Login con

Governo e Parlamento

12 Dicembre 2022

Manovra, Schillaci: oltre 7 miliardi in più tra 2023 e 2025

"Nonostante la situazione economica complicata a causa del post-pandemia, della guerra in Ucraina e della crisi energetica, la Manovra destina alla sanità 2,15 miliardi in più per il 2023[...]  Assistiamo così a una chiara inversione di tendenza". Lo ha ribadito il ministro della Salute Orazio Schillaci, che ha illustrato le linee programmatiche del suo dicastero alla Commissione Affari sociali della Camera


"Nonostante la situazione economica complicata a causa del post-pandemia, della guerra in Ucraina e della crisi energetica, la Manovra destina alla sanità 2,15 miliardi in più per il 2023, 2,3 in più per il 2024 e ben 2,6 miliardi in più per il 2025, rispetto a quanto previsto. Assistiamo così, anche in tempi di necessaria revisione della spesa, a una chiara inversione di tendenza". Lo ha ribadito il ministro della Salute Orazio Schillaci, che ha illustrato le linee programmatiche del suo dicastero alla Commissione Affari sociali della Camera, all'indomani della comunicazione in commissione al Senato.

"Dal 2013 al 2019 il Fondo sanitario è sempre stato definanziato - ricorda Schillaci - da tutti i governi che si sono succeduti in quegli anni. Anche nel 2020, 2021 e 2022 il livello dell'incremento è stato nel primo anno superiore a causa della pandemia, ma poi è sempre stato sensibilmente inferiore a quello registrato nell'ultima Manovra di finanza pubblica".

Nel frattempo, l’Intersindacale medica commentando la relazione del ministro sulla Manovra parla di "un altro schiaffo a tutta la classe della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria".
"Tra aumenti per le farmacie, aumento dell'età pensionabile e altri capitoli di interesse, non c'è traccia di riconoscimenti per il personale dipendente eccetto poche briciole stanziate per il 2024 e non per tutti", denunciano i sindacati Anaao Assomed, Cimo-Fesmed, Aaroi-Emac, Fassid, Fp Cgil medici e dirigenti Ssn, Federazione veterinari e medici (Fvm), Uil Fpl Coordinamento nazionale delle aree contrattuali medica, veterinaria sanitaria.
"Chi pensa di far sopravvivere il sistema sanitario pubblico a invarianza di spesa, e puntando su chi per anni ha fornito il proprio contributo al sistema, è miope. Non resteremo a guardare e continueremo a batterci per salvare il sistema di prevenzione e cure pubblico", assicurano i sindacati.

"Ci rivolgiamo ai cittadini, alle istituzioni locali, perché si rendano conto che a rischio c'è la loro salute, la salute di tutti. Siamo convinti che il sistema di prevenzione e cure pubblico sia un baluardo fondamentale del nostro Paese - sottolinea l'Intersindacale - e in quanto tale vada difeso con le unghie e con i denti, a iniziare dalla manifestazione dei dirigenti medici, veterinari e sanitari del 15 dicembre prossimo. Insieme ai cittadini e a tutti coloro che hanno a cuore il Servizio sanitario nazionale, continueremo a essere un punto di riferimento di giustizia sociale".

TAG: SANITà GOVERNO, SPESA SANITARIA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

01/03/2024

Per i pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule di stadio III non operabile e con mutazione del gene Egfr, arriva una nuova opportunità terapeutica: la...

01/03/2024

Per riconoscere e rispondere ai bisogni di 10 milioni di persone in Italia che soffrono di dolore cronico è necessario tracciare un percorso per un salto ...

01/03/2024

Novo Nordisk Italia per cambiare il futuro dell'obesità lancia la campagna social 'Together for Health', con l’obiettivo di...

01/03/2024

L'aumento dell'attività fisica e l'adozione di un’alimentazione equilibrata e corretta sono aspetti chiave per la prevenzione dell’obesità. Ecco perché, in...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top