Login con

Medicina

30 Ottobre 2023

Cannabis medica, esperti a confronto su uso corretto

Ci sono tre categorie ben distinte di prodotti a base di cannabis, utilizzate per scopi differenti e non tutte in ambito terapeutico. Con l'obiettivo di fare luce su un tema che registra un interesse crescente, e per un impiego appropriato anche in campo medico, è stato organizzato a Milano l'incontro 'Cannabis e sanità. Ripartire dalla scienza'


Cannabis medica, esperti a confronto su uso corretto

A base di cannabis esistono farmaci approvati dalle autorità regolatorie, prodotti non approvati dalle agenzie del farmaco e altri contenenti Cbd (cannabidiolo). Sono tre categorie ben distinte, utilizzate per scopi differenti e non tutte in ambito terapeutico. Con l'obiettivo di fare luce su un tema che registra un interesse crescente, e per un impiego appropriato anche in campo medico, è stato organizzato a Milano l'incontro 'Cannabis e sanità. Ripartire dalla scienza', promosso da Adnkronos Comunicazione con il supporto non condizionato di Jazz Pharmaceuticals. Tre le parole su cui si è articolato l'evento: chiarezza, differenziazione e appropriatezza.
Per quel che riguarda i farmaci, "considerate le patologie in cui viene più utilizzata - sottolinea Laura Tassi, presidente della Lega italiana contro l'epilessia (Lice) - la cannabis non viene mai prescritta da sola, ma in 'add on' con altri farmaci, e solo lo specialista è in grado di valutare l'interazione tra i farmaci ed eventuali effetti collaterali, che esistono e possono essere molto gravi".
L'appropriatezza prescrittiva "è ovviamente centrale per il regolatore - evidenzia Marcella Marletta, esperta di sanità pubblica e già direttore generale della Direzione dei Farmaci, Dispositivi medici e della Sicurezza delle cure del ministero della Salute - Una prescrizione farmacologica può essere considerata appropriata se effettuata all'interno delle indicazioni cliniche per le quali il farmaco si è dimostrato efficace e all'interno delle sue indicazioni d'uso (dose e durata del trattamento). Appropriatezza è ovviamente un tema centrale anche quando si parla di cannabis medica". 
Formazione e corretta informazione anche del medico "rappresentano capisaldi in ogni ambito - riflette Marletta - ma risultano imprescindibili in quello medico e scientifico, dove la tutela della salute dei pazienti deve rimanere la stella polare".

TAG: APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

15/07/2024

Johnson & Johnson ha voluto promuovere, insieme ai diversi interlocutori del sistema Salute della Regione Lazio, un’iniziativa finalizzata ad individuare proposte in ambito organizzativo e...

15/07/2024

È disponibile in Italia per le persone con diabete, a partire dai 2 anni di età, il sensore FreeStyle Libre 2 Plus. Il sistema, che dura 15 giorni annuncia in una nota Abbott permette, con...

15/07/2024

La Commissione Europea, tramite HERA l'Autorità per la risposta alle emergenze sanitarie, ha presentato alla Critical Medicines Alliance un rapporto tecnico che valuta le vulnerabilità della catena...

15/07/2024

Se interrogati sul futuro della sanità, i giovani italiani puntano i riflettori sul superamento delle differenze, a partire da quelle socioeconomiche ritenute da 7 su 10 ‘under 30’ come la causa...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top