonari. Questo documento mette in luce le questioni della salute polmonare, della qualità dell'aria e delle disuguaglianze sanitarie attraverso gli occhi dei pazienti affetti da patologie polmonari, per contribuire alla definizione di politiche più efficaci in materia".

Il sondaggio dell'Economist Impact e l'analisi della letteratura che l'accompagna analizzano le esperienze di 500 persone affette da malattie polmonari in 5 Paesi chiave europei - oltre all'Italia, Regno Unito, Spagna, Germania e Francia - suggerendo, non solo, che i fattori legati al clima hanno un impatto significativo sulla qualità di vita, salute e benessere complessivo inteso come l'istruzione, il reddito e lo stato socioeconomico. Nonostante i miglioramenti complessivi della qualità dell'aria registrati nei 5 Paesi - si legge in una nota - il 69% degli intervistati ritenere che la situazione sia peggiorata negli ultimi 5 anni. Quando è stato chiesto di indicare le principali cause dell'inquinamento atmosferico, oltre il 40% ha sottolineato il cambiamento climatico, in particolare gli eventi meteorologici estremi e l'aumento delle concentrazioni di pollini.

Le raccomandazioni programmatiche per i pazienti con patologia respiratoria presentate all'evento, sulla base dei risultati dell'indagine, comprendono: riconoscere l'impatto dei fattori legati al clima, come le ondate di calore e l'aumento delle concentrazioni di pollini, sulla qualità di vita complessiva dei pazienti, senza limitarsi alla sola salute polmonare; prevedere che il cambiamento climatico possa ulteriormente aggravare questi problemi e quindi promuovere politiche sanitarie olistiche legate al clima; affrontare le esigenze specifiche dei pazienti nell'ambito di strategie più ampie di adattamento al clima e di equità sanitaria, incentrate su: educazione dell'opinione pubblica, miglioramento dell'equità di accesso all'assistenza sanitaria e fornitura di un supporto personalizzato durante gli eventi meteorologici estremi.

Inoltre - dettaglia una nota - si raccomanda di: incoraggiare i principali attori della catena del valore dell'assistenza sanitaria ad adottare pratiche sostenibili che riducano l'impatto ambientale e promuovano la salute delle vie respiratorie; facilitare la collaborazione e promuovere il dialogo tra operatori sanitari, esperti ambientali, rappresentanti del mondo dell'industria e delle comunità e gruppi di difesa dei pazienti per formulare politiche per la salute  respiratoria sulla base di prospettive diverse, culturalmente sensibili ed efficaci nel mitigare gli effetti nefasti del cambiamento climatico e, infine, di dare priorità a ricerche che esaminino l'intersezione tra salute respiratoria e cambiamenti climatici, ossia i rischi specifici, le vulnerabilità e le strategie di adattamento perle persone affette da patologie respiratorie.

"La crisi climatica è anche una crisi sanitaria - osserva Carmen Dell'Anna, Head of Global Medical Affairs del Gruppo Chiesi - Il report sottolinea la necessità di inglobare il punto di vista dei pazienti e le loro esperienze reali nella valutazione degli elementi che, insieme, contribuiscono al loro benessere, e di tenerne conto nello sviluppo di soluzioni. I responsabili politici - aggiunge - devono considerare che i fattori climatici e quelli socio-economici interagiscono e possono esercitare un impatto sulla salute e sul benessere dei pazienti. Noi di Chiesi ci impegniamo a promuovere una maggiore comprensione dei determinanti ambientali delle malattie respiratorie e a intraprendere azioni chiare in tal senso, che non si limitino al solo trattamento dei sintomi". 

TAG: SALUTE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

23/02/2024

Stili di vita, nutrizione, adeguata attività fisica e mentale e uso di specifici supplementi possono modificare i processi di invecchiamento e di...

23/02/2024

Almeno 2 persone su 10 non sanno cosa sia il Fuoco di Sant'Antonio e una su 2 dice di saperne poco.  Eppure, quasi 2 su 3 conoscono altri che ne hanno sofferto e il...

23/02/2024

Novo Nordisk ed Eli Lilly hanno preso il comando nella corsa per conquistare l’ampia fetta del mercato dei farmaci per la perdita di peso, che si prevede avrà un...

23/02/2024

L'assemblea dei soci di Acc, la Rete Oncologica Nazionale del ministero della Salute, ha confermato alla direzione generale, per i prossimi 5 anni, Paolo De Paoli,...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top