Login con

Farmaci

09 Febbraio 2024

Genenta Science annuncia progressi nella sperimentazione di Temferon per il trattamento del Glioblastoma

Genenta Science, società biotecnologica quotata al NASDAQ, ha recentemente condiviso alcuni progressi significativi relativi al suo studio clinico di fase 1/2, focalizzato sul trattamento del Glioblastoma Multiforme, un tipo di tumore cerebrale tra i più difficili da trattare


Genenta Science annuncia progressi nella sperimentazione di Temferon per il trattamento del Glioblastoma

Genenta Science, società biotecnologica quotata al NASDAQ, ha recentemente condiviso alcuni progressi significativi relativi al suo studio clinico di fase 1/2, focalizzato sul trattamento del Glioblastoma Multiforme (GBM), un tipo di tumore cerebrale tra i più difficili da trattare. La ricerca si concentra su Temferon, un nuovo trattamento innovativo che sfrutta le cellule staminali ematopoietiche. L'azienda, tramite una nota, ha dichiarato di aver concluso con successo la somministrazione del trattamento al primo paziente nella fase 1 della ricerca. Questo passaggio è importante perché segnala il completamento di una tappa chiave nella sperimentazione del farmaco. Inoltre, l’azienda ha sottolineato come il trattamento sia stato ricevuto positivamente dai 22 pazienti fino ad ora coinvolti nello studio, senza che emergessero effetti collaterali gravi o limitazioni nell'uso del farmaco dovute a tossicità. Questi risultati preliminari sono incoraggianti perché indicano che il farmaco potrebbe essere sicuro e ben tollerato. I dati preliminari suggeriscono che Temferon ha effetti duraturi, con cellule trattate rilevabili nel sistema circolatorio dei pazienti fino a 24 mesi dopo la somministrazione. Questi risultati sono particolarmente interessanti poiché il tasso di sopravvivenza a due anni nei pazienti trattati sembra essere intorno al 25%, superiore al 14-18% ottenuto con le terapie standard, benché, fa sapere Genenta, siano necessari ulteriori studi per confermare questi dati.
Il Dr. Luigi Naldini, co-fondatore di Genenta, ha sottolineato l'importanza di questi risultati preliminari, indicando che Temferon potrebbe modificare in modo vantaggioso il microambiente tumorale, incoraggiando una risposta immunitaria contro il tumore. Questo potrebbe aprire la strada all'utilizzo di Temferon non solo per il trattamento del GBM ma anche per altri tipi di tumori solidi, richiedendo tuttavia ulteriori ricerche per una conferma definitiva dei benefici. Mentre Genenta Science continua la raccolta e l'analisi dei dati, l'interesse della comunità scientifica rimane alto, in attesa di ulteriori aggiornamenti. I risultati condivisi finora evidenziano l'importanza della ricerca continua nel campo dell'immuno-oncologia, offrendo una visione cauta ma ottimistica riguardo ai futuri trattamenti per i tumori solidi. Questi progressi rappresentano un passo importante nella lotta contro il cancro, sottolineando il potenziale delle terapie basate sulle cellule staminali ematopoietiche.

Cristoforo Zervos

TAG: AZIENDE, FARMACEUTICA, TUMORI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

18/07/2024

La lista dei nuovi medicinali contro l'obesità potrebbe presto allungarsi. Roche ha, infatti, annunciato i dati di uno studio di fase I su un nuovo farmaco orale, da assumere una volta al giorno,...

18/07/2024

Rigenerare il cuore dopo un infarto, stimolando la formazione di nuovo tessuto e nuovi vasi sanguigni attraverso un farmaco '2 in 1' a base di Rna, così da restituire piena funzionalità al nostro...

18/07/2024

Nell'ultima campagna di vaccinazione contro Covid-19, si è vaccinato solo il 10,2% degli over 60, con valori compresi tra il 19,2% della Toscana e l'1,8% della Sicilia. La campagna antinfluenzale...

18/07/2024

La telemedicina offre chiari vantaggi sia per i pazienti che per gli operatori sanitari. L’OMS/Europa pubblica lo “Strumento di sostegno per rafforzare la telemedicina” mira a sostenere i...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top