Login con

vaccini

12 Febbraio 2024

Influenza, ok Ue a vaccino quadrivalente adiuvato in over 50


Sebbene l’attenzione della campagna vaccinale si concentri soprattutto sulla popolazione over 65 e sui pazienti fragili, numerose osservazioni indicano come anche nella fascia di popolazione di età compresa fra i 50 e i 64 anni l'influenza possa comportare delle conseguenze rilevanti. Si stima per esempio che i tassi di ospedalizzazione e la mortalità in questa fascia di età siano rispettivamente tre e nove volte maggiori rispetto a quelli registrati nella fascia di età compresa fra i 18 e i 49 anni. D’altra parte, è noto che la funzionalità del sistema immunitario può iniziare il suo declino già intorno ai 50 anni e ciò può esporre a un maggior rischio di contrarre l’influenza e di andare incontro alle sue complicanze, in particolare nei soggetti che presentino delle comorbilità.

Uno studio recente ha inoltre dimostrato che il rischio di ricovero ospedaliero correlato all'influenza aumenta man mano che aumenta anche il numero dei fattori di rischio dell'influenza. (1)

Secondo i dati ISTAT, nel 2022 la percentuale della popolazione italiana affetta da almeno una malattia cronica sfiorava il 60% nella fascia d’età 60-64 anni e si attestava al 50,9 nella fascia d’età 55-59 anni. Sebbene la vaccinazione antinfluenzale sia raccomandata per i soggetti fragili e a rischio, come quelli con malattie a carico dell’apparato respiratorio o cardiovascolare, o diabete,  i dati del Ministero della Salute per la stagione 2022-2023 riportano che la copertura vaccinale contro l’influenza nella popolazione di età compresa fra i 45 e i 64 anni  non ha superato il 13,3%.
Vale anche la pena ricordare che si tratta di una popolazione in attività che svolge un importante ruolo economico e sociale: uno studio italiano ha evidenziato che la perdita di produttività dovuta all’influenza è particolarmente grave nella fascia di età compresa tra i 45 e i 64 anni e che il numero di giorni lavorativi persi a causa di influenza era ancora maggiore nei soggetti a rischio, raggiungendo valori fino a 24 giorni persi in caso di ricoveri di soggetti nella fascia d’età 50-64 anni (2).
Non sorprende quindi che in questa fascia d’età l’impatto dell’influenza sia molto rilevante anche sotto il profilo economico e come la vaccinazione antinfluenzale per i soggetti tra 50 e 64 anni possa avere un rapporto costo-beneficio favorevole.

Un’opportunità in più in questo senso arriva dall’estensione di indicazione del vaccino antinfluenzale quadrivalente adiuvato con MF59 (aQIV), finora indicato solo nella popolazione ultrasessantacinquenne e che, da alcune settimane, è stato autoirizzato dalla Commissione Europea (CE) per l’utilizzo a partire dai 50 anni di età.
La decisione di estendere l’indicazione del vaccino anche alla popolazione ultracinquantenne trova il suo razionale nei risultati di uno studio clinico randomizzato e controllato in cui immunogenicità e sicurezza del vaccino adiuvato con MF59 sono state confrontate con quelle di un vaccino quadrivalente non adiuvato in una popolazione di 2044 soggetti di età compresa fra i 50 e i 64 anni, che sono stati vaccinati nel corso della stagione influenzale 2021-2022. L'immunogenicità è stata valutata misurando i titoli geometrici medi e i tassi di sieroconversione a 22, 181 e 271 giorni.

L’estensione di indicazione del vaccino potenziato adiuvato a questi nuovi soggetti potrebbe garantire quindi la protezione di una più larga fascia di popolazione, soprattutto quella più fragile, contribuendo a ridurre l’impatto socioeconomico dell’influenza e delle sue complicanze.

Con il contributo non condizionante di CSL Seqirus

Riferimenti bibliografici

1.    Poder A, Oberije J, Meyer J, Heymer P, Molrine D, Versage E, Isakov L, Zhang Q, Hohenboken M. Immunogenicity and Safety of MF59-Adjuvanted Quadrivalent Influenza Vaccine Compared with a Nonadjuvanted, Quadrivalent Influenza Vaccine in Adults 50-64 Years of Age. Vaccines (Basel). 2023 Sep 26;11(10):1528. doi: 10.3390/vaccines11101528. PMID: 37896932; PMCID: PMC10611124.
2.   Marchi S, Fallani E, Salvatore M, Montomoli E, Trombetta CM. The burden of influenza and the role of influenza vaccination in adults aged 50-64 years: A summary of available evidence. Hum Vaccin Immunother. 2023 Aug;19(2):2257048. doi: 10.1080/21645515.2023.2257048. Epub 2023 Oct 1. PMID: 37778401; PMCID: PMC10760501.

TAG: VACCINO INFLUENZA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

21/02/2024

Condividere conoscenze e strategie innovative per alzare sempre di più l’asticella nel Settore Sanitario Italiano. Con questa ambizione nasce il progetto "Grandi...

21/02/2024

'Per quanto riguarda la dengue, la situazione è sotto controllo. Siamo allertati, stiamo facendo tutto ciò che necessario, però per il momento siamo tranquilli"....

21/02/2024

Astrazeneca balza in borsa, facendo registrare un importante aumento del valore delle sue azioni nel mercato londinese, che guadagna più del 3,5%. L’aumento del...

21/02/2024

Alvotech, ha annunciato pochi giorni fa una serie di accordi con il colosso farmaceutico Johnson & Johnson per il lancio entro l'anno di una versione biosimilare...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top