Login con

Pharma

10 Gennaio 2023

Malattie rare, Chiesi compra Amryt Pharma. Ecco i termini dell’accordo

Chiesi Farmaceutici ha raggiunto l'accordo per acquisire per un valore complessivo di 1,48 miliardi di dollari Amryt Pharma, gruppo biofarmaceutico irlandese quotato al Nasdaq e specializzato nello sviluppo e nella commercializzazione di nuovi trattamenti per le malattie rare


Chiesi Farmaceutici ha raggiunto l'accordo per acquisire per un valore complessivo di 1,48 miliardi di dollari Amryt Pharma, gruppo biofarmaceutico irlandese quotato al Nasdaq e specializzato nello sviluppo e nella commercializzazione di nuovi trattamenti per le malattie rare.

L'operazione è stata approvata all'unanimità dai cda di Chiesi e Amryt e dovrebbe chiudersi entro la fine della prima metà del 2023.
"Con questa operazione, stiamo ulteriormente espandendo il nostro impegno nei confronti delle persone affette da malattie rare, la maggior parte delle quali non ha ancora cure o cure approvate. Questa aggiunta del portafoglio Amryt, così come la loro esperienza, ci aiuterà nel nostro viaggio per portare farmaci ai pazienti, non importa quanto rara possa essere la loro condizione. Amryt ha costantemente portato prodotti innovativi in nuovi mercati e, aggiungendoli al portafoglio Chiesi, speriamo di renderli disponibili a un numero ancora maggiore di pazienti che potrebbero averne bisogno", ha commentato Marco Vecchia, amministratore delegato del Gruppo Chiesi.

Gli azionisti di Amryt riceveranno 14,50 dollari per Ads (rappresentativo di 5 azioni della società) – pari a 1,25 miliardi di dollari – oltre a "contingent Value rights" (Cvr) fino a ulteriori 2,50 dollari (in totale circa 225 milioni di dollari) se saranno raggiunti determinati obiettivi di approvazione del Filsuvez da parte dell’americana Fda.

Il farmaco Filsuvez è uno dei quattro prodotti che costituiscono l'offerta commerciale di Amryt Pharma ed è già stato approvato in Europa per la epidermolisi bollosa, una rara malattia ereditaria che colpisce la pelle negli adulti e nei bambini di età pari o superiore a 6 mesi.
Tra gli altri tre farmaci della società biofarmaceutica irlandese c'è lomitapide (Juxtapid/Lojuxta), per il quale lo scorso 5 gennaio Amryt ha annunciato i risultati dello studio di fase 3 per l'ipercolesterolemia familiare omozigote (HoFH) nei bambini di età compresa tra 5 e 17 anni, che hanno evidenziato come il trattamento riesca a ridurre il colesterolo.

L'acquisizione da parte di Chiesi si aggiunge a quella della danese Zymenex conclusa lo scorso novembre.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/05/2024

Arriva la notizia della nuova variante KP.1, in crescita negli Stati Uniti. Qui ha raggiunto il 25% di contagi nelle settimane centrali di aprile, contro il 22% dell’ex variante dominante JN.1:...

24/05/2024

Per sensibilizzare sul tumore alla vescica e promuovere la conoscenza dei sintomi, favorendo così la diagnosi, Merck Italia, affiliata italiana di Merck, ha lanciato la campagna 'In viaggio verso la...

24/05/2024

AbbVie ha annunciato che l'Aifa ha approvato la rimborsabilità in Italia di upadacitinib 45 mg e 15 e 30 mg come primo Jak inibitore per il trattamento di pazienti adulti con malattia di Crohn...

24/05/2024

Il farmaco sperimentale di GSK, depemokimab, ha raggiunto il suo obiettivo primario di ridurre gli attacchi di asma in una sperimentazione di fase avanzata. Questo risultato potrebbe rappresentare un...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top