Login con

Medicina

20 Ottobre 2022

Relazione sullo Stato Sanitario del Paese, in crescita la rinuncia alle cure. Attività ospedaliera in ripresa

Il Covid-19 ha portato, da un lato, a una diminuzione dell'aspettativa di vita e degli screening per i tumori, dall'altro ad una crescita della rinuncia alle cure. Ma il 2021 ha visto una ripresa dell'attività ospedaliera, con un aumento di 371.136 ricoveri rispetto al 2020, in base ai dati del flusso delle Schede di Dimissioni Ospedaliere


Il Covid-19 ha portato, da un lato, a una diminuzione dell'aspettativa di vita e degli screening per i tumori, dall'altro ad una crescita della rinuncia alle cure. Ma il 2021 ha visto una ripresa dell'attività ospedaliera, con un aumento di 371.136 ricoveri rispetto al 2020, in base ai dati del flusso delle Schede di Dimissioni Ospedaliere (Sdo), in corso di consolidamento. A riassumere l'impatto della pandemia sulla salute in Italia è la Relazione sullo Stato Sanitario del Paese 2017-2021, pubblicata dal Ministero della Salute.

Nel 2020, rispetto al 2019, si è registrata "una forte diminuzione delle prestazioni di specialistica ambulatoriale erogate (-21%) - si legge - ma nel 2021 è iniziata una prima fase di ripresa delle attività sospese o ritardate causa Covid". Sempre nel 2020 sono diminuiti gli accessi al Pronto soccorso: questi ultimi erano 21 milioni nel 2019, e nell'anno dell'emergenza hanno subito una riduzione del 38%, soprattutto per la riduzione dell'86% dei codici bianchi e verdi. Mentre per gli screening oncologici, rispetto al 2019, c'è stata una riduzione di partecipazione del 10% per quello al seno, del 20% a quello cervicale e del 13% per il colon retto.
Dai dati del quarto Trimestre 2021, infine, si evidenzia un generale peggioramento dei conti nelle regioni in Piano di rientro (che segue a un trend di miglioramento evidenziato dal 2017 al 2020). In particolare, in Puglia si registra un disavanzo sanitario pari a 239 milioni, nel Lazio di 83,5milioni, in Campania di 69,5milioni, "riconducibile principalmente alla maggiore spesa sostenuta per fronteggiare l'emergenza Covid".

La relazione, sottolinea nella prefazione il ministro della Salute Roberto Speranza, "dedica uno spazio significativo alla pandemia e alle azioni intraprese sia per gestire l'emergenza sia per rafforzare il Servizio sanitario nazionale, al fine di renderlo sempre più capace non solo di affrontare potenziali emergenze future, ma anche di rispondere in modo sempre più appropriato alle esigenze di ogni individuo, in ogni parte del Paese".

TAG: OSPEDALI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

21/02/2024

Condividere conoscenze e strategie innovative per alzare sempre di più l’asticella nel Settore Sanitario Italiano. Con questa ambizione nasce il progetto "Grandi...

21/02/2024

'Per quanto riguarda la dengue, la situazione è sotto controllo. Siamo allertati, stiamo facendo tutto ciò che necessario, però per il momento siamo tranquilli"....

21/02/2024

Astrazeneca balza in borsa, facendo registrare un importante aumento del valore delle sue azioni nel mercato londinese, che guadagna più del 3,5%. L’aumento del...

21/02/2024

Alvotech, ha annunciato pochi giorni fa una serie di accordi con il colosso farmaceutico Johnson & Johnson per il lancio entro l'anno di una versione biosimilare...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top