Login con

Governo e Parlamento

30 Maggio 2023

Decreto Bollette in Gazzetta Ufficiale. La norma sul payback fa discutere

Il decreto Bollette completa il suo iter e approda nella Gazzetta Ufficiale del 29 maggio. A seguito della pubblicazione entrano in vigore le modifiche inserite nel corso dell’esame parlamentare, molte di ambito sanitario, tra queste quella relativa al payback


Decreto Bollette in Gazzetta Ufficiale. La norma sul payback fa discutere

Il decreto Bollette completa il suo iter e approda nella Gazzetta Ufficiale del 29 maggio. A seguito della pubblicazione entrano in vigore le modifiche inserite nel corso dell’esame parlamentare, molte di ambito sanitario, tra queste quella relativa al payback, ovvero il meccanismo per il ripiano del superamento del tetto di spesa dei dispositivi medici.
Il decreto, convertito in legge, prevede, infatti, all'articolo 8 l'istituzione di un fondo da ripartire tra le regioni e le province autonome, "quale contributo statale al ripiano del superamento del tetto di spesa dei dispositivi medici relativo agli anni da 2015 a 2018". Prevede, inoltre, che le aziende fornitrici di dispositivi medici, qualora non abbiano attivato un contenzioso o rinuncino allo stesso, possano versare a ciascuna regione e provincia autonoma, entro il 30 giugno 2023, in luogo della quota intera, una somma pari al 48% di quanto dovuto a titolo di contributo al ripiano. Si prevede inoltre che, in relazione ai versamenti effettuati alle regioni, le aziende possano portare in detrazione l'Iva. "La situazione per le aziende di dispositivi medici resta gravissima e chiediamo al governo di agire prima della scadenza del 30 giugno cancellando la norma sul payback" commenta il presidente di Confindustria dispositivi medici, Massimiliano Boggetti. "In realtà - afferma Boggetti all'ANSA - questo provvedimento è fatto più per le Regioni che per sanare la situazione delle aziende. Queste ultime, infatti, usufruiranno di uno sconto del 48% ma ciò non cambia il quadro, che resta gravissimo, così come resta a nostro parere iniquo e incostituzionale il meccanismo stesso del pay back. Non è infatti uno sconto del 48% sul quadriennio che può salvare le aziende sul mercato". Ed ancora: "Siamo molto preoccupati perché - avverte - questa norma impatterà pesantemente sull'innovazione e sugli stessi pazienti, così come sul funzionamento degli ospedali. E questo perché le aziende destinate a fallire, nonostante lo sconto previsto pari a circa un miliardo, sono le stesse che producono i macchinari innovativi per la rete ospedaliera". Insomma, "il quadro è critico e la nostra posizione non cambia". Al momento, spiega Boggetti, "stiamo portando avanti una interlocuzione col governo per arrivare ad una soluzione, ma non c'è molto tempo: chiediamo all'esecutivo di agire prima della scadenza del 30 giugno cancellando - conclude - questa norma iniqua in tempi rapidi".

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

14/06/2024

Sono state oggetto di dibattito al Congresso europeo della European Association for the Study of the Liver le iniziative dell'Associazione Italiana per lo Studio del Fegato (Aisf). All'evento hanno...

14/06/2024

È stato rinnovato il protocollo d’intesa tra Egualia, Fondazione Banco Farmaceutico ETS e Fofi per il 2024 che sosterrà cinque enti assistenziali. L’accordo prevede la distribuzione gratuita di...

14/06/2024

Named Group, polo italiano della salute naturale, nato nel 2022 dall'integrazione di 10 aziende e con quartier generale a Bussolengo, acquisisce Laboratorio Italiano Fermentati, impresa italiana...

14/06/2024

Il comitato di esperti della Fda ha dato parere favorevole a un nuovo medicinale per l'Alzheimer e le demenze a livello ancora lieve o moderato. Il prodotto della Eli Lilly se autorizzato...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top