Login con

vaccini

24 Ottobre 2023

Vaccini, Moderna: nel 2025 primo “2 in 1” contro Covid e influenza

L'americana Moderna annuncia l'avvio della fase 3 - l'ultimo step di sperimentazione clinica - per il candidato vaccino mRna-1083,  primo vaccino '2 in 1' contro influenza e Covid


Potrebbe arrivare nel 2025 il primo vaccino '2 in 1' contro influenza e Covid. L'americana Moderna annuncia l'avvio della fase 3 - l'ultimo step di sperimentazione clinica - per il candidato vaccino mRna-1083. La prima dose è stata somministrata oggi, informa l'azienda. Secondo le previsioni, il trial arruolerà circa 8mila adulti nell'emisfero settentrionale. Moderna, si legge in una nota, "continua a puntare a una potenziale approvazione normativa iniziale per il vaccino combinato nel 2025". Lo studio di fase 3 - spiega Moderna - valuterà "l'immunogenicità, la sicurezza e la reattogenicità" di mRna-1083 rispetto a un controllo attivo, ossia rispetto alla co-somministrazione di vaccini già autorizzati contro influenza e Sars-CoV-2. Due le coorti indipendenti di adulti sulle quali il candidato vaccino combinato verrà testato: 4mila persone over 65 e 4mila di età compresa fra 50 e 65 anni.

Il trial - ricorda l'azienda - segue lo studio di fase 1-2 in cui mRna-1083 ha mostrato "una forte immunogenicità contro influenza e Covid-19, con una reattogenicità e un profilo di sicurezza accettabili, rispetto ai vaccini singoli approvati". Più nel dettaglio, tecnicamente il prodotto "ha raggiunto titoli anticorpali di inibizione dell'emoagglutinazione simili o superiori a quelli di entrambi i vaccini antinfluenzali quadrivalenti autorizzati, e titoli anticorpali neutralizzanti Sars-CoV-2 simili al booster bivalente Spikevax".

Per Moderna, "mRna-1083 ha il potenziale per ridurre efficacemente il carico complessivo delle malattie respiratorie virali acute, fornendo una protezione simultanea contro i virus dell'influenza e Sars-CoV-2, con una singola iniezione". Il candidato vaccino '2 in 1' offre inoltre "una maggiore comodità" e potrebbe accrescere l'adesione alla vaccinazione, così da arrivare a "una maggiore conformità alle raccomandazioni" sulla quota di popolazione da proteggere. In definitiva, "questo approccio potrebbe apportare benefici alla salute pubblica, aumentando sinergicamente i tassi di copertura contro i virus dell'influenza e Sars-CoV-2".

TAG: COVID, INFLUENZA, MODERNA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

18/04/2024

CGM TELEMEDICINE, la divisione del Gruppo CompuGroup Medical Italia (CGM) Italia presenta, in occasione della partecipazione a Exposanità, i suoi innovativi software integrati con...

18/04/2024

Promuovere la consapevolezza sulle diverse dimensioni della salute della donna, dalla prevenzione alla salute riproduttiva, dall'accesso ai servizi sanitari all' equità di genere. È con questo...

18/04/2024

Le note dell’arancia amara rimandano ai ricordi lontani, così come quelle fresche del neroli o del petit grain delle foglie. Con l’intento di risvegliare la memoria olfattiva condivisa da...

18/04/2024

Le malattie cardio, cerebro e  vascolari, che rappresentano ancora oggi la prima causa di mortalità  in Italia con oltre 216.000 decessi nel 2021 pari al 31% dei decessi  complessivi avvenuti...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top