Login con

Farmaci

16 Ottobre 2023

Disabilità, per il 50% dei pazienti attesa fino a sei mesi per un ausilio

Da tre a sei mesi per la consegna un ausilio alla mobilità: sono i tempi di attesa per il 50% dei pazienti con disabilità, secondo un'indagine sulle modalità di erogazione di questi supporti realizzata da Confindustria Dispositivi Medici e presentata a Bologna al 51/mo Congresso della Società italiana di medicina fisica e riabilitativa


Disabilità, per il 50% dei pazienti attesa fino a sei mesi per un ausilio

Da tre a sei mesi per la consegna un ausilio alla mobilità: sono i tempi di attesa per il 50% dei pazienti con disabilità, secondo un'indagine sulle modalità di erogazione di questi supporti realizzata da Confindustria Dispositivi Medici e presentata a Bologna al 51/mo Congresso della Società italiana di medicina fisica e riabilitativa.
Il 52,2% delle persone che utilizzano ausili, secondo la survey, non ha ricevuto una valutazione clinica del contesto abitativo, lavorativo o scolastico nella scelta del presidio, che solo nel 19% dei casi è stata fatta al domicilio. Al 43,4% dei pazienti è stato chiesto di pagare un'integrazione di tasca propria per la consegna dell'ausilio, nel 41,3% dei casi questa integrazione era del 10% o più della tariffa del presidio. Per niente soddisfatto del servizio di fornitura (tempi, procedure etc) è il 37% degli utenti, mentre il 58,7% lo è invece nella fase di manutenzione e assistenza tecnica.
L'indagine ha coinvolto, tra gli altri, i pazienti utilizzatori di ausili sia assistenziali che riabilitativi, che devono comunque essere verificati, adattati, assemblati sul singolo paziente, come sistemi posturali, sedie a rotelle manuali ed elettriche. "In Italia oltre 3 milioni di pazienti sono alle prese con procedure per l'approvvigionamento di ausili che impediscono adattabilità adeguate, tempi celeri e accesso alla migliore tecnologia possibile con rischi sul percorso di cura e riabilitazione", ha commentato Alessandro Berti, presidente Ausili di Confindustria Dispositivi Medici. "Il Dpcm Lea del 2017, sebbene abbia introdotto nuove tecnologie nei livelli essenziali di assistenza, è fermo a 6 anni fa - ha proseguito - e con l'introduzione di gare generaliste per l'acquisizione degli ausili, anche quelli complessi, ha generato un caos che si ripercuote sull'utente finale: tempi lunghi di attesa del dispositivo, scarsa appropriatezza del presidio alle reali esigenze di disabilità e spesso costi extra da pagare di tasca propria".
Secondo Berti, "non sono minori le difficoltà per le regioni e le Asl, che per sopperire a queste problematiche (gare sospese o annullate, mancata adattabilità del presidio) adottano procedure di approvvigionamento differenti, generando una situazione non omogenea a livello nazionale e un'iniquità di accesso alle cure con il conseguente aumento del fenomeno della mobilità sanitaria". Berti ha infine auspicato una revisione degli elenchi introdotti nel Dpcm, "che permetta di risolvere la problematica degli ausili complessi".

TAG: AZIENDE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

15/07/2024

Johnson & Johnson ha voluto promuovere, insieme ai diversi interlocutori del sistema Salute della Regione Lazio, un’iniziativa finalizzata ad individuare proposte in ambito organizzativo e...

15/07/2024

È disponibile in Italia per le persone con diabete, a partire dai 2 anni di età, il sensore FreeStyle Libre 2 Plus. Il sistema, che dura 15 giorni annuncia in una nota Abbott permette, con...

15/07/2024

La Commissione Europea, tramite HERA l'Autorità per la risposta alle emergenze sanitarie, ha presentato alla Critical Medicines Alliance un rapporto tecnico che valuta le vulnerabilità della catena...

15/07/2024

Se interrogati sul futuro della sanità, i giovani italiani puntano i riflettori sul superamento delle differenze, a partire da quelle socioeconomiche ritenute da 7 su 10 ‘under 30’ come la causa...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top