Login con

Ricerca

11 Gennaio 2023

Covid-19, Iss lancia bando ricerca su virus e varianti

L'Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato un bando per il finanziamento di progetti di ricerca biennali su Covid-19. Il bando destina 4 milioni di euro, finanziati dal Ministero della Salute attraverso l'Iss, per progetti che puntino a conoscere meglio il virus SarsCoV2


Covid-19, Iss lancia bando ricerca su virus e varianti

L'Istituto Superiore di Sanità (Iss) ha pubblicato un bando per il finanziamento di progetti di ricerca biennali su Covid-19. Il bando destina 4 milioni di euro, finanziati dal Ministero della Salute attraverso l'Iss, per progetti che puntino a conoscere meglio il virus SarsCoV2, a partire dalla caratterizzazione delle sue varianti e dei meccanismi di diffusione e patogenicità, e a individuare strategie innovative per la diagnosi, la prevenzione e la cura dell'infezione.

"Questo bando di ricerca è associato al finanziamento che supporta la rete di sequenziamento genomico di SarsCov2, già attiva in Italia da aprile 2021, e l'analisi della risposta immunologica alla vaccinazione con metodiche uniformi sul territorio nazionale", sottolinea il presidente Iss Silvio Brusaferro. "Un elemento in più a sottolineare che ricerca e salute pubblica devono sempre viaggiare insieme".
L'iniziativa si inserisce nell'ambito del progetto Riprei (Rete Italiana per la sorveglianza virologica, il monitoraggio immunologico, la formazione e la ricerca in Preparazione alla gestione delle Emergenze Infettive); possono parteciparvi ricercatori che operano in Università, Enti di Ricerca, Enti del servizio sanitario nazionale e Sanità militare. Le domande potranno essere presentate entro 45 giorni dalla pubblicazione del bando attraverso la piattaforma dedicata, che sarà attiva nei prossimi giorni.
"L'obiettivo è di creare, in sinergia con altre iniziative come il progetto Inf-Act, finanziato dal PNRR, una rete di ricerca su SarsCoV2 e, in prospettiva, sulle emergenze infettive sul modello di quella nata all'epoca per lo studio del virus Hiv che ha sostenuto e fatto crescere tanti ottimi ricercatori in Italia", aggiunge Anna Teresa Palamara, che dirige il dipartimento di Malattie Infettive dell'Iss.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

22/07/2024

I paesi a basso reddito hanno fatto sforzi senza precedenti per vaccinare le loro popolazioni. La priorità della Gavi Alliance è duplice: aiutare i paesi a recuperare il terreno perso nella...

22/07/2024

Il sogno di un vaccino universale “one shot”  contro l'influenza potrebbe essere più vicino a realizzarsi. Gli esperti, sviluppando un vaccino mirato alla Spagnola del 1918 che ha ucciso...

22/07/2024

In questa fase, l'Agenzia sta raccogliendo l'interesse a prendere parte al tavolo da parte delle società scientifiche e delle organizzazioni sindacali, che hanno due settimane per presentare i loro...

22/07/2024

"Nessuna segnalazione né anomalia è finora arrivata da Asl e ospedali italiani", afferma in una nota il presidente Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere (Fiaso), Giovanni Migliore,...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top