Login con

Farmaci

26 Ottobre 2023

Oncologia, nuovi dati ampliano uso anticorpo bispecifico Janssen per cancro al polmone

Tre studi clinici di fase 3 su amivantamab, anticorpo bispecifico completamente umano, presentati da Janssen al congresso annuale della Società europea di oncologia medica (Esmo) concluso a Madrid, aprono nuovi standard di trattamento per il tumore del polmone non a piccole cellule con mutazione dell'Egfr


Oncologia, nuovi dati ampliano uso anticorpo bispecifico Janssen per cancro al polmone

I dati di tre studi clinici di fase 3 su amivantamab, presentati da Janssen al congresso annuale della Società europea di oncologia medica (Esmo) concluso a Madrid, aprono nuovi standard di trattamento per il tumore del polmone non a piccole cellule con mutazione dell'Egfr. Lo annuncia la farmaceutica del gruppo Johnson & Johnson in una nota. Amivantamab è un anticorpo bispecifico completamente umano, first-in-class, per il riconoscimento dei recettori mutati del fattore di crescita dell'epidermide (Egfr) e della transizione mesenchima-epidermide (Met). Il farmaco attualmente è già disponibile in Italia per il trattamento in monoterapia di adulti con tumore del polmone non a piccole cellule (Nsclc) avanzato, con mutazioni da inserzione dell'esone 20 attivanti del fattore di crescita dell'epidermide (Egfr), dopo il fallimento della chemioterapia a base di platino.

Secondo Filippo de Marinis, direttore della divisione di Oncologia toracica dell'Istituto europeo di oncologia (Ieo) di Milano e presidente Aiot, Associazione italiana oncologia toracica, ''l'identificazione dell'approccio terapeutico più adeguato per i pazienti con Nsclc Egfr-mutato richiede la corretta identificazione delle diverse mutazioni, in quanto a ciascuna può essere associata una terapia differente, in prima linea, così come nelle linee di trattamento successive. I dati di amivantamab presentati a questo congresso Esmo- aggiunge - in pazienti con diverse mutazioni dell'Egfr, in diverse combinazioni e linee di trattamenti, mostrano complessivamente le grandi potenzialità di questa terapia innovativa che potrebbe diventare un nuovo futuro standard di trattamento per alcuni setting''. In Italia, il tumore del polmone colpisce ogni anno oltre 40 mila persone, rappresentando la prima causa di morte oncologica negli uomini e la seconda nelle donne. Due sono i tipi principali di tumore del polmone: il tumore polmonare a piccole cellule e il tumore non a piccole cellule (Nsclc, secondo la dicitura anglosassone). La forma Nsclc è l'85% delle nuove diagnosi di tumore al polmone e il 14%, nella popolazione europea, è legata a una mutazione dell'Egfr.

Nello specifico - dettaglia la nota - lo studio Mariposa ha mostrato una riduzione del rischio di progressione della malattia o di morte del 30% con il trattamento in prima linea con la combinazione amivantamab e lazertinib rispetto alla terapia con osimertinib in pazienti con tumore del polmone Nsclc con mutazioni comuni dell'Egfr in stadio localmente avanzato o metastatico

TAG: ANTICORPI, ONCOLOGIA, TUMORE POLMONE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

19/07/2024

Il glioblastoma è il tumore cerebrale più aggressivo con un tasso di sopravvivenza a lungo termine inferiore al 2%. Nonostante la ricerca, la prognosi rimane infausta, ma nuove prospettive possono...

19/07/2024

Passi in avanti nella lotta contro il tumore grazie al lavoro dei ricercatori dell'Irst di Meldola, nel forlivese. Una nuova tripletta di farmaci potrebbe cambiare lo standard di cura dei pazienti...

19/07/2024

Dai problemi legati agli aspetti sociali a quelli in ambito familiare, come il rapporto con i figli o la sessualità, fino agli aspetti correlati al mondo del lavoro e all’inserimento...

19/07/2024

Nella perdurante assenza di una legge che regoli la materia, i requisiti per l'accesso al suicidio assistito restano quelli stabiliti dalla sentenza n. 242 del 2019, compresa la dipendenza del...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top