Login con

Regioni

30 Marzo 2023

Liste attesa, dati regionali disomogenei. Al via Osservatorio Agenas-The Bridge

"I dati regionali sulle liste d'attesa per le prestazioni sanitarie sono disomogenei e non comparabili" e solo tre regioni li forniscono per tutte le prestazioni per le quali sarebbe previsto. All'interno del Piano Nazionale di Governo delle Liste di Attesa è previsto un elenco di 69 prestazioni sanitarie ambulatoriali


"I dati regionali sulle liste d'attesa per le prestazioni sanitarie sono disomogenei e non comparabili" e solo tre regioni li forniscono per tutte le prestazioni per le quali sarebbe previsto. All'interno del Piano Nazionale di Governo delle Liste di Attesa è previsto un elenco di 69 prestazioni sanitarie ambulatoriali e 17 in ricovero, dalla visita oculistica all'elettrocardiogramma, ma le uniche a fornire informazioni su tutte sono state Abruzzo, Puglia e Marche. E l'obiettivo del Piano liste d'Attesa è "lungi dall'essere raggiunto e siamo lontanissimi dall'informare i cittadini". Emerge dal report Hi - Healthcare Insights, l''Osservatorio sull'Accesso alle Cure', presentato a Roma, da cui prende il via un nuovo progetto di rilevazione realizzato dalla Fondazione The Bridge insieme ad Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali).
L'analisi rivela per il 2021 "assoluta disomogeneità dei dati forniti dalle singole Regioni" come "conseguenza della libertà che la normativa nazionale, indicata nel Piano, che lascia a ciascuna di esse nello stabilire le modalità attraverso cui i dati sono raccolti e resi accessibili". Ciò non consente un'analisi comparata tra regioni e nemmeno tra i dati della stessa regione relativi a anni diversi.
"Il Piano Nazionale di Governo delle Liste di Attesa, ormai ampiamente scaduto - sottolinea Luisa Brogonzoli, coordinatrice Centro Studi The Bridge - è inadeguato e non garantisce la possibilità per i cittadini di ottenere un quadro veritiero. La libertà informativa è lesa. Bisogna dare meno discrezionalità alle regioni e serve un unico modello di raccolta dati. Urge un ripensamento'.
Per ipotizzare una nuova modalità di raccolta e analisi dei dati delle liste d'attesa effettivamente rispondenti alla realtà, Fondazione The Bridge e Agenas hanno creato un gruppo di lavoro per monitorare ex ante i tempi di attesa delle prestazioni specialistiche attraverso la raccolta dei dati di prenotazioni effettuate attraverso i CUP. "È giunto il momento - afferma Alessandro Venturi, direttore scientifico Osservatorio Hi - di attuare una strategia che consenta di distillare informazioni e conoscenza dai dati sanitari, coniugando il sapere umano con le opportunità che le nuove tecnologie di machine learning oggi permettono".

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/05/2024

Assoutenti esprime profonda preoccupazione per l'attacco cibernetico subito da Synlab che ha portato alla pubblicazioni di molti terabyte di dati sensibili di pazienti ed invita quindi l’azienda ad...

17/05/2024

Francesco Di Raimondo, Docente Ordinario di Ematologia all’università degli Studi di Catania, intervistato da Sanità33, fa il punto sulle terapie per il mieloma multiplo e sui nuovi vuoti...

17/05/2024

Nel costante processo di evoluzione del settore sanitario italiano, un nuovo capitolo si è aperto con la sigla di un accordo di collaborazione con l’obiettivo di approfondire e promuovere scenari...

17/05/2024

Il test di Medicina del 28 maggio è vicino: sarà un concorsone in presenza nelle sedi universitarie come ai vecchi tempi. La convocazione è prevista per le ore 8.30 ma si parte alle 13. E saranno...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top