Login con

vaccini

05 Luglio 2023

Gavi, the Vaccine Alliance, amplia l'accesso ai vaccini nei Paesi a basso reddito

Si è svolto pochi giorni fa l’ultimo consiglio di amministrazione di Gavi, ente di cooperazione mondiale tra soggetti pubblici e privati che ha l’obiettivo di garantire un miglior livello di salute per i bambini e per la popolazione, principalmente attraverso la realizzazione di campagne di vaccinazione nei paesi in via di sviluppo


Si è svolto pochi giorni fa l’ultimo consiglio di amministrazione di Gavi, ente di cooperazione mondiale tra soggetti pubblici e privati che ha l’obiettivo di garantire un miglior livello di salute per i bambini e per la popolazione, principalmente attraverso la realizzazione di campagne di vaccinazione nei paesi in via di sviluppo. Gavi raccoglie al suo interno governi, istituzioni, donatori privati e fondazioni. In particolare, in questo ultimo meeting sono state prese importanti decisioni per ampliare il portafoglio di programmi vaccinali per Paesi a basso reddito. Il Consiglio ha riconfermato il ruolo dell’ente nella preparazione e risposta alle pandemie e ha discusso i progressi del cosiddetto “acceleratore africano”, uno strumento finanziario per la produzione sostenibile di vaccini in Africa. Nello specifico, sono stati approvati gli investimenti pilota per vaccini candidati in fase sperimentale contro il virus di Marburg ed Ebola Sudan.

Il focus della riunione ha riguardato l'approvazione dell'investimento nel vaccino esavalente (six-in-one). In sintesi, si tratta di una combinazione tra un vaccino pentavalente, che protegge da difterite, tetano, pertosse, epatite B e Haemophilus influenzae di tipo b, e il vaccino antipolio inattivato (IPV). L'introduzione dell’esavalente consentirà una protezione più efficiente e un contenimento dei costi, oltre ad espandere la copertura dell'IPV per contribuire agli sforzi di eradicazione della polio. Il Consiglio ha inoltre confermato che Gavi, nell'ambito della transizione dal COVAX (programma internazionale che favorisce l'accesso equo ai vaccini anti Covid-19), continuerà a sostenere i Paesi nei loro sforzi per garantire che i gruppi ad alto rischio siano protetti anche nel 2024-2025. Sempre in merito al programma COVAX sono state anche discusse le possibili opzioni per l'utilizzo dei fondi disponibili tramite il meccanismo COVAX Advance Market Commitment (AMC), grazie alla rinegoziazione dei contratti con i produttori del programma e ai fondi di contingenza dedicati al pool di vaccini pandemici. Le opzioni che saranno discusse con i donatori del progetto includono la preparazione e la risposta al Covid, alle emergenze sanitarie, al recupero dagli effetti della pandemia e l'espansione delle capacità di immunizzazione. Opzioni concrete verranno presentate al Consiglio di amministrazione nel mese di dicembre.

In più, si è previsto anche il riavvio dei programmi di introduzione di vaccini precedentemente approvati, ma messi in pausa a causa della pandemia o per ritardi nello sviluppo di prodotto. L’elenco comprende la dose di epatite B alla nascita, i richiami per la difterite-tetano-pertosse (DTP) e la profilassi post-esposizione alla rabbia (PEP). Inoltre, il Consiglio ha anche approvato una lunga lista di vaccini da considerare per l'inclusione nella prossima Strategia di investimento sui vaccini di Gavi, che sarà finalizzata entro il 2024. La lunga lista approvata comprende prodotti autorizzati o in fase di sviluppo contro epatite E, mpox, dengue, Covid-19, tubercolosi, streptococco di gruppo B, chikungunya e shigella.

Il Consiglio di amministrazione ha riconosciuto il ruolo critico di Gavi nella prevenzione, preparazione e risposta alle pandemie, nonché nel rafforzamento della sicurezza sanitaria globale. Di conseguenza, è stato approvato un investimento, limitato nel tempo, per le scorte pilota di candidati vaccini sperimentali contro le malattie emergenti. Questa iniziativa mira a garantire che, in caso di futura minaccia pandemica, ci sia una capacità di risposta rapida e flessibile per proteggere la salute pubblica. Nello specifico, è stato presentato un aggiornamento sul lavoro svolto dall’ente per aumentare la produzione regionale di vaccini, con particolare attenzione all'Africa, in collaborazione con importanti stakeholder come i Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie (Africa CDC). Il Consiglio ha anche sottolineato la crescente minaccia dei cambiamenti climatici e dei focolai con potenziale epidemico, sottolineando il ruolo centrale dei vaccini in tutte le emergenze sanitarie pubbliche di rilevanza internazionale (PHEIC). Inoltre, al fine di affrontare le criticità degli approvvigionamenti per alcuni vaccini, il Consiglio ha approvato un investimento limitato nel tempo per creare scorte pilota, denominate "inventari virtuali globali in comune" (GVPI), di candidati vaccini sperimentali contro le malattie di Marburg ed Ebola Sudan. L'obiettivo del GVPI è quello di creare riserve pronte all'uso di potenziali vaccini sperimentali in caso di epidemie. Al termine del Consiglio, Il professor José Manuel Barroso, presidente di Gavi, ha dichiarato che “le decisioni prese dal Consiglio di amministrazione aiuteranno i Paesi a combattere le malattie in modo più efficace, a contenere i costi, ad essere meglio equipaggiati per contrastare le minacce emergenti per la salute e a continuare a proteggere le persone più a rischio dal Covid-19".

Cristoforo Zervos

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/04/2024

Il 26 marzo a Milano si è svolto l'evento “Brevetti e Segreti: Trasferimento Tecnologico nelle Scienze della Vita” organizzato ITTBioMed di Edra e DLA Piper, con il supporto di Lendlease, MIND...

12/04/2024

L'invecchiamento è il principale fattore di rischio per l'insorgere del cancro. Non solo l'accumulo di mutazioni genetiche, ma anche il deterioramento del sistema immunitario e l’esposizione...

12/04/2024

In Italia il 60% degli over 65 è colpito da una malattia cronica e, tra queste, le malattie cardiometaboliche sono le più frequenti. Gestire e tenere sotto controllo queste patologie richiede...

12/04/2024

Sono i trentenni sardi i più disponibili a dare il proprio consenso alla donazione degli organi, mentre ancora una volta è Trento la città più generosa d'Italia 

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top