Login con

Covid

09 Agosto 2023

Covid, stop a diffusione dati quotidiani Regioni a Ministero e Iss. Cosa prevede il decreto

Le Regioni non dovranno più comunicare quotidianamente i dati Covid-19 al ministero della Salute e all'Istituto superiore di sanità, ma la trasmissione dei dati avrà una "periodicità stabilita con provvedimento della Direzione generale della prevenzione sanitaria del ministero della Salute". È quanto previsto dal decreto


Le Regioni non dovranno più comunicare quotidianamente i dati Covid-19 al ministero della Salute e all'Istituto superiore di sanità, ma la trasmissione dei dati avrà una "periodicità stabilita con provvedimento della Direzione generale della prevenzione sanitaria del ministero della Salute". È quanto previsto dal decreto, approvato dal Consiglio dei ministri, insieme alla fine dell'obbligo di isolamento per le persone positive a SarS-Cov-2. Nel dettaglio, il decreto va a modificare le disposizioni, previste nel decreto legge del marzo 2022, secondo le quali le Regioni "comunicano quotidianamente" i dati "al ministero della Salute e all'Istituto superiore di sanità". “Da scienziato che si è occupato di questo tema è impossibile non vedere il grave errore e il passo indietro" fatto con la modifica della norma dichiara Marco Roccetti, ordinario di Scienza dei dati all'Università di Bologna.    

Roccetti si dice d'accordo sulle altre decisioni contenute nel decreto, ma non sul fatto che "i dati non verranno raccolti più giornalmente. La comunità scientifica e medica nazionale - spiega - ha impiegato anni per costruire Influnet, un sistema per il monitoraggio dell'influenza, per controllarne la diffusione con l'obiettivo di determinare l'inizio, la durata e intensità, così come la tipizzazione virologica dell'epidemia stagionale, a cura dell Istituto di Sanità che provvede a produrre un rapporto settimanale epidemiologico e uno virologico. E col Covid, che avevamo costruito quasi tutto sin dall'inizio, purtroppo per forza di cose - ammonisce - smontiamo tutto o lo rendiamo non facilmente accessibile agli scienziati indipendenti e ai cittadini? Perché?", si chiede. 

TAG: ROCCETTI, COVID, ISS

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/05/2024

Assoutenti esprime profonda preoccupazione per l'attacco cibernetico subito da Synlab che ha portato alla pubblicazioni di molti terabyte di dati sensibili di pazienti ed invita quindi l’azienda ad...

17/05/2024

Francesco Di Raimondo, Docente Ordinario di Ematologia all’università degli Studi di Catania, intervistato da Sanità33, fa il punto sulle terapie per il mieloma multiplo e sui nuovi vuoti...

17/05/2024

Nel costante processo di evoluzione del settore sanitario italiano, un nuovo capitolo si è aperto con la sigla di un accordo di collaborazione con l’obiettivo di approfondire e promuovere scenari...

17/05/2024

Il test di Medicina del 28 maggio è vicino: sarà un concorsone in presenza nelle sedi universitarie come ai vecchi tempi. La convocazione è prevista per le ore 8.30 ma si parte alle 13. E saranno...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top