Login con

sanità

10 Maggio 2024

Aviaria, Fda: Pericolo basso ma prepararsi a pandemia, rischio mortalità 25%

Il virus dell'influenza aviaria H5N1, che ha causato un'epidemia tra i bovini da latte negli Stati Uniti e come tutti i virus sta mutando. Il rischio di contagi all'uomo con il virus dell'aviaria è al momento basso in America, "ma bisogna essere pronti con farmaci antivirali, vaccini ed una serie di contromisure


Il virus dell'influenza aviaria H5N1, che ha causato un'epidemia tra i bovini da latte negli Stati Uniti, "come tutti i virus sta mutando". E anche se il rischio che si diffonda tra gli esseri umani e possa alimentare una pandemia è ancora basso, "dobbiamo continuare a prepararci" all'eventualità che accada. "La vera preoccupazione è che possa raggiungere i polmoni umani", perché "quando è accaduto in altre parti del mondo il tasso di mortalità è stato del 25%". È deceduta una persona infettata su 4. Lo ha spiegato Robert Califf, a capo della Food and Drug Administration (Fda) americana, parlando a una commissione del Senato Usa per spiegare l'andamento dell'influenza aviaria tra le mucche, che ha fatto scattare l'allarme dopo il ritrovamento di tracce virali in latte non pastorizzato. I funzionari statunitensi, ha assicurato, stanno lavorando a "piani per test, farmaci antivirali e vaccini" da usare "nel caso in cui il virus si trasmetta all'uomo".

Da questo punto di vista "siamo in una posizione invidiabile", più favorevole "rispetto a qualsiasi altro momento della storia del mondo", ha sottolineato Califf, secondo quanto riporta il quotidiano inglese 'Daiy Mail'. "I virus sono" organismi "relativamente semplici - ha precisato - quindi trovare un vaccino corrispondente", in grado di contrastarli con efficacia, "è del tutto possibile in un breve periodo di tempo", grazie alle nuove tecnologie. Secondo Califf tuttavia "investimenti nella preparazione per la prevenzione di una pandemia aviaria sono cruciali, e se le contromisure verranno messe in atto ci saranno molti meno rischi". Tra queste - ha osservato – “è importante monitorare l'andamento dell'aviaria negli allevamenti, le possibili infezioni tra i lavoratori del settore. Inoltre, come negli ospedali gli addetti usano vestiario, mascherine e strumenti protettivi, così dovrebbero fare i lavoratori nelle aziende di latticini e casearie”.

Secondo i funzionari americani, gli States possono già contare su circa 20 milioni di dosi di vaccini anti-aviaria che ben corrispondono al virus H5N1 attuale. Una riserva nazionale che potrebbe arricchirsi rapidamente di altri 100 milioni di dosi, se necessario. Sono disponibili anche scorte di farmaci antivirali come l'oseltamivir, il medicinale utilizzato per trattare l'unico caso umano finora confermato nell'ambito dell'epidemia scoppiata tra le mucche negli Usa. Si sta anche lavorando per sviluppare un vaccino per il pollame e i test indicano che gli antivirali per l'uomo funzionano altrettanto bene nei bovini malati.

TAG: INFLUENZA AVIARIA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/05/2024

Assoutenti esprime profonda preoccupazione per l'attacco cibernetico subito da Synlab che ha portato alla pubblicazioni di molti terabyte di dati sensibili di pazienti ed invita quindi l’azienda ad...

17/05/2024

Francesco Di Raimondo, Docente Ordinario di Ematologia all’università degli Studi di Catania, intervistato da Sanità33, fa il punto sulle terapie per il mieloma multiplo e sui nuovi vuoti...

17/05/2024

Nel costante processo di evoluzione del settore sanitario italiano, un nuovo capitolo si è aperto con la sigla di un accordo di collaborazione con l’obiettivo di approfondire e promuovere scenari...

17/05/2024

Il test di Medicina del 28 maggio è vicino: sarà un concorsone in presenza nelle sedi universitarie come ai vecchi tempi. La convocazione è prevista per le ore 8.30 ma si parte alle 13. E saranno...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top