Login con

Intervista

06 Maggio 2024

Sostenibilità cure, Vella: necessario potenziare l’intero sistema salute

Dai tetti di spesa agli investimenti in ricerca e sviluppo, Stefano Vella, docente dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, in un’intervista a Sanità33, offre una prospettiva politica ed ecosistemica sulla sostenibilità della salute


Dai tetti di spesa agli investimenti in ricerca e sviluppo, Stefano Vella, docente di Salute Globale presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, in un’intervista a Sanità33, offre una prospettiva politica ed ecosistemica sulla sostenibilità della salute, tema affrontato nel capito da lui curato del libro bianco “2030 -La sostenibilità della Salute. Nuovi equilibri tra dati, Welfare e Ssn”, promosso dalla Fondazione Roche e il supporto di Edra. Vella espone i punti chiave della sua analisi e le possibili soluzioni per affrontare le sfide attuali. “Dobbiamo conciliare le aspettative dell'industria col far quadrare i conti, ma spero che il Paese metta più soldi nella sanità in generale perché non va potenziato solo il farmaco, ma l’intero sistema salute”, sostiene l’esperto.



Vella identifica tre punti fondamentali riguardanti l'accesso alle cure e il prezzo dei farmaci. Prima di tutto, sottolinea che “l'accesso alla salute va oltre il semplice accesso ai farmaci, ma comprende anche altri servizi e terapie. Tuttavia, il costo dei farmaci gioca un ruolo significativo in questo contesto. Mentre i farmaci innovativi possono offrire vantaggi cruciali per la salute pubblica, il loro elevato prezzo può costituire un ostacolo all'accessibilità”. Nonostante ciò, evidenzia che l'Italia ha la fortuna di negoziare i prezzi dei farmaci, a differenza di altri paesi “come gli Stati Uniti, dove i prezzi sono determinati liberamente dal mercato”. In Italia, la negoziazione dei prezzi si basa su diversi criteri, tra cui l'impatto e l'innovatività del farmaco. Tuttavia, Vella suggerisce che “i tetti di spesa dovrebbero essere rivisti per garantire un equilibrio tra accessibilità e sostenibilità economica”.

Un secondo punto riguarda l'incertezza dell'industria farmaceutica riguardo “al rimborso dei propri prodotti da parte del sistema sanitario italiano. Questa incertezza può scoraggiare gli investimenti in nuovi farmaci e terapie”. Vella suggerisce “la necessità di conciliare le aspettative dell'industria con la necessità di mantenere i conti equilibrati nel sistema sanitario”. Infine, l’esperto sottolinea l'importanza di potenziare l'intero sistema sanitario, “non limitandosi al solo settore farmaceutico”. Ciò include “investimenti nella ricerca e nello sviluppo di nuove terapie, nonché nell'infrastruttura e nei servizi sanitari”.

TAG: LIBRO BIANCO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/05/2024

Assoutenti esprime profonda preoccupazione per l'attacco cibernetico subito da Synlab che ha portato alla pubblicazioni di molti terabyte di dati sensibili di pazienti ed invita quindi l’azienda ad...

17/05/2024

Francesco Di Raimondo, Docente Ordinario di Ematologia all’università degli Studi di Catania, intervistato da Sanità33, fa il punto sulle terapie per il mieloma multiplo e sui nuovi vuoti...

17/05/2024

Nel costante processo di evoluzione del settore sanitario italiano, un nuovo capitolo si è aperto con la sigla di un accordo di collaborazione con l’obiettivo di approfondire e promuovere scenari...

17/05/2024

Il test di Medicina del 28 maggio è vicino: sarà un concorsone in presenza nelle sedi universitarie come ai vecchi tempi. La convocazione è prevista per le ore 8.30 ma si parte alle 13. E saranno...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top