Login con

Governo e Parlamento

29 Novembre 2022

Manovra, Schillaci: i fondi per la sanità segnale di inversione di tendenza

"Oggi, in una situazione di grave difficoltà, il Governo ha assicurato alla sanità 2 miliardi e 200 milioni di euro in più nel 2023, ai quali si aggiungeranno altri 2 miliardi e 400 milioni nel 2024. E questo credo rappresenti un primo segnale di un'inversione di tendenza che sono certo si consoliderà con i bilanci dei prossimi anni". Ad assicurarlo è stato il ministro della Salute Orazio Schillaci


"Oggi, in una situazione di grave difficoltà determinata dalla crisi energetica, dalla guerra in Ucraina, dal caro bollette, con la necessità di sostenere famiglie e imprese per evitare il tracollo della nostra economia, il Governo ha assicurato alla sanità 2 miliardi e 200 milioni di euro in più nel 2023, ai quali si aggiungeranno altri 2 miliardi e 400 milioni nel 2024. E questo credo rappresenti un primo segnale di un'inversione di tendenza che sono certo si consoliderà con i bilanci dei prossimi anni". Ad assicurarlo è stato il ministro della Salute Orazio Schillaci, intervenendo all'Università degli Studi del Molise alla cerimonia di inaugurazione dell'Anno accademico 2022/2023.

"Purtroppo, abbiamo ereditato una situazione carente a causa dei tagli pesanti alla spesa sanitaria. Le carenze e le difficoltà di oggi sono il risultato di scelte sbagliate del passato, quando la sanità era considerata la 'Cenerentola' del bilancio statale. Basti ricordare che dal 2013 al 2019 il Fondo sanitario nazionale - ricorda - è stato costantemente definanziato dai vari Governi che si sono succeduti soltanto con l'arrivo di questa terribile pandemia. Di fronte al dato impressionante di 180.000 morti si è capito che la spesa per la salute pubblica è una spesa primaria e irrinunciabile".

Il ministro della Salute si è anche soffermato sul superamento delle diseguaglianze territoriali nell’offerta sanitaria il cui superamento è “una delle priorità mio incarico ministeriale” ha detto. Certamente un obiettivo ambizioso, ma verso il quale occorre muoversi per ridurre il gap storicamente consolidato purtroppo tra Nord e Sud dell'Italia. Il diritto alla salute” ha aggiunto “è un diritto di tutti i cittadini universalmente riconosciuto e garantito dall'articolo 32 della Costituzione. Il ministro della Salute deve necessariamente vigilare e intervenire perché vengano superate eventuali specifiche carenze territoriali".

TAG: FONDI, SANITà GOVERNO, SPESA SANITARIA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

23/02/2024

Stili di vita, nutrizione, adeguata attività fisica e mentale e uso di specifici supplementi possono modificare i processi di invecchiamento e di...

23/02/2024

Almeno 2 persone su 10 non sanno cosa sia il Fuoco di Sant'Antonio e una su 2 dice di saperne poco.  Eppure, quasi 2 su 3 conoscono altri che ne hanno sofferto e il...

23/02/2024

Novo Nordisk ed Eli Lilly hanno preso il comando nella corsa per conquistare l’ampia fetta del mercato dei farmaci per la perdita di peso, che si prevede avrà un...

23/02/2024

L'assemblea dei soci di Acc, la Rete Oncologica Nazionale del ministero della Salute, ha confermato alla direzione generale, per i prossimi 5 anni, Paolo De Paoli,...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top