Login con

Governo e Parlamento

11 Settembre 2023

Iss, Rocco Bellantone indicato come nuovo presidente. Brusaferro saluta: anni storici e straordinari

Rocco Bellantone, già preside della facoltà di Medicina all'università Cattolica, è stato proposto dal ministro della Salute Orazio Schillaci come nuovo presidente dell'Istituto superiore di sanità 


Iss, Rocco Bellantone indicato come nuovo presidente. Brusaferro saluta: anni storici e straordinari

Rocco Bellantone, già preside della facoltà di Medicina all'università Cattolica, è stato proposto dal ministro della Salute Orazio Schillaci come nuovo presidente dell'Istituto superiore di sanità (Iss). Secondo quanto si apprende, l'indicazione è stata indirizzata alla presidente del Consiglio Giorgia Meloni. Bellantone prenderebbe il posto di Silvio Brusaferro, la cui nomina a presidente dell'Iss è in scadenza oggi. Il Ministro della Salute, spiega il

dicastero in un comunicato, con nota trasmessa alla presidenza del Consiglio dei Ministri, ha proposto la nomina del professor Rocco Bellantone a presidente dell'Istituto Superiore di Sanità. L'incarico dovrà essere formalizzato attraverso un decreto del Presidente del Consiglio, previo parere delle competenti Commissioni parlamentari. In attesa della definizione della procedura di nomina, si procederà al commissariamento dell'Istituto. 


"Sono stati anni 'storici e straordinari' dove Iss è stato chiamato ad un incessante e

totalizzante impegno che ha richiesto il contributo di tutte le Sue componenti. E' proprio grazie a questo impegno che la consapevolezza nel nostro Paese di quanto sia rilevante ed

essenziale la presenza di Iss per promuovere e tutelare la salute è oggi ancor più largamente diffusa". Con queste parole il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, ha salutato con una lettera l'istituto. Gli ultimi incontri con i direttori e lo staff si sono tenuti solo questa mattina, poche ore prima di incontrare il ministro della Salute Orazio Schillaci che gli ha comunicato la decisione sul successore Rocco Bellantone, ex direttore di medicina al Policlinico Gemelli. Brusaferro era a capo dell'istituto dal 7 gennaio 2019, attraversando interamente gli anni più duri della pandemia.

Un lungo applauso e parole di riconoscenza per l'operato, sono state rivolte da parte dei direttori a Brusaferro, con l'apprezzamento per "l'impegno" e "l'onestà". "In questi 4 anni abbiamo traguardato assieme diverse trasformazioni ed evoluzioni organizzative, amministrative e

strutturali dopo averle concordate nell'autunno 2019. Iss ha acquisito nuove competenze e partecipazioni a reti nazionali e internazionali ed è attore protagonista nel gestire alcune delle progettualità nazionali ed europee più rilevanti per la salute del Paese".

Da domani Brusaferro, come lui stesso ha spiegato, rientra nel suo ruolo di professore ordinario di Igiene Generale e Applicata presso la Università di Udine "ed in questa veste continuerò ad occuparmi ed impegnarmi per la Sanità Pubblica e sono certo che, con molti di voi, non mancheranno le occasioni  di collaborazione e sinergia". 

TAG: ISTITUTO SUPERIORE DI SANITà, ROCCO BELLANTONE, SILVIO BRUSAFERRO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/04/2024

Il 26 marzo a Milano si è svolto l'evento “Brevetti e Segreti: Trasferimento Tecnologico nelle Scienze della Vita” organizzato ITTBioMed di Edra e DLA Piper, con il supporto di Lendlease, MIND...

12/04/2024

L'invecchiamento è il principale fattore di rischio per l'insorgere del cancro. Non solo l'accumulo di mutazioni genetiche, ma anche il deterioramento del sistema immunitario e l’esposizione...

12/04/2024

In Italia il 60% degli over 65 è colpito da una malattia cronica e, tra queste, le malattie cardiometaboliche sono le più frequenti. Gestire e tenere sotto controllo queste patologie richiede...

12/04/2024

Sono i trentenni sardi i più disponibili a dare il proprio consenso alla donazione degli organi, mentre ancora una volta è Trento la città più generosa d'Italia 

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top