Login con

Farmaci

11 Luglio 2023

Antibiotici, Italia tra i paesi europei che ne usano di più. Rischio resistenze

L'Italia maglia nera in Europa per le resistenze agli antibiotici, continua ad essere tra i Paesi europei con il maggior consumo di antibiotici erogati dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN) in regime di assistenza convenzionata (dalle farmacie pubbliche e private) e acquistati dalle strutture sanitarie pubbliche


L'Italia maglia nera in Europa per le resistenze agli antibiotici, continua ad essere tra i Paesi europei con il maggior consumo di antibiotici erogati dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN) in regime di assistenza convenzionata (dalle farmacie pubbliche e private) e acquistati dalle strutture sanitarie pubbliche.
Infatti, se nel 2021 il consumo medio di antibiotici nei Paesi UE è stato di 15,01 dosi giornaliere ogni 1.000 abitanti (con l'Austria che ha registrato il valore più basso, 7,21 DDD/1000 abitanti), l'Italia si pone sopra la media UE (decimo posto, 15,99 DDD/1000 abitanti), spiega Alessandro Solipaca, Direttore dell'Osservatorio Nazionale sull'Antimicrobico Resistenza (ONsAR) e Direttore Scientifico dell'Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane dell'Università Cattolica. Il nostro Paese aggiunge, rispetto al resto d'Europa, ha evidenziato un maggior ricorso ad antibiotici ad ampio spettro, che hanno un impatto più elevato sullo sviluppo della resistenza antimicrobica. Il rapporto tra il consumo di molecole ad ampio spettro rispetto a quello a spettro ristretto è per l'Europa 3,7, mentre per l'Italia è pari a ben 13,2, quasi il quadruplo del valore europeo.
A livello regionale, il consumo varia dai 7,6 DDD/1.000 abitanti die della P.A. di Bolzano ai 19,1 DDD/1.000 abitanti die della Campania: come negli anni precedenti, ad eccezione della Sardegna, tutte le Regioni del Mezzogiorno riportano livelli di consumo superiori alla media italiana. In particolare, sottolinea Solipaca, si osserva una elevata variabilità territoriale: al Sud il consumo di antibiotici è del 75% maggiore rispetto al Nord e del 28% maggiore rispetto al Centro. Inoltre, la spesa pro capite per antibiotici è al Sud di 11,02 euro, più del doppio rispetto al Nord (5,15 euro). E ancora, il consumo di molecole ad ampio spettro in rapporto a quello a spettro ristretto nel 2021 è pari a 2,7 al Nord, 6,3 al Centro e 10,4 al Sud. Bisogna anche sottolineare che continua l'aumento dell'acquisto privato di antibiotici di fascia A; nel 2021 si osserva infatti un aumento dei consumi (+6,6%) e della spesa pro capite (+9,8%) a carico del cittadino.

TAG: EUROPA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

21/02/2024

Condividere conoscenze e strategie innovative per alzare sempre di più l’asticella nel Settore Sanitario Italiano. Con questa ambizione nasce il progetto "Grandi...

21/02/2024

'Per quanto riguarda la dengue, la situazione è sotto controllo. Siamo allertati, stiamo facendo tutto ciò che necessario, però per il momento siamo tranquilli"....

21/02/2024

Astrazeneca balza in borsa, facendo registrare un importante aumento del valore delle sue azioni nel mercato londinese, che guadagna più del 3,5%. L’aumento del...

21/02/2024

Alvotech, ha annunciato pochi giorni fa una serie di accordi con il colosso farmaceutico Johnson & Johnson per il lancio entro l'anno di una versione biosimilare...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top