Login con

Farmaci

06 Febbraio 2024

Mielomi e linfomi, all’Humanitas al via protocolli sperimentali con le Car-T

Al via all'Ospedale Humanitas di Milano due nuovi protocolli sperimentali per le CAR-T in prima linea, terapia innovativa basata sull'ingegnerizzazione genetica dei globuli bianchi dei pazienti per renderli più efficaci nel riconoscere e sconfiggere le cellule tumorali


Al via all'Ospedale Humanitas di Milano due nuovi protocolli sperimentali per le CAR-T in prima linea, terapia innovativa basata sull'ingegnerizzazione genetica dei globuli bianchi dei pazienti per renderli più efficaci nel riconoscere e sconfiggere le cellule tumorali. Un protocollo è per i mielomi e uno per i linfomi a grandi cellule B. Un risultato che ricorda l'importanza della Ricerca: grazie alle terapie innovative sviluppate negli ultimi anni, il 70% delle persone con tumori del sangue, come linfomi, mielomi e leucemie, oggi ha infatti nuove speranze di cura.  Dopo aver donato nuove speranze a migliaia di pazienti con tumori del sangue in stadio avanzato e in cui le altre opzioni terapeutiche hanno fallito, le CAR-T si spostano dunque ora progressivamente verso le prime linee di trattamento. È il caso dei due nuovi protocolli sperimentali. "Si tratta di un importante passo avanti nella ricerca di terapie sempre più efficaci - afferma Armando Santoro, direttore del Cancer Center di Humanitas -. Nel caso del mieloma multiplo, la terapia sperimentale con CAR-T anti-BMCA ha dato risultati incoraggianti negli studi con pazienti in stadio molto avanzato, ecco perché siamo speranzosi sul beneficio di un loro utilizzo più tempestivo. Nel caso del linfoma a grandi cellule B, il protocollo sperimentale potrebbe aprire la via a un percorso terapeutico esclusivamente immunoterapico, soprattutto per i pazienti più a rischio. Queste novità testimoniano il grande valore della Ricerca: non c'è tumore del sangue che non abbia avuto un sostanziale miglioramento dalle nuove terapie. L'immunoterapia, dalle CAR-T agli anticorpi monoclonali fino all'ultima frontiera degli anticorpi bi-specifici, ha avuto un impatto sostanziale". Nel caso del mieloma, spiega Stefania Bramanti, responsabile della Sezione di Trapianto Autologo, CAR-T e Aferesi di Humanitas, "lo studio valuterà in particolare l'efficacia delle CAR-T anti-BMCA in pazienti con una recente diagnosi di mieloma multiplo e in parziale remissione a seguito di un autotrapianto di midollo". Il linfoma non-Hodgkin aggressivo a grandi cellule B, invece, è già oggi trattabile in seconda linea con le CAR-T anti-CD19. In Humanitas, afferma Bamanti, "è però disponibile anche questo nuovo protocollo sperimentale che valuterà l'efficacia di queste CAR-T direttamente come trattamento di prima linea, al posto della chemioterapia. Se i risultati lo confermeranno, questo approccio consentirà in futuro di immaginare una guarigione per questi linfomi con la sola immunoterapia".

TAG: CAR-T

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

29/02/2024

UCB Pharma ha deciso di supportare l’iniziativa “ColorUp4RARE”, ideata da EURORDIS – Malattie Rare Europa, Associazione europea che ha istituito questa...

29/02/2024

In occasione della Giornata Mondiale delle Malattie Rare 2024, Sanofi lancia la sua campagna “La Ricerca più Preziosa” volta a dare il proprio contributo di...

29/02/2024

Il gruppo chimico-farmaceutico Zambon con sede a Bresso nel Milanese, attraverso la controllata elvetica Zambon Biotech, ha siglato con la statunitense Amneal...

29/02/2024

L’Emilia-Romagna è stata considerata fino ad oggi una tra le regioni italiane all’avanguardia nel campo della terapia con radioligandi (RLT), che rappresenta...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top