Login con

Intervista

19 Marzo 2024

Trasferimento tecnologico, l’intervista a Maria Cristina Porta (Enea Tech Biomedical)

Sostenere il trasferimento tecnologico è il principale obiettivo della Fondazione Enea Tech che, dal 2021, si è ampliata per inglobare nella mission anche il settore biomedicale. A parlarne a Sanità33 è Maria Cristina Porta, direttore generale della Fondazione Enea Tech Biomedical


Sostenere il trasferimento tecnologico è il principale obiettivo della Fondazione Enea Tech che, dal 2021, si è ampliata per inglobare nella mission anche il settore biomedicale. A parlarne a Sanità33 è Maria Cristina Porta, direttore generale della Fondazione Enea Tech Biomedical, uno degli asset su cui il Governo sta puntando per lo sviluppo strategico dell’Italia nel settore delle biotecnologie.



Con la Fondazione si vogliono mettere a disposizione “non solo risorse economiche, ma anche strumenti di raccordo tra realtà già esistenti nel nostro Paese, a cui non ci sostituiamo”, spiega Porta facendo riferimento agli interventi di Venture Capital privati o pubblici. La Fondazione, in questo ambito, “si inserisce prevalentemente laddove questo supporto manca o non è sufficiente”, sottolinea l’esperta. L’azione è particolarmente importante nel settore biomedicale dove “il ciclo di vita di una startup è molto lungo, essendovi tempi tecnici della ricerca e dell’evoluzione dell’applicazione per arrivare al cittadino – prosegue il Direttore generale -. In questo lungo percorso, la Fondazione facilita il raccordo tra la ricerca di base, che magari non riesce più ad avere le risorse per arrivare a un certo grado di sviluppo e acquisire appetibilità agli occhi dei finanziatori, per accompagnarla ad assumere un valore importante, avvicinandola al mercato, anche coinvolgendo la popolazione che ha bisogno di questa soluzione”.

L’ambizione, dunque, è quella di essere “un fil rouge tra la ricerca, le imprese e i cittadini, per fruire di soluzioni tecnologicamente avanzate”, afferma Porta, sottolineando il valore aggiunto della Fondazione che, come identificato nello statuto, “vuole essere motore della costruzione di un sistema di poli di innovazione che rendano l’Italia attrattiva per imprese, capitali e ritorno di competenze, ma che favoriscano anche l’export”.

A proposito di attrattività, Porta riconosce il ruolo centrale dell’Italia nel settore delle biotecnologie. Tuttavia, “il passo da fare è di presentare le eccellenze insieme come un sistema Paese”, spiega il Direttore della Fondazione. E in questa prospettiva, ben si colloca il Tavolo sulle biotecnologie voluto dal Ministero degli Esteri; “un tavolo che è molto operativo e diversificato e che può efficacemente identificare i punti di forza da valorizzare e quelli da costruire insieme”, evidenzia Porta, secondo la quale non bisogna dimenticare “che le imprese devono adattarsi al mercato e quanto più le tecnologie vanno in profondità, tanto più si ha bisogno di essere interconnessi con altre competenze per poter arrivare insieme a un risultato. Tuttavia, nelle imprese italiane del settore biomedico – conclude -, questa attitudine si sta sviluppando e c’è anche molta attitudine verso un cambiamento culturale”.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

22/04/2024

Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani (Fofi), interviene alla tavola rotonda "L'evoluzione della farmacia e del farmacista tra nuovi servizi e...

22/04/2024

In Italia si registrano infatti oltre 31mila casi l'anno di neoplasie con mutazioni geniche, ovvero tumori che presentano particolari mutazioni di geni, e questo apre le porte ad una medicina di...

22/04/2024

Premiate a Roma da Farmindustria le 8 scuole che hanno partecipato al progetto Alternanza scuola lavoro nel settore farmaceutico. Un premio di 1.000 euro ciascuno che gli istituti dovranno...

22/04/2024

"Oggi celebriamo 90 anni di traguardi ma guardiamo alle nuove sfide che abbiamo davanti e che insieme sapremo affrontare per raggiungere altri importanti risultati". Lo ha sottolineato...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top