Login con

Farmaci

07 Febbraio 2024

Mieloma multiplo, anticorpo coniugato triplica quasi la sopravvivenza

Nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario, il trattamento di belantamab mafodotin (un anticorpo coniugato anti-Bcma) in combinazione con bortezomib e desametasone (BorDex) ha quasi triplicato la sopravvivenza media libera da progressione rispetto alla terapia standard a base di daratumumab più BorDex


Nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario, il trattamento di belantamab mafodotin (un anticorpo coniugato anti-Bcma, Ndr) in combinazione con bortezomib e desametasone (BorDex) ha quasi triplicato la sopravvivenza media libera da progressione rispetto alla terapia standard a base di daratumumab più BorDex. Sono i risultati diffusi dalla farmaceutica Gsk, relativi a un'analisi intermedia dello studio Dreamm-7 di fase 3 che viene presenta oggi nel corso della 'plenary series' dell'American society of clinical oncology (Asco).

L'analisi - si legge in una nota - evidenzia un miglioramento statisticamente e clinicamente significativo con la combinazione belantamab mafodotin (243), con una riduzione del 59% del rischio di progressione della malattia (Pfs) o di morte rispetto alla combinazione di daratumumab (251). Con un follow-up mediano di 28,2 mesi, la Pfs mediana è stata di 36,6 mesi con la combinazione belantamab mafodotin rispetto ai 13,4 mesi del trattamento con daratumumab. L'effetto Pfs, endopoint primario, è stato osservato in tutti i sottogruppi prespecificati, compresi quelli refrattari a lenalidomide e quelli con citogenetica ad alto rischio. Il profilo di sicurezza e tollerabilità della combinazione belantamab mafodotin è stata coerente con il profilo noto dei singoli agenti. ''Il sostanziale beneficio in termini di sopravvivenza libera da progressione e il forte trend di sopravvivenza globale rispetto a una combinazione standard di cura con daratumumab - afferma Hesham Abdullah, vicepresidente senior, Global Head Oncology, R&D, Gsk - rafforzano la nostra convinzione nel potenziale della combinazione di belantamab mafodotin nel ridefinire il trattamento del mieloma multiplo in corrispondenza o dopo la prima recidiva. Abbiamo in programma di condividere questi risultati con le autorità sanitarie di tutto il mondo".

La combinazione di belantamab mafodotin ha portato anche a miglioramenti clinicamente significativi in tutti gli endpoint secondari di efficacia, compreso un raddoppio del tasso di risposta completa, del tasso di negatività della malattia minima residua (Mrd) e della durata mediana della risposta (Dor). All'analisi ad interim è stato osservato un trend di sopravvivenza globale (Os) forte e clinicamente significativo, con una riduzione del 43% del rischio di morte che però non ha ancora raggiunto i criteri provvisori per la significatività statistica dell'Os. Il follow-up continua e sono previste ulteriori analisi.

TAG: MIELOMA MULTIPLO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

01/03/2024

Per i pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule di stadio III non operabile e con mutazione del gene Egfr, arriva una nuova opportunità terapeutica: la...

01/03/2024

Per riconoscere e rispondere ai bisogni di 10 milioni di persone in Italia che soffrono di dolore cronico è necessario tracciare un percorso per un salto ...

01/03/2024

Novo Nordisk Italia per cambiare il futuro dell'obesità lancia la campagna social 'Together for Health', con l’obiettivo di...

01/03/2024

L'aumento dell'attività fisica e l'adozione di un’alimentazione equilibrata e corretta sono aspetti chiave per la prevenzione dell’obesità. Ecco perché, in...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top